Un viaggio studio della NFO

Timori per la prossima stagione delle pomacee

La settimana scorsa, l'organizzazione dei frutticoltori olandesi NFO della sezione Kring Zeeland/Noord-Brabant e la divisione NFO Delta Noord hanno intrapreso un viaggio studio di due giorni in Germania. La prima azienda visitata dal gruppo è stata però la Fruithandel Wouters, a Rummen, in Belgio.

Dopo la caduta della Cortina di Ferro, i primi camion cechi e polacchi attraversarono il paese per acquistare frutta. Qualche tempo dopo, si aggiunse la Russia e, da quel momento, il Belgio ha esportato molta frutta in Russia, soprattutto pere Conference. Una grande fetta del settore delle pomacee belga era orientato verso il mercato russo. Le sanzioni derivanti dall'embargo sono state, quindi, un duro colpo.

"Il 90% delle vendite era rappresentato dai nostri clienti russi - spiega Kris Wouters, di Fruithandel Wouters - Quest'anno, inoltre, è stato molto difficile a causa della siccità e dell'arrivo di grandi volumi. Ho timore per ciò che potrebbe accadere la prossima stagione".

"I coltivatori hanno poche alternative"
Wouters non ha idea di come si possa risolvere la drammatica situazione delle pomacee in Belgio, ma è chiaro che sul mercato c'è troppo prodotto, i coltivatori hanno pochissime alternative e in Belgio il consumo di frutta deve aumentare. "Non c'è un paese al mondo dove al momento le pomacee vadano altrettanto male come in Belgio. Tuttavia, speriamo che la prossima stagione le cose migliorino. In Polonia sembra ci siano meno mele, a causa delle gelate. Anche in Italia ci sono meno pere e anche il Belgio ha avuto problemi con la grandine in alcune zone".

Conference
"Nonostante i prezzi bassi, quest'anno non abbiamo trovato nessun nuovo mercato per le nostre mele Conference. Ci sono paesi che non vogliono pere con una buccia così rugginosa, nemmeno se il loro sapore è ottimo. Quello del Medio Oriente è un mercato conservatore, che predilige pere sfumate di rosso e di piccole dimensioni. Le pere Conference non le vogliono. Si preferisce una pera di bell'aspetto, ma con meno sapore. Anche in Vietnam è stata fatta una prova con la pera Conference, ma - continua il coltivatore e commerciante - come succede anche per gli altri consumatori mediorientali, i vietnamiti non vogliono una pera dalla buccia rugginosa".

"L'anno scorso abbiamo avuto molte pere di piccole dimensioni a causa della siccità, che sono state molto apprezzate in Medio Oriente".

"QTee permette di estendere la base di clientela"
Nel 2011, Wouters si è imbattuto in Norvegia nella pera Celina (marchio commerciale QTee). "Avevamo già condotto diverse prove con le pere sudafricane con buccia rossastra, ma non sono andate bene. Invece, in Belgio la pera con sfumatura rossa QTee è andata ottimamente. Attualmente, questa varietà è stata già piantata in 11 paesi e l'anno scorso la sua licenza è stata acquistata da 21 paesi diversi".

La QTee è una varietà precoce e viene raccolta con due settimane e mezzo di anticipo rispetto alla Conference. "E' positivo che il periodo di raccolta della QTee non si sovrapponga a quello della Conference.  In questo modo, i coltivatori possono gestire un po' meglio il periodo di picco.

Contatti:
Kris Wouters
Fruithandel Wouters
Kasteellaan 21
3454 Rummen
+32(0)475283696
Email: kris@woutersfruit.be
Web: www.qtee-pear.com 


Data di pubblicazione:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2019

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto