Avvisi

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



In Svizzera la frutta esotica e' sempre piu' apprezzata

In Svizzera, i quattro frutti esotici con la maggiore crescita a livello di importazioni sono avocado, mango, kaki e melagrane.

Il frutto più in voga a livello mondiale, ovvero l'avocado, gode anche in Svizzera di crescente popolarità. Nel 2017 ne sono state importate 14.700 tonnellate, cioè il doppio rispetto a cinque anni fa. Il valore delle importazioni di avocado è addirittura triplicato in questo lasso di tempo poiché anche i prezzi sono aumentati significativamente.

Tra il 2012 e il 2017 le importazioni di mango sono passate da 9.300 a 14.000 tonnellate (+50,5%). Dal 2014 si importano quindi più mango rispetto ai kiwi (2017: 11.700 ton). Nelle importazioni sono incluse anche quelli a fette e quelli secchi. Nel periodo 2012-2017 questi hanno rappresentato circa il 5% delle importazioni totali e sono costati in media 9,59 franchi/kg, quasi il triplo della merce non lavorata (2,53 franchi/kg).


Clicca qui per un ingrandimento dei grafici.

Negli ultimi cinque anni, le importazioni di kaki sono aumentate costantemente (+44%). Ciò è riconducibile al forte aumento dei quantitativi importati dalla Spagna, Paese in cui si punta soprattutto sulla varietà del kaki mela, il quale presenta una polpa soda. Apparentemente per questo motivo gode di crescente popolarità tra i consumatori. Al secondo posto vi sono i kaki provenienti dall'Italia. Questi non seguono la tendenza al rialzo; tra il 2012 e il 2017 le importazioni sono rimaste stabili su 1.100-1.500 ton.

Nel 2017 le importazioni di melagrane si sono attestate a 2.600 ton, ovvero più del doppio rispetto a cinque anni fa (2012: 1.200 ton). La melagrana è tuttora importata prevalentemente non lavorata. Tuttavia si delinea per questo frutto una tendenza a favore dei prodotti pronti: dal 2015 i quantitativi importati di melagrana sgranata, che costa circa quattro volte di più, sono aumentati significativamente. Nel 2017 hanno rappresentato circa l'8% delle importazioni totali di questo frutto (2012: 1%).

Data di pubblicazione: 13/04/2018



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

20/07/2018 Basilicata: disponibile online la carta vocazionale del nocciolo
20/07/2018 Avocado: le differenze tra le varieta' Hass e Fuerte
20/07/2018 La stagione italiana delle uve procede senza intoppi
20/07/2018 Piante danneggiate dai topi: un fenomeno in aumento
19/07/2018 Esportazioni di uva turca aumentate di oltre l'85 per cento nel 2017
19/07/2018 Tunisia: proventi delle esportazioni di frutta in crescita del 51%
19/07/2018 Positive contrattazioni per la frutta estiva, flessione fisiologica dei listini delle pesche
19/07/2018 Inizia la raccolta di Romagna Summer, nettarina con elevati calibri e Brix
19/07/2018 Fichi, un articolo caratterizzato da alti e bassi
19/07/2018 Europa: ottima accoglienza per due nuove varieta' di mirtilli
18/07/2018 Europa nord-occidentale: il mango Kent resta il preferito, ma il Palmer guadagna terreno
18/07/2018 Giacenze di mele nella regione Trentino-Alto Adige al 1 luglio 2018
18/07/2018 Quando un telo diventa alleato della colorazione di uva da tavola Crimson
18/07/2018 Angurie a fette: meglio tenerle a temperatura controllata
18/07/2018 Ortofruit Italia apre la stagione delle pesche con una strategia tricolore
17/07/2018 Bosnia ed Erzegovina: sospiro di sollievo per i melicoltori
17/07/2018 The Greenery amplia l'assortimento di Sweet and Sunny
17/07/2018 Rese basse ma ottima qualita' per le fragole di montagna
17/07/2018 Presentazione della frutta in cassetta: suggerimenti per evitare l'autogol
17/07/2018 Nocciolo in Piemonte: dall'impianto alla coltivazione, le nuove pratiche

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*