Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

I coltivatori di verdure ucraini sono preoccupati per i prossimi mesi

Per gli ucraini settembre è il momento in cui fa scorta di verdure per l'inverno. La raccolta è appena stata effettuata, quindi i prezzi sono bassi. I contadini vendono molte patate, cipolle, carote e cavoli. Questi sono i principali ortaggi che sono acquistati per il consumo invernale.

Cavoli e carote non vengono venduti sfusi. Non molti di questi sono ortaggi necessari per l'inverno. Ma gli acquirenti possono approfittare dei bassi prezzi stagionali. Il prezzo di cavoli e carote è di 0,67 euro/kg. In inverno, la quotazione di questi ortaggi può raggiungere 0,90-1,00 euro/kg. Il risparmio per gli acquirenti è di circa un terzo rispetto al livello dei prezzi invernali.

Anche nella regione di Donetsk si coltivano cavoli e carote. Le condizioni per questa coltivazione sono le stesse della coltivazione delle cipolle. Oltre ai principali ortaggi, oggi viene venduta anche molta frutta. Settembre è la stagione di raccolta per mele, pere e uva. I prezzi della frutta in questo momento sono di 0,40-0,54 euro/kg per le mele, 0,45-0,60 euro/kg per le pere, 1,00-1,35 euro/kg per l'uva.

La guerra ha cambiato il mercato
Gli agricoltori locali e gli abitanti dei villaggi si sono adattati alla guerra. Non hanno avuto paura e hanno lavorato in condizioni pericolose. Pertanto sono riusciti ad avere un guadagno. Anche gli intermediari che lavorano con le verdure locali, come le patate, hanno mantenuto le loro posizioni. Le strade sono aperte. C'è il carburante. La gente è pronta a comprare le verdure. Di conseguenza c'è un guadagno anche per gli intermediari.

Al contrario, i venditori di frutta e verdura esotica hanno praticamente perso la loro fonte di reddito. Banane, arance, kiwi, ananas, noci di cocco, limoni e altri esotici non vengono quasi mai venduti nel Donbass. Il trasporto di questi frutti è diventato molto costoso. Del resto, le rotte marittime del Mar Nero sono bloccate.

Fonte: arr.news


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto