Visita in campo ieri pomeriggio all'azienda San Martino di Forli'

Impianto noci intensivo: ecco i video della raccolta meccanizzata

La coltivazione del noce in maniera intensiva si può compiere solo con un'elevata meccanizzazione. In California vi sono impianti da 500 ettari. In Italia qualcosa si sta muovendo e l'azienda San Martino di Forlì che fa capo alla New Factor, conta già 100 ettari che a breve saliranno a 150 ed entro 5 anni saranno 300. A fornirci queste informazioni è il direttore operativo Alessandro Zampagna (foto sotto) che abbiamo incontrato in campo ieri pomeriggio.



Giornata uggiosa, terreno molto umido ma comunque praticabile nell'impianto inerbito. Il cantiere di raccolta si compone di due macchine. La prima scuote vigorosamente pianta per pianta, facendo cadere le noci (complete di mallo). Qui sotto, il video della fase di scuotimento.



Come si nota, lo scuotimento dura pochi secondi ma è molto energico, tanto che tutto il terreno circostante vibra. La macchina ha un convogliatore che sposta le noci fuori dalla linea di passaggio delle ruote, così da non schiacciarle.


La macchina scuotitrice

La seconda macchina ha due spazzole ruotanti che convogliano le noci verso il centro, dove vengono raccolte da un organo che le porta nella parte posteriore. Quando il serbatoio di carico giunge al culmine, viene vuotato in un carro trainato da una trattrice. Qui sotto, il video della macchina per la raccolta.



"Quest'anno la raccolta si è protratta più del previsto - dichiara Zampagna - a causa delle temperature alte del mese di settembre. Affinché il mallo (la parte esterna che avvolge la noce, ndr) maturi e si apra, serve un abbassamento delle temperature. Le rese sono ancora in fase di calcolo, probabilmente un po' inferiori al 2015, mentre la qualità è molto elevata".


La macchina per la raccolta

In Emilia Romagna si sta continuando a piantare noci per coltivazioni intensive. La sfida del futuro è quella di gestire la produzione in modo da evitare abbassamenti di prezzo. Anche se, va precisato, in Italia le importazioni sono molto maggiori rispetto alla produzione interna.

Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto