Rischio cinghiatura delle mele

Temperature sotto zero in Trentino e Alto Adige: danni da verificare

La scorsa notte, fra il 6 e il 7 maggio 2019, in diverse zone del Trentino-Alto Adige le temperature sono scese al di sotto dello zero. Il rischio era concreto e la temperatura è diminuita in maniera differente a seconda delle vallate.

L'attuale stadio fenologico dei meli in Val di Non, ad altezza 700 metri slm

Fabrizio Zadra, coltivatore della Val di Non, precisa che "nella mia zona, a 700 metri sul livello del mare, abbiamo avuto fino a 3 gradi sottozero. Ed è durato alcune ore, dalle 4 alle 7 del mattino. Sopra gli 800 metri, la temperatura è rimasta sottozero dalla mezzanotte". 

Questa situazione può causare la classica cinghiatura delle mele, una fisiopatia che deprezza totalmente la produzione. "E' ancora presto per valutare i danni - continua il produttore - ma spero che qui in zona non ce ne siano troppi. Forse più in quota, dove le temperature sono rimaste sottozero per 7 ore, potrebbero esserci maggiori problemi".

Di certo non si è trattato della gelata devastante di due anni fa quando, poco dopo la metà di aprile, la colonnina di mercurio scese sottozero di parecchi gradi e per molte ore. E la fase fenologica era quella della piena fioritura. 

Contatti:
Fabrizio Zadra
Fraz. Casez 38010 Sanzeno
Val di Non (Trento)
Tel.: (+39) 3492977264
Email: info@agrituricolori.it
Web: www.agrituricolori.it


Data di pubblicazione:
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2019

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto