Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

La concorrente Turchia beneficia di un basso tasso di cambio

Spagna: maggiori volumi e prezzi piu' bassi per i limoni

Le piogge di fine agosto e inizio settembre avevano fatto ben sperare in un avvio della stagione dei limoni anticipato di due settimane, ma il caldo insolito e la mancanza di pioggia che sono seguiti hanno riportato il calendario di maturazione alla normalità, facendo sì che si esaurisse nel frattempo tutta la produzione dell'emisfero sud. Di conseguenza, la raccolta dei limoni della varietà Fino è iniziata due settimane fa, e durerà fino a marzo 2014, quando sarà sostituita dalla varietà Verna, da inizio aprile a fine giugno.

Si stima che i volumi di produzione per questa stagione raggiungeranno le 910.000 tonnellate, un aumento dell'11% rispetto alla scorsa stagione, quando vennero raccolte 820.000 tonnellate. "Questo potrebbe ancora cambiare, a seconda delle condizioni climatiche e del ritmo del raccolto, così come possono cambiare i calibri e di conseguenza anche i volumi finali. Quello di quest'anno non è un grande aumento della produzione, ma ci permetterà di garantire la disponibilità del frutto per tutta la campagna", spiega José Antonio García, direttore dell'associazione Ailimpo.

La cattiva notizia per la Spagna è che la Turchia è già partita con le vendite il 20 settembre 2013, con un aumento della produzione del 20% e prezzi molto più bassi. "I loro costi di produzione sono, ovviamente, molto inferiori ai nostri, ma dovrebbe anche essere considerato che il governo turco prevede aiuti finanziari per le esportazioni di circa 60 euro per ogni tonnellata, e che il tasso di cambio tra la lira turca e l'euro, segnato dalla svalutazione del 19% della lira turca, consente alla Turchia di ridurre i prezzi senza alcun impatto sulla redditività".

"Questo mette in difficoltà gli esportatori spagnoli, all'inizio della campagna, soprattutto in Europa orientale, dove i prodotti spagnoli e turchi si scontrano. L'anno scorso, la Turchia aveva ben poca presenza in questi paesi, ma ora le cose sono cambiate".
In ogni caso, questi mercati sono generalmente i destinatari dei prodotti di seconda classe e, di conseguenza, se le cose sono difficili nel mercato della frutta fresca, "la Spagna ha il vantaggio di un'industria di trasformazione davvero avanzata e con una grande capacità".

I prezzi sono leggermente inferiori rispetto allo stesso periodo del 2012, e secondo José Antonio García, questo trend è destinato a continuare per l'intera campagna. Nonostante questo, "siamo moderatamente ottimisti sulla stagione, durante la quale dovremmo essere in grado di commercializzare tutta la produzione, ottenendo prezzi vantaggiosi, sia per i produttori che per gli esportatori."

Traduzione FreshPlaza Italia. Tutti i diritti riservati.

Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto