Presentazione di Interpoma 2010 al Fruit Logistica di Berlino

In occasione della fiera ortofrutticola internazionale Fruit Logistica (Berlino, 3-5 febbraio 2010), Fierabolzano-Messe Bozen ha colto l'occasione per annunciare, nel corso di una conferenza stampa, la settima edizione di Interpoma, la manifestazione dedicata alla mela, in programma dal 4 al 6 novembre 2010 a Bolzano.
In occasione della fiera ortofrutticola internazionale Fruit Logistica (Berlino, 3-5 febbraio 2010), Fierabolzano-Messe Bozen ha colto l'occasione per annunciare, nel corso di una conferenza stampa, la settima edizione di Interpoma, la manifestazione dedicata alla mela, in programma dal 4 al 6 novembre 2010 a Bolzano.
L'Alto Adige - Sud Tirolo e' l'area principe per la coltivazione di mele in Italia. Grazie all’influsso mediterraneo, il clima altoatesino di giorno e' mite, mentre di notte piu' fresco, dato che il territorio e' situato a ridosso delle Alpi. Nel corso dell'anno, 300 giornate di sole donano alla mela altoatesina un sapore unico, fresco e succoso, una polpa croccante, un colore invitante.
L'Alto Adige - Sud Tirolo e' l'area principe per la coltivazione di mele in Italia. Grazie all’influsso mediterraneo, il clima altoatesino di giorno e' mite, mentre di notte piu' fresco, dato che il territorio e' situato a ridosso delle Alpi. Nel corso dell'anno, 300 giornate di sole donano alla mela altoatesina un sapore unico, fresco e succoso, una polpa croccante, un colore invitante.
L'Alto Adige, che possiede tutte le carte in regola per una coltivazione delle mele di successo, e' considerato, non a caso, la regione piu' importante del settore in Europa.
L'Alto Adige, che possiede tutte le carte in regola per una coltivazione delle mele di successo, e' considerato, non a caso, la regione piu' importante del settore in Europa.
L‘Alto Adige assume il ruolo di leader nel comparto della produzione melicola europea grazie agli esemplari metodi di produzione sviluppati nel pieno rispetto dell'ambiente e alla coltivazione biologica adottata da un numero sempre maggiore di coltivatori.
L‘Alto Adige assume il ruolo di leader nel comparto della produzione melicola europea grazie agli esemplari metodi di produzione sviluppati nel pieno rispetto dell'ambiente e alla coltivazione biologica adottata da un numero sempre maggiore di coltivatori.
Su un'area di 18.500 ettari 8000 aziende familiari si dedicano con successo alla coltivazione di una mela definita di elevatissima qualita'. Tra le organizzazioni locali di produttori si annovera VOG, che commercializza le proprie mele a marchio Marlene.
Su un'area di 18.500 ettari 8000 aziende familiari si dedicano con successo alla coltivazione di una mela definita di elevatissima qualita'. Tra le organizzazioni locali di produttori si annovera VOG, che commercializza le proprie mele a marchio Marlene.
Il successo della zona di coltivazione melicola altoatesina e' il risultato di una complessa sinergia tra la ricerca (Centro per la Sperimentazione Agraria e Forestale Laimburg), la consulenza a 360 gradi nel comparto della produzione (Centro di consulenza per la fruttiviticoltura dell'Alto Adige), le scuole vivaiste (che hanno raggiunto un altissimo livello tecnico), l’istruzione e la formazione rivolte ai produttori (Scuola professionale per la frutti-, viti-, orto- e floricoltura Laimburg, Istituto Tecnico Agrario di Ora, Libera Università di Bolzano), le strutture di commercializzazione organizzate in cooperative di successo (associazioni di produttori VOG e VI.P) ed infine il lavoro appassionato e diligente di ogni singolo coltivatore.
Il successo della zona di coltivazione melicola altoatesina e' il risultato di una complessa sinergia tra la ricerca (Centro per la Sperimentazione Agraria e Forestale Laimburg), la consulenza a 360 gradi nel comparto della produzione (Centro di consulenza per la fruttiviticoltura dell'Alto Adige), le scuole vivaiste (che hanno raggiunto un altissimo livello tecnico), l’istruzione e la formazione rivolte ai produttori (Scuola professionale per la frutti-, viti-, orto- e floricoltura Laimburg, Istituto Tecnico Agrario di Ora, Libera Università di Bolzano), le strutture di commercializzazione organizzate in cooperative di successo (associazioni di produttori VOG e VI.P) ed infine il lavoro appassionato e diligente di ogni singolo coltivatore.
La mela Golden e' regina di queste aree produttive.
La mela Golden e' regina di queste aree produttive.
Il consorzio VIP-Val Venosta e', insieme a VOG, una delle realta' produttive piu' significative della regione.
Il consorzio VIP-Val Venosta e', insieme a VOG, una delle realta' produttive piu' significative della regione.
La coltivazione della mela non vanta solo una lunghissima tradizione, ma ha raggiunto elevatissimi standard riconosciuti anche all’estero, grazie a metodi moderni e ad un assortimento innovativo. Negli ultimi decenni, nel comparto della conservazione sono state sviluppate tecniche all’avanguardia, mentre nelle aziende di commercializzazione organizzate in cooperative sono stati fatti notevoli investimenti per migliorare i servizi nella selezione, nell’imballaggio e nella logistica.
La coltivazione della mela non vanta solo una lunghissima tradizione, ma ha raggiunto elevatissimi standard riconosciuti anche all’estero, grazie a metodi moderni e ad un assortimento innovativo. Negli ultimi decenni, nel comparto della conservazione sono state sviluppate tecniche all’avanguardia, mentre nelle aziende di commercializzazione organizzate in cooperative sono stati fatti notevoli investimenti per migliorare i servizi nella selezione, nell’imballaggio e nella logistica.
"La settima edizione della biennale internazionale dedicata alla mela, "Interpoma 2010", si terrà nei padiglioni di Fiera Bolzano in Alto Adige/Italia dal 4 al 6 novembre 2010. Un appuntamento che riunisce in questo territorio, la culla europea della coltivazione della mela, tutti i maggiori esperti provenienti dai quattro angoli del pianeta con l’obiettivo di misurare lo stato di salute di questo comparto, di presentare le novità più interessanti, di confrontarsi e di concludere affari."
"La settima edizione della biennale internazionale dedicata alla mela, "Interpoma 2010", si terrà nei padiglioni di Fiera Bolzano in Alto Adige/Italia dal 4 al 6 novembre 2010. Un appuntamento che riunisce in questo territorio, la culla europea della coltivazione della mela, tutti i maggiori esperti provenienti dai quattro angoli del pianeta con l’obiettivo di misurare lo stato di salute di questo comparto, di presentare le novità più interessanti, di confrontarsi e di concludere affari."
"Sono intervenuti alla presentazione (da sinistra a destra): Kurt Werth (Direttore del Consorzio "SK-Suedtirol"), Reinhold Marsoner (direttore di Fiera Bolzano), Evi Gotsch (Project Manager - Interpoma). La conferenza stampa ha avuto luogo in data 3 febbraio 2010, presso la Hall 4.2 - Stand B-10 di Fruit Logistica."
"Sono intervenuti alla presentazione (da sinistra a destra): Kurt Werth (Direttore del Consorzio "SK-Suedtirol"), Reinhold Marsoner (direttore di Fiera Bolzano), Evi Gotsch (Project Manager - Interpoma). La conferenza stampa ha avuto luogo in data 3 febbraio 2010, presso la Hall 4.2 - Stand B-10 di Fruit Logistica."
Tabella di informazione su date e orari di apertura di Interpoma 2010, con il costo del biglietto d'ingresso e l'indicazione del sito web di riferimento.
Tabella di informazione su date e orari di apertura di Interpoma 2010, con il costo del biglietto d'ingresso e l'indicazione del sito web di riferimento.
Un momento dell'intervento di Evi Gotsch (Project Manager - Interpoma).
Un momento dell'intervento di Evi Gotsch (Project Manager - Interpoma).
Tabella sull'evoluzione dei visitatori presso la fiera biennale Interpoma, la quale vuole proseguire il suo percorso di internazionalizzazione che nell’ultima edizione del 2008 ha ottenuto un ottimo risultato, con il 40% degli 11.653 visitatori proveniente dall’estero e la presenza di delegazioni ufficiali da Germania, Stati Uniti, Israele, Giappone e Nuova Zelanda. L’edizione 2010 di Interpoma vedrà il coinvolgimento delle associazioni di settore di tutti i Paesi, per offrire un quadro del settore melicolo mondiale sempre più chiaro e definito.
Tabella sull'evoluzione dei visitatori presso la fiera biennale Interpoma, la quale vuole proseguire il suo percorso di internazionalizzazione che nell’ultima edizione del 2008 ha ottenuto un ottimo risultato, con il 40% degli 11.653 visitatori proveniente dall’estero e la presenza di delegazioni ufficiali da Germania, Stati Uniti, Israele, Giappone e Nuova Zelanda. L’edizione 2010 di Interpoma vedrà il coinvolgimento delle associazioni di settore di tutti i Paesi, per offrire un quadro del settore melicolo mondiale sempre più chiaro e definito.
"Un momento dell'intervento di Kurt Werth (Direttore del Consorzio "SK-Suedtirol")."
"Un momento dell'intervento di Kurt Werth (Direttore del Consorzio "SK-Suedtirol")."
"A Interpoma 2010 si rinnova l’appuntamento con "La mela nel mondo", il congresso di riferimento del settore melicolo, organizzato dall’esperto di fama internazionale Kurt Werth in collaborazione con le organizzazioni frutticole altoatesine. Nel corso della tre giorni di studio esperti di fama internazionale e rappresentanti del settore si confronteranno per capire le evoluzioni future dell’universo melicolo mondiale. Argomento principale della prima sessione di lavoro – in programma giovedì 4 novembre - saranno i mutamenti del mercato e della geografia produttiva delle mele, con un focus sulle opportunita' commerciali in Medio Oriente e Nord Africa e un approfondimento dedicato ai nuovi bacini frutticoli dell’Europa Sud Orientale, come il Caucaso, la Krasnodar, il territorio del Don, la Moldavia e l’Ucraina."
"A Interpoma 2010 si rinnova l’appuntamento con "La mela nel mondo", il congresso di riferimento del settore melicolo, organizzato dall’esperto di fama internazionale Kurt Werth in collaborazione con le organizzazioni frutticole altoatesine. Nel corso della tre giorni di studio esperti di fama internazionale e rappresentanti del settore si confronteranno per capire le evoluzioni future dell’universo melicolo mondiale. Argomento principale della prima sessione di lavoro – in programma giovedì 4 novembre - saranno i mutamenti del mercato e della geografia produttiva delle mele, con un focus sulle opportunita' commerciali in Medio Oriente e Nord Africa e un approfondimento dedicato ai nuovi bacini frutticoli dell’Europa Sud Orientale, come il Caucaso, la Krasnodar, il territorio del Don, la Moldavia e l’Ucraina."
Residui, Carbon Footprint e Bilancio Energetico del settore melicolo, saranno invece protagonisti della seconda giornata convegnistica che, venerdì 5 novembre, mettera' in scena il confronto fra esponenti del mondo della produzione, della distribuzione, accademici e rappresentanti di alcune organizzazioni ambientaliste sui temi piu' caldi legati alla sicurezza alimentare e alla sostenibilita' in melicoltura. Obiettivo e' dare vita ad una piattaforma di valori condivisa fra tutti gli attori della filiera, per rispondere in modo coerente ed efficace alle richieste di un consumatore sempre piu' sensibile ai temi del food safety e della eco compatibilità di ciò che acquista.
Residui, Carbon Footprint e Bilancio Energetico del settore melicolo, saranno invece protagonisti della seconda giornata convegnistica che, venerdì 5 novembre, mettera' in scena il confronto fra esponenti del mondo della produzione, della distribuzione, accademici e rappresentanti di alcune organizzazioni ambientaliste sui temi piu' caldi legati alla sicurezza alimentare e alla sostenibilita' in melicoltura. Obiettivo e' dare vita ad una piattaforma di valori condivisa fra tutti gli attori della filiera, per rispondere in modo coerente ed efficace alle richieste di un consumatore sempre piu' sensibile ai temi del food safety e della eco compatibilità di ciò che acquista.
La biennale Interpoma si avvale della collaborazione di molti partners, a vario titolo coinvolti nella filiera melicola.
La biennale Interpoma si avvale della collaborazione di molti partners, a vario titolo coinvolti nella filiera melicola.
Il commento di Alessandro Dalpiaz, in veste di presidente dell'associazione WAPA, sul ruolo di Interpoma, considerata un indispensabile punto di incontro e di confronto per l'intera industria della mela.
Il commento di Alessandro Dalpiaz, in veste di presidente dell'associazione WAPA, sul ruolo di Interpoma, considerata un indispensabile punto di incontro e di confronto per l'intera industria della mela.
Arrivederci a novembre!
Arrivederci a novembre!

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto