Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Gli esportatori cileni di mele dovrebbero puntare alla Russia, secondo un rapporto

Secondo uno rapporto dell'Ufficio cileno degli studi e delle politiche agricole (ODEPA), il settore cileno delle mele ha bisogno di migliorare la strategia di marketing per poter incrementare la propria presenza, tuttora scarsa, in mercati chiave come la Russia. Secondo il rapporto, il mercato russo nel 2010 ha rappresentato il 15,2% delle importazioni mondiali di mele, ma nonostante la sua importanza, il Cile ha rappresentato solo una quota del 3% delle importazioni russe.

L'autore del rapporto, Jaime Bravo Mina, ha affermato che il settore dovrebbe raggiungere una maggiore coesione. "Il settore melicolo manca di una struttura organizzativa che consenta di agire congiuntamente in risposta alle nuove sfide imposte dal mercato consumer," ha detto.

Mina ha aggiunto che il settore melicolo potrebbe imparare dal successo di altri settori in Cile, come quello dell'avocado e quello del kiwi. Tuttavia, il rapporto ha evidenziato come il settore delle mele abbia migliorato la propria competitività, aumentando significativamente la produzione per ettaro e la percentuale di frutta esportabile. "Ma occorre anche sviluppare nuove confezioni, incorporare nuove tecnologie nei processi produttivi e sviluppare strategie di marketing innovative", ha aggiunto l'esperto.

Altri mercati con un grande potenziale per l'export di mele cilene sono l'Indonesia, la Thailandia e i Paesi del Medio Oriente, come l'Arabia Saudita. I 10 maggiori esportatori di mele rappresentano quasi l'80% delle esportazioni mondiali: la Cina guida la classifica con una quota del 14,2%, seguita da Cile (11,4%), Italia (10,9%), Stati Uniti (10%) e Polonia (9,2%).

Le statistiche della Camera di commercio internazionale (ICC) hanno mostrato che le esportazioni di mele a livello mondiale sono aumentate di oltre il 50% nel periodo 2001-2010. Le importazioni globali di mele sono aumentate del 55%, per un valore che nel periodo 2001-2010 è aumentato del 140%, arrivando a 5,882 milioni di dollari.

Data di pubblicazione:
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto