Francia: troppo rischioso produrre fragole a residuo zero

Quando arriva il bel tempo e la settimana di Pasqua, sempre più consumatori desiderano i frutti rossi. Secondo Mickael Bazile di Sacfel, le condizioni del mercato delle fragole sono state favorevoli. "L'offerta si è ben adattata alla domanda attuale. Nella scorsa settimana, il commercio è un po' più dinamico del solito. Le promozioni strutturano e stimolano la domanda. L'organizzazione dell'offerta è essenziale".

Tuttavia, i volumi commercializzati sono abbastanza simili alle altre settimane. "Commercializziamo circa 250-300 tonnellate a settimana. Nonostante questi grandi volumi, non possiamo servire nuovi clienti. Le nostre fragole sono riservate ai clienti che ci seguono fin dall'inizio della campagna".

Annualmente, Sacfel commercializza circa 3.500 tonnellate di fragole. Offre le varietà Gariguette, Ciflorette, Charlotte, Murano, Clery o Dream.

Per un prodotto di gusto e qualità
"La nostra filosofia è sin dall'inizio quella di offrire una fragola di gusto e qualità. Sotto il nostro marchio "Marianne" vogliamo promuovere il know-how dei nostri produttori".

"La fragola è un prodotto estremamente fragile, con una durata molto breve. E' quindi necessario che la protezione delle colture attuata sia efficace per massimizzare la vita del prodotto. Non abbiamo adottato l'approccio ZRP (zero residui di pesticidi), perché implica una grande assunzione di rischi da parte del produttore e noi non vogliamo mettere in pericolo i coltivatori. Garantire il ritorno ai produttori e un prodotto di qualità ineccepibile per i consumatori è già abbastanza complicato da raggiungere nel quadro giuridico francese".

"D'altra parte, ci siamo orientati verso una certificazione delle aziende agricole di livello 3 HVE, che rappresenta anche un passo verso un'agricoltura più rispettosa dell'ambiente".

Approccio iper-locale e familiare
Fondata nel 1976, la società ha sede ad Aiguillon, nel sud-ovest della Francia. Vende fragole coltivate da oltre 30 produttori situati a una distanza massima di 10 chilometri dall'impianto. Il 98% del prodotto è collocato nei supermercati. Tutte le fragole Sacfel vengono coltivate in in tunnel o in una serre riscaldate (principalmente biomassa). La coltivazione fuorisuolo riduce il consumo di acqua del 75% e offre ai dipendenti migliori condizioni di lavoro rispetto alla coltivazione in pieno campo.

L'azienda di famiglia è gestita da Eric Bazile fin dal 2005, mentre suo figlio Mickael Bazile è entrato in azienda nel 2017 dopo un periodo come buyer per il gruppo Pomona.

La campagna di Sacfel comincia a marzo e termina a novembre per le varietà emergenti come Charlotte o Murano. Queste fragole sono in grado di rifiorire e dunque riprodurre frutti nello stesso ciclo vegetativo.

Contatti:
Sacfel
Tel : +33553796188
mickael.bazile@sacfel.fr 


Data di pubblicazione:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2019

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto