Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Australia: sottoprodotti della lavorazione dell'uva riducono le emissioni di gas metano delle mucche

Alcuni scienziati australiani hanno scoperto che gli scarti prodotti dalla lavorazione dell'uva potrebbero essere utili nella lotta al cambiamento climatico, aiutando al contempo le mucche a produrre latte di qualità migliore.

Lo studio del Dipartimento delle industrie primarie (DPI) condotto a Victoria ha scoperto che aggiungendo i raspi, le bucce e i semi dell'uva da vino all'alimentazione delle mucche da latte si riducono le emissioni di gas metano del bestiame, viene aumentata la produzione di latte e se ne migliorano le proprietà salutari.

Gli scienziati del DPI hanno aggiunto 5 kg di vinacce essiccate al mangime del bestiame per oltre 37 giorni e hanno confrontato la produzione e la composizione del latte e le emissioni di metano con quelle di un altro gruppo di mucche alimentato con una dieta normale.

I risultati hanno mostrato che il supplemento ha ridotto le emissioni di gas metano del 20%, aumentato la produzione di latte del 5% e incrementato la presenza di acidi grassi salutari nel latte quando non era disponibile foraggio verde.

Lo scienziato Peter Moate ha detto che i ricercatori sono rimasti stupefatti per questi risultati: "Ora sappiamo che l'integrazione con vinacce essiccate nella dieta delle mucche da latte aumenta gli acidi grassi salutari nel latte sano di oltre sei volte rispetto al foraggio standard autunnale," ha affermato.

"Questi particolari acidi grassi sono estremamente potenti nelle loro capacità benefiche per la salute del cuore e sono anche noti per il loro aiuto nel combattere il cancro, il diabete e l'artrite. Siamo riusciti a sfruttare ciò che è attualmente un prodotto di scarto dell'industria del vino per trasformarlo in una fonte di alimentazione di grande valore!"

Moate ha aggiunto che i produttori di vino australiani producono circa 200.000 tonnellate di vinacce ogni anno. Tuttavia ci sono dei limiti per il loro trasporto a causa della quarantena necessaria per prevenire la diffusione del parassita fillossera della vite.

I test sono stati condotti durante la fase avanzata del ciclo di allattamento e i ricercatori sperano di replicarne il successo in periodi in cui le mucche producono più latte.

"E' possibile che i vantaggi nell'utilizzo delle vinacce come integratore alimentare in una fase iniziale della lattazione possano essere ancora più significativi", ha concluso Moate.

Data di pubblicazione:
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto