Avvisi

Ricerca di personale






Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Da Bologna, il punto sul mercato ortofrutticolo

Secondo le informazioni raccolte da FreshPlaza presso il mercato ortofrutticolo all'ingrosso di Bologna (CAAB), le prime drupacee spagnole, in particolare le pesche, che presentano un anticipo stagionale rispetto alla merce italiana di 15-20 giorni, sono state in contrattazione in questi giorni, su prezzi interessanti, considerata la natura di primizia del prodotto: 2 euro/kg per i calibri maggiori, sotto 1,50 euro/kg per quelli minori. La merce è comunque di qualità non eccelsa.

Più costose le nettarine spagnole, semplicemente in quanto disponibili in volumi minori rispetto alle pesche. Secondo l'operatore intervistato da FreshPlaza: "la prossima settimana la situazione potrebbe capovolgersi, con la diminuzione di offerta delle varietà precoci di pesche e l'aumento dei volumi in arrivo di nettarine".

La stagione della ciliegia italiana è cominciata questa settimana, con prezzi oscillanti da un minimo di 4,50-5 euro/kg ad un massimo di 10-11 euro/kg a seconda del calibro, del colore e in genere della qualità, che è un fattore molto importante nella formazione del prezzo. "C'è una certa confusione al momento - osserva l'operatore - in quanto i prezzi interessanti spuntati da queste primizie inducono alcune aziende a buttare dentro qualsiasi cosa, senza un accurato lavoro di selezione, come invece fanno altre aziende fornitrici di ciliegie".

Sono presenti sul mercato anche alcune partite di ciliegie spagnole di calibri piccoli e qualità inferiore al prodotto italiano, vendute intorno a 3 euro/kg e idonee ad una certa fascia di domanda. La merce spagnola di maggiore qualità e calibro viene destinata al mercato francese, remunerativo in questo periodo, in quanto la Francia, pur essendo un grande produttore di ciliegie, avvia la sua stagione in un periodo più tardivo. "Si pensi che una piccola parte della produzione cerasicola spagnola - riferisce l'operatore del CAAB - viene coltivata in serra proprio per ii mercato francese".

Le prime albicocche spagnole hanno fatto la loro comparsa sul mercato in contemporanea con le prime produzioni pugliesi, segno che nel Sud Italia si sta investendo in varietà precoci. Secondo l'operatore: "Non credo perciò che le albicocche spagnole avranno molto spazio sul mercato, pur se la merce si presenta di gran calibro".

L'arrivo della frutta estiva ha fatto drasticamente calare le vendite della frutta invernale (mele e pere). Per quanto riguarda i kiwi, c'è ancora in giro merce nazionale di qualità buona, anche se va consumata in tempi abbastanza rapidi non appena esce dalle celle di stoccaggio. Il prodotto cileno è stato ostacolato dal precoce arrivo del kiwi neozelandese. Secondo l'operatore: "Ritengo si possa vendere kiwi italiano ancora fino quasi alla fine del mese".

Per il settore orticole, sono previste in arrivo per la prossima settimana le produzioni di pomodori, peperoni, zucchine e altri ortaggi dal Nord Italia, mentre la campagna del Sud Italia volge al termine. "I venditori del meridione - commenta l'operatore - vorrebbero spuntare al momento prezzi un poco più remunerativi, dato lo scemare delle quantità offerte. Tuttavia, un po' per la minore qualità delle produzioni a fine stagione, un po' per il previsto avvio della campagna ortaggi del settentrione, questo tentativo è destinato a fallire".

Per concludere, si segnala una domanda molto debole per la frutta esotica. "I consumi sono talmente bassi - afferma l'operatore del CAAB - che molti hanno tolto questa tipologia di merce dai banchi. Alcuni invece, in numero ridotto, importano prodotto di elevata qualità via aerea e lo vendono a caro prezzo per il segmento più alto di mercato".



Data di pubblicazione: 15/05/2009
Autore: Rossella Gigli
Copyright: www.freshplaza.it

 

 
 
tweet

rispondi
 
email
 
stampa
 
iscriviti

 

Altre notizie relative a questo settore:

31/10/2014 Il 65% degli acquirenti mondiali e' ancora legato ai negozi "fisici"
31/10/2014 UK: migliora la qualita' degli ortofrutticoli al dettaglio
31/10/2014 Regno Unito: il clementine Octubrina in esclusiva presso la catena Tesco
30/10/2014 Apple Pay: si apre una nuova era per i pagamenti digitali in USA e UAE
29/10/2014 Francia: incontro ministeriale per discutere il crollo dei prezzi dell'ortofrutta
29/10/2014 Russia: O'Key inaugurera' 50 nuovi negozi discount
29/10/2014 Auchan lancera' piattaforme ortofrutticole in Russia
28/10/2014 Immagino da' i numeri: 20.000 prodotti gia' digitalizzati
28/10/2014 Mezzo secolo di storia per METRO Cash and Carry
28/10/2014 Come i retailer francesi hanno fermato i discount Lidl e Aldi
28/10/2014 Primi otto mesi del 2014: non arriva la ripresa dei consumi ortofrutticoli
28/10/2014 Come puo' il format del convenience store resistere all'avvento delle vendite multicanale?
27/10/2014 GDO: Esselunga prima in Italia davanti ad Auchan
27/10/2014 Conad punta a ridurre del 40% le emissioni di CO2
27/10/2014 Commercio al dettaglio: l'andamento ad agosto 2014
24/10/2014 UK: la sfida tra le App dei supermercati
24/10/2014 Slovenia: ricapitalizzazione della Mercator
24/10/2014 Intermarche' lascia la Romania
24/10/2014 Eataly: confermata l'apertura a Londra nel settembre 2016
23/10/2014 Polonia: in futuro il peso della vendita al dettaglio aumentera' al 70-80%

 

Commenti:


Mi spiegate perchè non capisco,
le albicocche cv. ninfa di ottima qualità e pezzatura i commercianti lider della nostra zona ce le pagano solo a 40 centesimi con raccolta a nostro carico e nei mercati i prezzi sono intorno ai 2 euro/kg. possono veramente strozzarci senza che questo venga denunciato.
come posso fare per guadagnare il mio giusto e non essere fregato da questa nuova mafia.
Pompeo mario, matera, montescaglioso - 22/05/2010 22:24:54


Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*