Avvisi

Ricerca di personale

Speciale continua

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Jonathan Rhodes, Perlim Noix:

"Quest'anno la campagna francese delle noci sta affrontando numerose sfide"

Nonostante la riconosciuta ineguagliabile qualità delle noci francesi, Jonathan Rhodes, direttore di Perlim Noix, è preoccupato per il futuro dell'origine. "Le noci fanno parte di un mercato globalizzato. Oggi diversi fattori complicano la commercializzazione delle noci francesi".

Aumento del 17% della produzione mondiale di noci
Negli ultimi anni, è arrivato sul mercato un nuovo produttore di noci, incrementando notevolmente i volumi mondiali. "Il Cile è diventato un importante produttore di noci. Non era così fino a non molto tempo fa. Questo nuovo ingresso aumenta la pressione competitiva sull’origine francese, che già subiva una forte concorrenza. Il Cile, così come la Cina, hanno contribuito quest'anno all'aumento del 17% della produzione mondiale di noci".

Il mercato fatica ad assorbire queste rese più elevate. "A livello globale, prima dell'arrivo del nuovo raccolto dall'emisfero boreale e dell'inizio della campagna nordamericana, il mercato era già sufficientemente rifornito. Ci sono stati anche molti trasferimenti di lotti in California", spiega Jonathan Rhodes.

Aumento della produzione contro calo del potere d'acquisto
Il problema è che questo volume in eccesso arriva su un mercato in difficoltà a livello di consumo. "Al momento, la situazione economica in Europa è decisamente complicata. La Francia è protetta dallo scudo energetico che modera l'aumento dei costi energetici. In altri Paesi, come l'Inghilterra o la Spagna, questi costi possono essere otto volte più alti, il che inevitabilmente esercita una forte pressione economica su tutte le famiglie. Occorre trovare un compromesso a più livelli, compreso quello alimentare. Le noci non sono considerate prodotti di base, quindi risentono molto del calo del potere d'acquisto. Oggi si stima il 15% in meno nelle vendite di frutta secca e frutta a guscio, mentre la produzione globale è aumentata del 17%".

Abbondante produzione francese con calibri per lo più piccoli
Come molti altri settori, anche la noce francese ha subito le conseguenze della siccità. Quest'anno la qualità è ancora ottima e il raccolto è notevolmente aumentato, ma i calibri sono piccoli o medi. "Negli ultimi due anni, il raccolto francese ha rappresentato circa 36.000 tonnellate. Quest'anno ha raggiunto le 45.000 tonnellate, ovvero 10.000 tonnellate in più di noci da vendere nell'attuale contesto economico. Inoltre, le esportazioni ora richiedono calibri superiori a 32 mm e quest'anno solo il 25% della produzione francese soddisfa questo criterio. Abbiamo molti calibri medi o piccoli, purtroppo meno popolari. Questo rende ancora più difficili le vendite".I prezzi globali hanno raggiunto livelli molto bassi
In soli 18 anni, la produzione mondiale di noci è triplicata, raggiungendo i 2,6 milioni di tonnellate. L'evoluzione della domanda, tuttavia, non corrisponde a un tale aumento della produzione, quindi i prezzi sono stati spinti al ribasso. "Siamo di fronte a quotazioni molto basse e, mentre alcuni clienti sono sensibili alla qualità delle nostre noci e ai loro calibri, altri guardano solo al prezzo".

Oltre a queste sfide, quest'autunno le temperature sono state relativamente miti, il che non ha spinto i consumatori ad acquistare i prodotti di stagione. "Ottobre è stato molto caldo, quindi le persone hanno consumato più insalate che verdure invernali. Abbiamo anche osservato che la grande distribuzione aveva previsto che la domanda sarebbe stata inferiore quest'anno. Il problema è che un negozio che vendeva 30 sacchi di noci proverà a ottenere lo stesso margine di guadagno con 10. E saranno i produttori a pagarne le conseguenze".

"Quest'anno, nonostante il drastico aumento dei costi di produzione, il prezzo al chilogrammo pagato al produttore è diminuito notevolmente rispetto allo scorso anno. Certo, anche la produzione è aumentata, ma la situazione è ancora anomala. La domanda che forse ci si dovrebbe porre è se le varietà di noci francesi siano ancora adatte al mercato globale di oggi".

Per maggiori informazioni:
Jonathan Rhodes
Perlim Noix
19130 Saint-Aulaire - Francia
Tel: +33.555.25.29.62
Cell: +33 608.28.74.84
jonathan@perlim.com 
www.perlim.com 


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto