Avvisi

La clessidra

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Da uno studio dell’Universita' di Catania e del CREA-ACM

Arance rosse: livello e assunzione di composti bioattivi

Le arance rosse sono costituite da tre cultivar principali (Moro, Tarocco e Sanguinello) e rappresentano la frutta più importante del comparto agrumicolo del sud Italia, in cui si coltivano circa 170mila ettari per una produzione media annua di circa 3.4 milioni di tonnellate.

Il 47% della popolazione italiana consuma arance, con un valore medio di 98 g/giorno, che significa un consumo che può variare da 100 fino a 500 g/giorno nelle persone adulte (>18 anni) e superare i 65 g/giorno nei giovani (<18 anni).



I ricercatori dell'Università degli Studi di Catania e del CREA-ACM (Consiglio per la Ricerca in Agricoltura e l'analisi dell'economia agraria – Centro di Ricerca per l'Agrumicoltura e le Colture Mediterranee di Acireale) hanno analizzato il contenuto dei composti bioattivi presenti nelle arance rosse, considerando le singole cultivar (Moro, Tarocco e Sanguinello), e nei succhi di frutta (ottenuti sia da non concentrato sia ricostituiti da concentrato). Successivamente, hanno simulato l'assunzione di questi composti dai consumatori di arance rosse.

Sia la composizione chimica sia l'assunzione di antiossidanti (antociani, acido ascorbico e acidi idrossicinnamici) sono state determinate per le tre cultivar di arance rosse e i succhi di frutta. Il lavoro completo è stato pubblicato sulla rivista internazionale Food Chemistry.

I valori medi dei composti bioattivi rilevati nella parte edibile delle arance erano: 9,6 mg/100 g per gli antociani; 8,1, 0,7, 1,3, 3,8, 2,5 mg/100 g di acidi idrossicinnamici totali, ac. caffeico, ac. sinapico, ac. ferulico e ac. cumarico, rispettivamente e 59,1 mg/100 g di acido ascorbico.

Il consumo di arance rosse contribuisce a un'assunzione giornaliera di 9,4 mg (fino a 55 mg/giorno) di antociani e 58,5 mg (fino a 340 mg/giorno) di vitamina C, rispettivamente - spiegano i ricercatori- I dati suggeriscono che il 50% dei consumatori, maschi e femmine, ricevono più del 70% e il 90% del valore EAR (Estimated Average Requirement, Fabbisogno Medio Stimato) di vitamina C, rispettivamente. Il 25% dei maschi e il 40% delle donne ha un apporto superiore alla EAR.

Fonte: Biagio Fallico, Gabriele Ballistreri, Elena Arena, Selina Brighina, Paolo Rapisarda, 'Bioactive compounds in blood oranges (Citrus sinensis (L.) Osbeck): Level and intake, 2017, Food Chemistry, Vol. 215, pag. 67–75. www.sciencedirect.com/science/article/pii/S030881461631175X

Data di pubblicazione:
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto