Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Commenti recenti continua

Grecia: il focus sull'Europa dell'Est e' funzionale

In Europa, la Grecia mantiene un posto stabile tra i tre principali Paesi produttori di kiwi, pesche e nettarine, arance, mandarini e angurie, per esempio. Ciò rende la nazione un'importante zona di produzione. Una grande parte della frutta che vi si coltiva viene esportata, ma in ampie zone dell'Europa occidentale l'attenzione sembra concentrarsi principalmente sull'import dalla Spagna. Dove vanno, quindi, i kiwi, le arance e le angurie greche?

La risposta più rapida a questa domanda è l'Europa dell'Est. Se si osservano i dati d'esportazione è chiaro che i principali acquirenti si trovano in Europa dell'Est. L'anno scorso (2017) le arance Navel erano al primo posto tra i frutti esportati. Questo è stato anche il primo anno in cui TradeMap ha presentato dati specifici sulle Navel.

In totale la Grecia ha esportato 210.341 ton di Navel. La maggior parte di queste sono andate alla Romania (39.651 ton). A seguire altri Paesi dell'Europa dell'Est come Serbia (21.349 ton), Polonia (18.329 ton), Ungheria (17.625 ton) e Bulgaria (16.958 ton). La Germania è al sesto posto, con 14.841 ton, il primo paese dell'Europa occidentale in classifica. I Paesi Bassi (962 ton) sono più in basso, al ventesimo posto.

L'attenzione su questi mercati dell'Europa orientale è funzionale. Geograficamente tali Paesi sono più vicini. Un altro fattore è il volume relativamente piccolo esportato dalla Grecia. La competizione da Spagna o Italia è difficile, come ammettono gli esportatori, sebbene siano convinti della superiorità degli agrumi greci. Quello che non aiuta è che la coltivazione è suddivisa tra un grande numero di piccoli coltivatori. Ciò significa che molti coltivatori non hanno capitale a sufficienza per investire in nuove varietà.

La situazione è diversa per le uve. In questo caso l'attenzione è rivolta più verso l'Europa occidentale. Delle esportazioni totali pari a 89.453 ton, quasi la metà (35.737 ton) è destinata al mercato tedesco. Le prime tre posizioni in classifica sono completate da Regno Unito (15.220 ton) e Paesi Bassi (7.913 ton). Sebbene i coltivatori di uva tendano ad avere, inoltre, una superficie coltivata di piccole dimensioni, il mercato paga di più e c'è più spazio d'investimento. Qui l'attenzione è rivolta alle varietà senza semi e i produttori mirano a un tempo di raccolta tardivo nella stagione, quando Spagna e Italia sono quasi uscite dal mercato e l'oltremare non ha ancora cominciato.

L'attenzione greca verso i Paesi vicini si può notare anche nelle classifiche relative ad altri prodotti. Romania, Bulgaria e Ucraina sono i mercati principali per le pesche. Le esportazioni totali sono arrivate a 115.670 ton di pesche, 22.907 ton delle quali sono state destinate alla Romania. Anche il resto dell'Europa dell'Est e dei Balcani sono grandi destinazioni. La situazione dell'export di nettarine è paragonabile a quella delle pesche, anche se i volumi sono più piccoli. Le esportazioni totali sono state di 70.473 ton.

Le angurie presentano una situazione leggermente diversa. La Grecia ha esportato 28.321 ton di angurie in Germania, e questo fa del Paese la destinazione principale. Le esportazioni totali sono state di 170.472 ton. Al secondo posto l'Italia (27.527 ton); anche il Regno Unito è tra le prime dieci destinazioni. I Paesi Bassi (5.284 ton) sono all'undicesimo posto. Italia, Spagna e Germania sono i mercati di vendita principali per i kiwi. Questi Paesi insieme rappresentano appena meno della metà delle esportazioni totali di kiwi. La Grecia ha esportato 129.527 ton di questi frutti nel 2017.


Data di pubblicazione :
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2018