Avvisi

La clessidra

Ricerca di personale

Speciale continua

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Gli ortaggi a radice piu' popolari negli Stati Uniti

L'umile patata è senza dubbio l'ortaggio a radice più popolare d'America, lasciandosi alle spalle gli avversari con un ampio margine e rappresentando il 15% di tutte le vendite di verdure delle aziende agricole. Ogni anno negli Stati Uniti viene raccolta l'impressionante cifra di 19,9 milioni di tonnellate di patate e gli Americani consumano una media pro capite di 20,8 kg di patate fresche, 24,9 kg di prodotti surgelati a base di patate e 7,7 kg di patatine fritte.

I gusti si sono evoluti, dato che i consumatori sono più orientati verso i prodotti trasformati rispetto a quelli freschi, e le patate si adattano bene a questa tendenza. Ad esempio, l'agenzia media Vox ha dichiarato che i 19 kg di patate fresche consumate pro capite sono appena la metà di quanto fossero nel 1960, quando gli Americani ne consumavano 36,7 kg all'anno.



Carote
Le carote sono il secondo ortaggio a radice più popolare negli USA, anche se sono solo al settimo posto nella lista delle verdure preferite stilata dall'USDA. Secondo le stime della Produce for Better Health Foundation, gli Americani consumano 29 carote pro capite all'anno. Vale a dire circa 3,85 kg di carote fresche e 0,3 kg di prodotto surgelato.

Le carote baby sono in testa: "E' il segmento che a partire dagli anni '90 ha mostrato la crescita più rapida nel settore delle carote e questo prodotto è tra i più popolari nei supermercati".

Patate dolci
Le patate dolci sono al terzo posto, con un raccolto USA di 1,36 milioni di ton nel 2015. Si tratta di una crescita impressionante: +80% tra il 2000 e il 2014, con un incremento anche nel consumo annuo pro capite fino a 3,4 kg.

Zucca
La zucca ha una popolarità nettamente inferiore rispetto alle patate dolci e nell'ultimo anno la sua produzione è diminuita notevolmente, passando da 590mila ton nel 2014 a 341mila ton nel 2016. Il Servizio di ricerca economica dell'USDA ha dichiarato: "La produzione è diminuita di oltre il 40% dal 2014, in gran parte a causa di un calo della superficie coltivata in Illinois, uno dei sei principali stati che producono la maggior parte delle zucche statunitensi; gli altri sono Ohio, Pennsylvania, California, New York e Michigan".

Clicca qui per leggere l'articolo completo (in inglese) su www.treehugger.com

Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto