Avvisi

La clessidra

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Obiettivo mancato a causa della carenza di manodopera

Completata la raccolta dei kiwi neozelandesi 2022

La raccolta 2022 del più importante prodotto della Nuova Zelanda, il kiwi, è ora in gran parte completata su quasi tutti i frutteti dei 2.800 coltivatori, da Kerikeri a nord a Motueka a sud. La stagione 2022 avrebbe dovuto registrare una produzione record di almeno 190 milioni di vassoi di kiwi, superando il record dello scorso anno di oltre 177 milioni di vassoi. In media, ogni vassoio contiene circa 30 kiwi. Tuttavia, le revisioni delle stime indicano che il volume di quest'anno sarà inferiore a quello del 2021. Questa previsione di riduzione è dovuta alla carenza di manodopera, al carico del raccolto e alle condizioni meteo. È in corso una valutazione.

Il 2022 è anche il primo anno in cui il nuovo kiwi RubyRed di Zespri è stato raccolto come varietà commerciale, seguito poi dalle varietà Gold e Green. Il kiwi rosso dal sapore dolce e sfumato di bacche è stato raccolto per gli scaffali dei supermercati della Nuova Zelanda e dei mercati esteri.

Nonostante le difficoltà a reperire manodopera stagionale all'inizio dell'anno, tutti i coltivatori hanno potuto raccogliere e confezionare i loro kiwi. Il successo del raccolto dei kiwi del 2022 è dipeso dalla capacità della catena di fornitura di operare in modo efficiente, con una disponibilità di manodopera limitata e nell’incertezza legata alla pandemia. I 24.000 lavoratori stagionali necessari per raccogliere e imballare il raccolto si sono ridotti, a causa dei contagi da Covid-19 e della chiusura dei confini che hanno limitato i 6.500 backpacker tradizionalmente impiegati per le attività di raccolta.

L’amministratore delegato della New Zealand Kiwifruit Growers Inc. (NZKGI), Colin Bond, afferma che l'esperienza del Covid-19 delle due stagioni precedenti ha dato all'industria del kiwi la lungimiranza di semplificare i processi lungo la filiera, per mitigare i rischi.

"I coltivatori e l'industria in generale sono stati sottoposti a forti pressioni per garantire la raccolta dei kiwi della Nuova Zelanda. Il nostro settore svolge un ruolo fondamentale nell'assumere lavoratori a tempo indeterminato e stagionale, nonché nel supportare le imprese locali associate al settore dei kiwi, in tutta la Nuova Zelanda. Vorrei anche fare una menzione speciale lavoratori dipendenti stagionali riconosciuti (RSE) delle Isole del Pacifico che si sono fatti avanti in circostanze straordinarie, per ricoprire ruoli in cui non era possibile trovare lavoratori neozelandesi", afferma Colin. "Togliere tutti i frutti dalle viti sarebbe stato molto difficile senza di loro".

Per attirare i lavoratori stagionali a raccogliere e imballare, la NZKGI ha avviato per il quarto anno la sua campagna per pubblicizzare i lavori stagionali ai neozelandesi. La campagna include la promozione, attraverso diversi mezzi di comunicazione, delle posizioni lavorative nonché le informazioni su cosa aspettarsi dal lavoro nel settore.

Quasi tutti gli impianti di confezionamento hanno detto alla NZKGI che avrebbero pagato almeno il salario di sussistenza di 22,75 dollari l'ora. Inoltre, si prevedeva che per la raccolta dei kiwi si sarebbe superato il salario minimo, con una media di 27 dollari l'ora pagata l'anno scorso, quando il salario minimo era di 20 dollari l'ora. La NZKGI sta attualmente studiando il settore per determinare i salari finali per la stagione 2022.

Quest'anno i coltivatori hanno continuato a registrare un aumento dei costi, come i tassi di retribuzione, che hanno un impatto sulla redditività della loro attività. L'aumento dei costi di manodopera, carburante e spedizioni, insieme al previsto volume inferiore del raccolto, avrà un impatto sui profitti dei coltivatori, che sono importanti non solo per i coltivatori, ma anche per il contributo economico che i coltivatori apportano alle loro comunità. L'industria del kiwi è un operatore importante per le comunità di tutta la Nuova Zelanda, con un contributo nel 2021 di 2,2 miliardi di dollari.

Fonte: nzherald.co.nz


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto