Avvisi





Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Come ottimizzare il processo di lavorazione dei mirtilli

Una semplice modifica può avere conseguenze importanti: è risultato evidente dal recente sforzo di ottimizzare il processo di lavorazione dei mirtilli. Oggi le macchine selezionatrici smistano i piccoli frutti sfusi molto rapidamente, e in base a tutti i requisiti di qualità. Rispetto alla selezione manuale, il guadagno è enorme.

Si continua a lavorare per l'ottimizzazione di questo processo. Dopo tutto, la velocità con cui le macchine gestiscono i piccoli frutti potrebbe essere maggiore, se si migliorasse la primissima fase del processo di lavorazione: l'ingresso. Automatizzare la velocità di entrata potrebbe migliorare l'intero processo che va dal prodotto sfuso alla confezione finale. E' l'opinione di Thomas de Meijer, senior mechanical design engineer di BBC Technologies, azienda neozelandese entrata a far parte di TOMRA lo scorso anno.

A tal fine, la BBC Technologies ha sviluppato il Tray Tipper. Il meccanismo di ribaltamento automatico dei vassoi garantisce un ingresso più costante e una distribuzione più uniforme dei mirtilli nella fase successiva del processo, quando entra in azione il selezionatore ottico KATO260.

"Quando non ci sono intoppi in ingresso, le prestazioni della KATO260 e delle successive linee di imballaggio migliorano considerevolmente", ha spiegato Thomas. Il calibro medio dei mirtilli gioca un ruolo importante in questo. "Pensiamo a un diametro medio dei piccoli frutti, in un imballo fornito da un coltivatore, di 15 mm. Poiché KATO260 gestisce 280 piccoli frutti al secondo, è possibile decidere l'esatta velocità di ingresso necessaria alla selezionatrice ottica per i bins voluminosi. Quando il calibro medio cambia, ad esempio a 18 mm, anche quella proporzione viene modificata. A volte, questo significa che devono essere posizionate dal 10 al 30% in più di bins al minuto.

Dalla parte dell'alimentazione, è appena percettibile una piccola differenza di 3 mm nella dimensione media del prodotto sfuso. Tuttavia, la selezionatrice ottica la rileva e, fornendo un feedback, può regolare la velocità d'ingresso del Tray Tipper.

"Svuotare i bins potrebbe sembrare semplice, ma è difficile farlo bene. Il Tray Tipper non elimina del tutto il lavoro dell'uomo. Thomas ha detto: "E' ancora necessario che i dipendenti mettano i vassoi sul trasportatore di ingresso. Potrebbero ribaltare anche i vassoi ma, oltre al fatto che il Tray Tipper lo fa in modo più più costante, è anche piuttosto difficile mantenere l'attenzione per otto-dieci ore".

L'ottimizzazione dell’input garantisce un'esecuzione ottimale delle prestazioni dell'intera linea e, di conseguenza, la velocità di gestione è molto più rapida e può già controbilanciare parte dell'aumento di capacità. Le stime mostrano che la produzione di mirtilli continuerà ad aumentare nei prossimi anni. Per i trasformatori, ciò non significa che, in proporzione, aumenteranno anche gli investimenti.

"Se si desidera una capacità ancora più elevata, non è necessario investire immediatamente in una nuova linea, perché ad esempio i flussi di due macchine KATO260 possono essere uniti, raddoppiando la capacità di movimentazione", ha concluso Thomas.

Per maggiori informazioni:
Marijke Bellemans
Email: marijke.bellemans@tomra.com

Thomas de Meijer
Email: thomas.de.meijer@tomra.com

TOMRA Sorting NV
Tel.: + 32 (0) 16 742 817 
Cell.: +32 (0) 476 74 19 18
Web: www.tomra.com


Data di pubblicazione:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2019

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto