Gia' in corso la campagna di Capodanno per l'uva tradizionale delle feste

"Questo è il periodo più movimentato dell'anno, nelle nostre strutture. Per Capodanno, abbiamo tra le 100 e le 120 persone in più che lavorano: numeri che sono sempre più difficili da raggiungere, considerata la difficoltà di reperire manodopera; inoltre, gli stipendi sono aumentati del 20% quest'anno", afferma Miriam Cutillas, del dipartimento commerciale e marketing della spagnola Uvasdoce.

In Spagna è tradizione consumare 12 acini d'uva al rintocco della mezzanotte, come auspicio di buona sorte.

"La campagna è stata difficile, finora. Le piogge cadute a settembre e dicembre ci hanno fatto perdere fino al 40% della nostra produzione di uva da tavola. Subito dopo, le temperature sono aumentate causando un eccesso di umidità nei frutti, che ha rovinato parte della produzione, tra 1 e 1,5 milioni di chili".

Tuttavia, i più colpiti sono stati i produttori della varietà con semi Aledo, vitigno che ha anche subito improvvisi sbalzi di temperatura, con settimane molto fredde e altre molto calde.

Líneas de calidad extra Uvasdoce Premium

"Il prezzo delle uve da tavola nazionali è piuttosto basso, soprattutto per quelle con semi, la cui media è diminuita tra il 15 e il 20% rispetto allo scorso anno. Le piccole imprese che si concentrano sulla produzione di uva da tavola con semi sono state fortemente colpite dall'aumento del salario minimo. Coloro che coltivano la tradizionale varietà Aledo stanno attraversando un periodo molto difficile. Nel nostro caso, nonostante le difficoltà sarà possibile salvare la stagione, perché circa il 90% della nostra produzione riguarda uve da tavola senza semi e poiché queste varietà sono maggiormente apprezzate, ci permettono di trovare più mercati".

Exportamos más de la mitad de la producción

La Uvasdoce sta già ricevendo, dal Sudafrica e dalla Namibia, le prime uve da tavola bianche senza semi. Nel frattempo, continua anche a lavorare con le uve rosse nazionali Crimson senza semi, provenienti dai loro vigneti. Tuttavia, finiranno prima del previsto a causa delle conseguenze causate dalle piogge. In questo periodo dell'anno, il prezzo dell'uva da tavola è salito alle stelle, soprattutto quello delle merci d'importazioni.

Il Sudafrica, l'Inghilterra e l'Irlanda rimangono i Paesi dove questa azienda, con sede ad Alicante, spedisce la maggior parte delle sue uve da tavola senza semi anche se, sul mercato interno, la domanda continua a crescere anno dopo anno, secondo Miriam.

Per quanto riguarda la Brexit, il produttore ed esportatore afferma che la preoccupazione che c'era all'inizio dell'anno non c’è più. "All'inizio eravamo abbastanza spaventati, ma abbiamo finito per fare un'ottima campagna nel Regno Unito, nel 2019. Due anni fa abbiamo deciso di non espanderci più sul mercato britannico, anche se ogni anno continuiamo leggermente a crescere, con i nostri soliti clienti. Dal momento che ci sono altri mercati, non possiamo rischiare, dato ciò che potrebbe accadere".

Per maggiori informazioni:
Miriam Cutillas (Marketing Manager)
UVASDOCE
Ctra. Monforte-Agost km. 6,9
Partida de las Norias n.º 188. Spain
T: +34 965 620 125
M: +34 659670964
info@uvasdoce.com
www.uvasdoce.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto