In aumento la domanda per i kiwi d'importazione negli States

L'andamento del mercato d'importazione dei kiwi si sta vivacizzando, con il susseguirsi delle varie produzioni sul mercato.

Un operatore afferma che, attualmente, la maggior parte delle forniture di kiwi arriva dall'Italia, la cui produzione è leggermente più bassa rispetto a quella dell'anno scorso a causa, in parte, di un'estate secca. "Perciò avvertiamo una leggera carenza nelle forniture, ma non sta andando così male come pensavamo".

L'Italia ha cominciato a spedire la sua prima varietà, ossia la Green Light, ai primi di settembre, anche se negli Stati Uniti è arrivata negli ultimi 10 giorni di tale mese. Il paese continuerà con le spedizioni fino ad aprile, forse anche ai primi di maggio, quando abbandonerà il mercato non appena il Cile comincerà a inviare volumi più consistenti di questi frutti.

Quest'anno, il Cile ha terminato le sue forniture un po' prima, perché anche il suo raccolto è stato un po' più basso.

L'operatore afferma che presto arriverà anche il prodotto greco, sul mercato statunitense. "Solitamente, la Grecia comincia più tardi rispetto all'Italia e sta iniziando ora con il confezionamento dei frutti, che probabilmente arriveranno nella prima metà di dicembre". Egli sostiene che la Grecia terminerà intorno allo stesso periodo dell'Italia, se non addirittura prima.

I centri di imballaggio europei resteranno aperti?
Tutte queste forniture dall'Europa, tuttavia, dipendono da un fattore significativo. "Speriamo che i centri di confezionamento in Europa non chiudano a causa dell'epidemia di Covid-19. Abbiamo un po' di scorte, qui negli Stati Uniti, proprio per assicurarci di essere coperti nel caso la fornitura si interrompesse".

Allo stesso tempo, la domanda di kiwi è stata più contenuta. "A ottobre la richiesta non è stata particolarmente grande, perché i rivenditori non destinano molto spazio ai kiwi quando i prezzi sono alti". L'operatore osserva che le forniture più limitate hanno portato a prezzi più elevati per i kiwi cileni e anche quelli italiani hanno sperimentato quotazioni maggiori, soprattutto a inizio ottobre. "Le vendite sono andate a rilento, ma ora si stanno riprendendo".

Detto ciò, il giorno del Ringraziamento e l'avvicinarsi della stagione festiva non significano necessariamente un miglioramento del mercato dei kiwi. "A gennaio, alcuni rivenditori lanciano delle promozioni facendo leva sull'alimentazione sana. Tuttavia, i kiwi si vendono molto bene tra febbraio e aprile, quando il livello Brix è più alto. Inoltre, con l'arrivo della primavera le persone consumano più frutta".

Per quanto riguarda i prezzi dei kiwi, al momento sono bassi, con poco più di 20 dollari FOB per i frutti di grandi dimensioni. "Il mercato è diminuito un po' da ottobre, quando i prezzi superavano i 25 dollari - spiega l'operatore - Ritengo che le quotazioni si fermeranno a questi livelli per tutta la stagione".

La stagione ha visto anche alcuni sviluppi in termini di varietà. Mentre la stagione del kiwi Gold si è conclusa, l'operatore nota che i volumi di kiwi Soreli stanno aumentando, come anche quelli a polpa rossa. I frutti in arrivo dall'Italia giungeranno verso la fine di questo mese e saranno venduti a prezzi premium.


Data di pubblicazione:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2021

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto