Avvisi

La clessidra

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Svizzera: situazione mai vista prima

Mele: importazioni necessarie a causa di un raccolto scarsissimo

Era chiaro che la raccolta delle mele sarebbe stata modesta a causa delle gelate tardive della fine di aprile di quest'anno. Tuttavia, non era chiaro quanto sarebbe stata modesta. Ora sono disponibili i numeri definitivi. "Ho lavorato in questo settore per 26 anni, ma non ho mai vissuto una situazione del genere", afferma Marc Wermelinger, direttore generale di Swisscofel, Associazione del commercio svizzero di frutta, verdura e patate.

A fine novembre erano disponibili quasi 40.000 tonnellate di mele, circa il 35% in meno rispetto ad un anno fa. Lo stock è quindi nettamente al di sotto delle 57.000-60.000 tonnellate, numeri a cui punta in ogni caso l'industria della frutta. "Questa fornitura verrà consumata rapidamente, molte varietà presto non saranno più disponibili", spiega Wermelinger.

Alcune varietà come Elstar, Rubinette o Cox Orange sono già esaurite. Le mele Boskoop dovevano essere state già importate - ad alto costo. Le varietà comuni Golden Delicious e Gala sono ancora disponibili, in quantità maggiori. Tuttavia, le mele attualmente in magazzino non dureranno fino al prossimo raccolto.



Stock di mele a partire dal 30 novembre 2017 - immagine: LID


Secondo Wermelinger, le mele svizzere potrebbero esaurirsi a metà aprile. Per evitare ciò, l'industria vuole importare mele ed integrare l'offerta locale, per esempio con mele di seconda scelta per la vendita al dettaglio a prezzi inferiori, attualmente troppo poche. Wermelinger: "Le mele che sono state raccolte quest'anno erano di ottima qualità, mele di prima categoria."

L'industria della frutta ha già presentato domanda all'Ufficio federale dell'agricoltura per una quota di importazione di 6.000 tonnellate per il periodo da gennaio a marzo 2018. L'industria delle mele attende ora la decisione del governo federale. La legislazione che regola tali importazioni non prevede importazioni come queste fino ad aprile e solo fino ad un massimo di 2.500 tonnellate. "Il 2017 è assolutamente un anno eccezionale che richiede misure straordinarie", afferma Wermelinger,

Se il governo rifiutasse le importazioni supplementari, i commercianti potrebbero fare pressioni affinché i confini vengano aperti del tutto, non appena le scorte iniziano a scarseggiare. Questo, a sua volta, farà temere tra i frutticoltori le importazioni di mele troppe economiche, facendo diminuire le vendite (e i prezzi) di quelle svizzere.

"Il nostro obiettivo è importare solo quelle quantità di cui il mercato svizzero ha bisogno", afferma Wermelinger. La situazione attuale è estremamente difficile per il commercio e i produttori. "Commercializzare un piccolo raccolto è impegnativo, come per uno grande".


Fonte: LID

Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto