Avvisi

La clessidra

Ricerca di personale

Speciale continua

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Nuova Zelanda: pacchetto di aiuti per i kiwicoltori, ma non e' sufficiente

Alcuni coltivatori di kiwi neozelandesi riferiscono che l'auspicato arrivo di recenti sovvenzioni per alleviare la situazione dovuta alla batteriosi virulenta del kiwi (Psa-V) è stato una cosa positiva ma che, oltre ad arrivare in ritardo, risulta anche non sufficiente.

Mercoledì scorso, il ministero neozelandese dell'agricoltura ha dichiarato il batterio killer Psa-V come una minaccia di media portata alla biosicurezza nazionale ed ha annunciato un pacchetto di aiuti e sostegni finanziari per i coltivatori e le altre parti dell'industria che hanno risentito della diffusione della fitopatia.

La fitopatia ha colpito numerosi frutteti della zona settentrionale della nazione (dove sono presenti più di 200 frutteti), in particolare nella zona di Kerikeri ma anche in quella di Whangarei. Il pacchetto di supporto prevede la possibilità di beneficiare di consulenze e dell'aiuto di enti specializzati.

Inoltre, comprende anche delle sovvenzioni di assistenza rurale (RAPs) in caso di condizioni estreme dei lavoratori, pari a 342 dollari alla settimana per le famiglie senza figli che risultano idonee, oppure di 205 dollari a persona per chi supera i 25 anni.

Un coltivatore della zona di Whanagarei ha riferito che il pacchetto di assistenza rurale da 50 milioni di dollari - contributo emesso per il 50% dal governo e per il 50% dall'industria del kiwi - è stato "ben accetto, ma non sufficiente per un settore che vale 1,5 miliardi di dollari all'anno."

Fonte: northernadvocate.co.nz

Traduzione FreshPlaza Italia. Tutti i dritti riservati.

Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto