Il commento di un produttore della Sila

Al via la campagna delle fragole di montagna

Durerà fino al 15 novembre, clima permettendo, ed è partita da almeno una settimana: parliamo della campagna delle fragole di montagna nel cuore della Sila, in prossimità del lago Cecita.

Non solo fragole, ma anche patata della Sila Igp, orticole destinate alla IV gamma e un'attività vivaistica: un lavoro di produzione che si svolge su oltre 50 ettari e di cui abbiamo parlato con Sandro Scrivano dell'omonima società agricola.

"Nella nostra azienda abbiamo cominciato la raccolta delle fragole di varietà Albion da circa una settimana. Il prodotto si presenta abbastanza bene. Il mese di maggio è stato un po' freddo, ma ora le temperature sono in rialzo e favoriscono la produzione. Conferiamo il prodotto ad Apofruit e produciamo su circa 4 ettari, in ambiente protetto". 

"L'anno scorso abbiamo rinnovato gli impianti, mettendo a dimora nuove piante nel mese di aprile, con raccolta a luglio. Quest'anno, le piante, già ambientate, sono perciò entrate in produzione un po' prima. Dovremmo avere un mese in più di raccolto e si spera quindi in rese superiori".

Patata della Sila Igp
"Anche nel caso delle patate, il caldo di giugno ha fatto recuperare sul maggio freddo. Il terreno si è riscaldato, favorendo lo sviluppo dei tuberi – continua Scrivano – I trapianti hanno registrato dei ritardi, ma finora abbiamo recuperato. Quindi diciamo che al momento siamo in linea con le annate precedenti. La raccolta dovrebbe partire nel mese di settembre". La coltivazione delle patate avviene su 38 ettari. Le varietà rientrano nel disciplinare dell'Igp e sono Agria, Maribel, Desirée e Nicola. La società offre anche prodotto biologico. 

Raccolta Patata della Sila Igp bio - ottobre 2018

Per quanto riguarda le orticole, la Scrivano produce radicchio, pan di zucchero (cicoria), scarola liscia e riccia, lattuga iceberg e romana. "Abbiamo iniziato a trapiantare, con un po' di ritardo per via del maltempo di maggio, ai primi di giugno. La raccolta avverrà nella finestra temporale luglio-settembre e l'intera produzione, cui sono dedicati 15 ettari, è sotto contratto con aziende appartenenti al settore della IV gamma".

Manodopera e risorse idriche: le sfide principali
"Ogni anno è sempre più difficile trovare forza lavoro. Non tanto per le patate (che richiedono una maggiore meccanizzazione) quanto per fragole e ortaggi. Non è una questione di prezzi o pagamenti; mancano proprio le persone per questa attività – spiega Scrivano – Il secondo maggiore problema è l'acqua: nonostante in Sila ci siano dei bacini/laghi appositi, gli impianti per l'irrigazione non sono utilizzabili a causa di ritardi burocratici e politici. Siamo costretti a pompare le risorse a motore, con costi ulteriori di gasolio".

Attività vivaistica in collaborazione con NSG
"Prima di produrre fragole, eravamo un'azienda vivaistica. Non riuscendo tuttavia ad ottenere riscontri commerciali con le varietà utilizzate, avevamo abbandonato quest'attività. L'anno scorso siamo entrati in contatto con la Nova Siri Genetics (NSG) e, da quest'anno, abbiamo avviato un vivaio di piante madri per la fragolicoltura. La nostra zona è molto vocata a questa attività e, per il prossimo anno, si prevede di espanderla ulteriormente", conclude Scrivano.

Contatti:
Sandro Scrivano
Società agricola Scrivano
C.Da Vaccarizzo
87050 Spezzano della Sila (CS)
Cell.: +39 337 236457 
Email: info@terredaltopiano.it
Web: www.terredaltopiano.it


Data di pubblicazione:
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2019

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto