Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale






Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



In corso la raccolta turca delle pesche: i prezzi non soddisfano i coltivatori

A Mersin, una delle città della Turchia pioniere nella produzione di pesche in serra, è iniziata la raccolta. I produttori sono soddisfatti della qualità del primo raccolto nell'area di Kazanli. Tuttavia, l'aspettativa di quotazioni elevate non ha avuto riscontro sul mercato e i coltivatori si sono dichiarati insoddisfatti dei guadagni.

Il presidente della Camera dell'agricoltura di Mersin Cengiz Gokcel ha dichiarato: "L'area di Kazanli è un'importante fonte di produzione di frutta e verdura fresca per la città. C'erano molte serre per la produzione di ortaggi, ma poiché i coltivatori non erano contenti dei profitti, lentamente si sono spostati sulla produzione di pesche sempre in serra. Così pesca, susina, albicocca e banane hanno sostituito peperone, melanzana, pomodoro e cetriolo come prodotti di serra.

Grazie alle condizioni climatiche, questa zona ha alcuni vantaggi naturali per un inizio relativamente precoce del raccolto che ha aiutato i coltivatori a ottenere prezzi migliori per i loro prodotti. "Purtroppo per via delle attuali condizioni del mercato e di un aumento della produzione nella zona, questo vantaggio iniziale per i nostri coltivatori è svanito".

I coltivatori cominceranno a sperimentare altri prodotti in queste serre. "E' diventato una sorta di ciclo per noi e non so per quanto tempo continuerà così. Ci sono circa 139mila metri quadri di aree di produzione in questa regione ed è l'area in cui raccogliamo prodotti freschi dalle nostre serre, quando non c'è molta produzione locale in Turchia. Ma i nostri coltivatori non guadagnano abbastanza rispetto ai loro sforzi. Vorremmo mettere in guardia i funzionari competenti e chiedere il loro sostegno per mantenere questi campi in produzione, altrimenti questi coltivatori inizieranno a utilizzarli per altre attività e il nostro mercato locale ne risentirà. Saremo costretti ad importare questi prodotti, se verranno chiuse queste serre. Anche i consumatori ne risentiranno, poiché saranno costretti a pagare prezzi più elevati per prodotti importati".

Il rendimento delle pesche prodotte in serra è limitato, quindi il prezzo al chilo dovrebbe essere abbastanza alto da renderlo interessante per i coltivatori. Purtroppo, le quotazioni attuali si aggirano intorno a 1-1,25 dollari/kg. Negli anni scorsi, all'inizio della raccolta, il prezzo era di circa 3-3,5 dollari/kg. "Rispetto a questi numeri, i prezzi attuali sono deludenti e, considerata la tendenza del momento, non crediamo che i nostri produttori cedano anche dopo la chiusura di questa stagione".

"Coltiviamo pesche a bassa ed alta quota. Le pesche ad alta quota sono principalmente utilizzate nella produzione di succhi, ma c'è sempre una pressione dei prezzi da parte delle aziende produttrici di succhi che annullano i margini di profitto dei coltivatori di aree di alta quota".

Il coltivatore di pesche Kenan Yildirim ha aggiunto: "Sono uno dei più grandi coltivatori di pesche della zona. Abbiamo aggiunto la pesca al nostro assortimento sin dai primi anni 2000, e a volte abbiamo guadagnato un bel po'. Tuttavia, i problemi sono cominciati con la guerra civile in Siria. Le nostre esportazioni verso quel Paese si sono fermate e, inoltre, non abbiamo potuto usare la terra siriana come zona di transito per esportare le nostre pesche in altri Paesi a sud. Poi abbiamo avuto problemi politici con l'Iran e la Russia, che per noi rappresentavano anche importanti mercati di esportazione. Quindi ci siamo limitati ai soli mercati locali che hanno aumentato l'offerta e hanno abbassato i prezzi. Al momento non stiamo avendo un buon ritorno economico rispetto ai nostri investimenti".

Fonte: www.netgazete.com

Data di pubblicazione: 16/05/2018



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

31/07/2018 Applicazioni che migliorano il colore dell'uva da tavola rossa Red Globe
31/07/2018 Credit Agricole sostiene le aziende del 'Progetto Nocciola Italia' di Ferrero
31/07/2018 Per i coltivatori il marchio Fine Fleur significa valore aggiunto
31/07/2018 Cominciano le esportazioni dal centro di imballaggio Desert Fruit
31/07/2018 Pronto a essere introdotto sul mercato l'imballaggio singolo per ananas
31/07/2018 Uve da tavola biologiche, un mercato in espansione
31/07/2018 Il bel tempo richiede una gestione di alto livello dei ribes rossi
31/07/2018 La Spagna prevede un raccolto di kaki notevolmente inferiore
31/07/2018 Crescono i pistacchieti in Sicilia: una coltura per la quale non si conosce crisi
31/07/2018 Nuovo packaging per l'uva Cotton Candy, in arrivo questa settimana
31/07/2018 Racemus: success story di una delle filiere principali della Puglia, l'uva da tavola
30/07/2018 Kiwi Zespri SunGold, il compagno perfetto per le tue vacanze
30/07/2018 Pesche e Nettarine di Romagna IGP: le regine dell'estate protagoniste alla notte del cibo
30/07/2018 Confagricoltura Cuneo: primi segnali incoraggianti dalla raccolta delle pesche
30/07/2018 Raccolta anticipata di uva Crimson a piena colorazione grazie a buone tecniche e coperture
30/07/2018 I produttori spagnoli di kaki prevedono un prezzo al chilo raddoppiato
30/07/2018 Scarso entusiasmo per la prossima stagione delle pomacee
30/07/2018 Portinnesto Fox 9, alta produttivita' anche su ristoppio
30/07/2018 La pesca di Verona cerca la sua strada verso la tavola dei consumatori
30/07/2018 E' partita in anticipo la stagione del ficodindia di San Cono (CT)

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*