Sergio Alonso, della Cosanse, guarda al mercato interno

'Le esportazioni di drupacee non sono piu' redditizie'

La stagione delle drupacee inizia nella provincia spagnola di Saragozza con le prime albicocche, nettarine e pesche piatte, e inizieranno presto anche i raccolti di pesche e susine.

Secondo Sergio Alonso, del reparto vendite della Cosanse, la più grande cooperativa di Saragozza, le prime operazioni di vendita sono state finora molto diverse rispetto allo scorso anno. "All'inizio di questa campagna, i prezzi risultavano più bassi: c'è una maggiore offerta e ci aspettiamo più concorrenza e, quindi, maggiore pressione sui prezzi. Abbiamo iniziato con molta incertezza, dal momento che dobbiamo ancora vendere l'85% della frutta".

L'ondata di caldo ha avuto un buon impatto sulla domanda, anche se c’è uno scotto da pagare per la produzione. "Le alte temperature sono buone quando si tratta di aumentare la domanda di drupacee, sebbene tale clima acceleri la maturazione e faccia sì che i calibri risultino più piccoli. Ci sono stati anche casi di scottature della buccia dei frutti, in alcune azienda della zona", dice Alonso. Quando il frutto matura così rapidamente, diventa più difficile pianificarne la commercializzazione", afferma.

Meno ciliegie e prezzi più alti del 40% quest'anno
Nel frattempo, sta per finire la campagna delle ciliegie della provincia. Per la cooperativa, la raccolta avviata all'inizio di quest'anno, è stata più contenuta in termini di volume, dopo aver venduto circa il 25% in meno rispetto alla scorsa stagione. Tuttavia, "grazie alla buona qualità e ai calibri dei frutti e al fatto che le condizioni commerciali sono state ideali, il prezzo medio è stato del 40% più alto. Inoltre, siamo stati meno sotto pressione della concorrenza di altri Paesi, come la Grecia, la Turchia e i Paesi europei dove spediamo i frutti", afferma Sergio Alonso.

"Le esportazioni di drupacee non sono più redditizie"
Dall'introduzione dell'embargo russo, il settore delle drupacee sta attraversando alcuni anni difficili, con prezzi sotto pressione e margini di profitto molto bassi. "L'esportazione di drupacee, un tempo molto redditizia, ha smesso di esserlo nelle ultime stagioni, ad eccezione delle ciliegie. Le ultime tre campagne ne sono una dimostrazione, poiché prodotti come le pesche noci hanno raggiunto una maggiore redditività sul mercato spagnolo. Sembra che i mercati di esportazione stiano diventando un luogo in cui fornire grandi volumi. In ogni caso, la verità è che i prezzi continuano a essere stabiliti nei mercati del Nord Europa. In quei Paesi c'è stata una maggiore produzione di frutta, i prezzi sono automaticamente scesi, indipendentemente dalla qualità del prodotto o dai costi dei nuovi imballaggi, etichettatura o trasporto", afferma il produttore e il commerciante.

"Non dovremmo certo dimenticare che la Spagna, con oltre 46 milioni di abitanti, e un'enorme presenza di turisti nei mesi estivi, è un mercato con un grande potenziale. In questo mercato lavoriamo con cinque grandi catene di supermercati, con sede nella zona della costa mediterranea, dove realmente si ha un aumento dei consumi in estate, grazie proprio all'afflusso turistico".

Contatti:
Sergio Alonso Zaragoza
Sociedad Cooperativa Agraria San Sebastián (COSANSE)
T: +34 976600050
Email: admincosanse@cosanse.com
Web: www.cosanse.com


Data di pubblicazione:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2019

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto