Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale






Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



L'albicocca rossa firmata Gallo arriva nella Gdo

Ha l'epidermide completamente rossa ed è premium a livello di pezzatura (superiore a 50 grammi) e colore. E' Eccelsa, l'albicocca top di gamma di O.P. Agricor, proprietaria del marchio commerciale Gallo. La commercializzazione dei frutti inizierà nelle prossime settimane.

La creazione del brand Eccelsa fa parte di un piano di valorizzazione dell'intera produzione: l'azienda ha infatti dismesso la produzione delle albicocche gialle e completato quest'anno, con precoci e tardive, il programma di innovazione varietale dedicato all'albicocca rossa, che entro due anni le consentirà di vantare la produzione completa di tutte le varietà. Della rossa sono state distinte due linee, una tradizionale e una rosso scuro.



Mature al punto giusto
La raccolta inizierà verso la metà di maggio con la prima varietà precoce (Pricia) e si concluderà verso il 20 di luglio con la varietà Faralia. Rispetto al 2016, la produzione - su 250 ettari impiantati, la maggior parte dei quali in allevamento - sarà raddoppiata.

Le albicocche rosse a marchio Gallo saranno a disposizione in tutte le tipologie: 300, 500, 700 grammi, un chilo, un chilo e mezzo, sfuse. Eccelsa, invece, verrà venduta nel cestino provvisto di manico da 600 g (perché sia ben distinta dal resto delle referenze) e sfusa, in cartoni da 40x60.

Quale la particolarità delle albicocche rosse Gallo in generale e di Eccelsa in particolare?
"Alla raccolta - spiega il presidente Natalino Gallo (nella foto sotto) - per ogni varietà vengono effettuate da 10 a 13 passate, in modo che il frutto possa maturare il più possibile direttamente sulla pianta. Questo ne garantisce una maggiore dolcezza, un maggior sapore e una polpa più succosa. All'apertura, l'albicocca presenta la goccia vicino al nocciolo. Siamo inoltre dotati di un impianto che misura il grado zuccherino, in modo che, all'atto della commercializzazione, i frutti siano omogenei tra loro, quanto a maturazione".

Per fare in modo che la clientela finale possa gustare il prodotto al giusto grado di maturazione, l'azienda ha ideato una modalità operativa che prevede l'inizio della raccolta dalle 5 della mattina; l'arrivo dei frutti in magazzino verso le 11, la partenza dei carichi alle 13 e l'arrivo al punto di vendita la mattina successiva. Da pochi mesi, inoltre, per agevolare la commercializzazione delle produzioni, l'azienda si è dotata di una seconda struttura, di 3.000 metri quadri, nella quale è stata impiantata una nuova linea di lavorazione delle albicocche, che utilizza sofisticate strumentazioni tecnologiche, in ambiente refrigerato.



Il valore della Piana di Sibari
Non va dimenticato il territorio di provenienza: "Le nostre coltivazioni sono collocate nella piana di Sibari, in provincia di Cosenza: questa è terra naturalmente vocata anche agli agrumi, proprio per i notevoli sbalzi termici tra giorno e notte. Tali condizioni, unite a una forte esposizione al sole, consegnano albicocche dal colore molto intenso. Inoltre, questi terreni alluvionali sono vergini, dunque particolarmente appropriati per queste coltivazioni".

Naturali per scelta
L'azienda ha scelto, per tutte le sue produzioni, di azzerare l'uso di diserbanti e di puntare sulla naturalità (impollinazione con le api, monitoraggio dei parassiti e uso dei predatori, confusione sessuale). "Estrema qualità, valore del territorio, lotta integrata, uso minimale dei trattamenti per il terreno sono i plus che raccontiamo al consumatore, nel momento in cui lo invitiamo ad acquistare frutti italiani e non di produzioni straniere".

Nei prossimi mesi l'azienda avvierà anche attività di comunicazione direttamente sul punto di vendita, per presentare al consumatore le proprietà nutrizionali e le qualità di Eccelsa e delle Albicocche Rosse Gallo.

---
L'azienda Gallo, da oltre 30 anni, è una delle maggiori realtà calabresi per la coltivazione e lavorazione di frutta e agrumi. Posizionata nella Piana di Sibari, area affacciata sul mar Ionio alle spalle del Pollino, l'azienda, dagli anni '80, dopo aver consolidato un'ampia esperienza, si è posizionata sul mercato nazionale e internazionale come partner affidabile orientato all'innovazione di prodotto e processo. L'azienda vanta oggi linee produttive di eccellenza, per prodotti tipici legati al territorio come clementine, arance, albicocche e pesche. Dal 2012 ha differenziato la propria offerta grazie alla produzione di melagrana approfondendo la propria offerta con albicocche varietà rossa e nuove varietà di clementine. Produzione integrata e certificata GlobalGAP garantiscono massima qualità e salubrità nei confronti dei clienti nazionali e internazionali.

Data di pubblicazione: 05/05/2017



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

11/12/2017 Mela Val Venosta: la qualita' e' anche sui social
11/12/2017 Nocciola Piemonte: a Cravanzana (CN) si e' parlato di cimice asiatica e qualita' del prodotto
11/12/2017 Il gelo influenza volumi e prezzi delle mele
11/12/2017 Presentata la gamma melone per il 2018 di Enza Zaden
11/12/2017 Cile: Vitroplant protagonista all'8° Simposio Internazionale del Noce
11/12/2017 Per Coferasta nuova Linea Premium con imballaggio speciale
11/12/2017 Kiwi: importanti flussi in importazione in Italia dalla Grecia
11/12/2017 Egitto: fragole di ottima qualita' e a prezzi elevati
11/12/2017 Cina: kiwi di Chengdu esportati con successo in Europa
07/12/2017 Situazione disastrosa per i kaki di Valencia a causa delle gelate notturne
07/12/2017 Fragole italiane per una fornitura 12 mesi l'anno
07/12/2017 Valencia: kaki danneggiati dal gelo e produzioni agrumicole in anticipo
07/12/2017 Fertilizzante con nanoparticelle di calcio per diminuire cracking su melagrana
07/12/2017 Grecia: notevole aumento dell'esportazione di kiwi in Italia
07/12/2017 Azienda francese vince i diritti esclusivi a livello mondiale sulla varieta' di mela Juliet
07/12/2017 Cina: la produzione di pere Crown di Hebei cala del 30-50% per via della maculatura bruna
06/12/2017 Bulgaria: produzione 2017 di drupacee leggermente in aumento nonostante le avversita' meteorologiche
06/12/2017 A rischio il commercio di kiwi italiani in Australia
06/12/2017 Italfrutta Di Manno lancia il nuovo marchio aziendale
06/12/2017 In Belgio pere piu' piccole ma anche piu' dolci a causa del gelo

 

Commenti:


L'amore per la terra; la logistica; la tempistica nel risolvere i problemi daranno buoni frutti. Speriamo bene per le albicocche rosse.
Leonardo Cimino , Corigliano Calabro Scalo , Italia (email) - 21/05/2017 14:46:30


Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*