Avvisi

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



La Campania e' il secondo bacino fragolicolo nazionale

La fragola è uno dei frutti di maggiore interesse in Campania. "Perciò va salvaguardata dal punto di vista fitosanitario. Gli elevati standard imposti dal mercato, nonché le crescenti esigenze in termini produttivi inducono non solo a puntare su soluzioni tecniche in grado di limitare i costi di impianto, ma anche su un'adeguata scelta varietale". Così dichiara Giuseppe Capriolo del CREA-Centro di ricerca per Olivicoltura, Frutticoltura e Agrumicoltura, sede di Caserta, specializzato in particolar modo nella coltura e in piccoli frutti.



La Campania è il secondo bacino fragolicolo nazionale con 856 ettari, il 5% in più rispetto al 2016, annata molto produttiva. "Quest'anno purtroppo i danni da gelo non si sono limitati ai fiori, ma negli impianti tardivi sono andati un po' più in profondità, per cui si stima un calo di produzione che va dal 30 al 40% nello stesso arco temporale".

Per quanto riguarda la distribuzione varietale, il 66% è incentrata sulla cultivar Sabrina; seguono poi a molta distanza Melissa (10%), in evoluzione date le sue potenzialità produttive, Nabila (7%), Florida Fortuna (6%), Sabrosa a marchio commerciale Candonga® (3%), Amiga, Ventana e altre (complessivamente l'8%). "Chiaramente la scelta della fragola - continua Capriolo - è supportata dalla presenza della coltura in ogni mese dell'anno. Esistono infatti fragole unifere e rifiorenti".



Molti lamentano un'eccessiva frammentazione nel parco varietale della fragola in Italia. Abbiamo chiesto al dott. Capriolo, cosa ne pensa. "Contrariamente a quello che avviene al Sud Italia, nelle aree del Nord effettivamente c'è questa frammentazione, cioè le varietà sono abbastanza diversificate. Infatti, in Italia, sono attivi diversi programmi di miglioramento genetico sia pubblici che privati, tutti finalizzati a creare delle varietà a basso fabbisogno in freddo, adatte alle aree meridionali".

"Nel 2008 - continua il ricercatore - avevamo licenziato la varietà italiana Nora, adatta sia gli areali del Nord che gli areali del Sud; infatti era abbastanza diffusa in Sicilia e diffusissima nel Veronese. Poi è stata sostituita dalla Florida Fortuna, ben più produttiva. Ed è proprio questo il nostro lavoro, cioè creare delle varietà non solo adatte in particolar modo alle aree meridionali, ma che sposino sia le caratteristiche produttive sia quelle qualitative".

Contatti:
Giuseppe Capriolo
CREA-OFA Sede di Caserta
Via Torrino, 3
81100 Caserta (CE)
Tel.: +39 0823 256269
Web: www.entecra.it

Data di pubblicazione: 20/03/2017



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

21/07/2017 Spagna: i meloni Galia sono piu' economici di 30-40 cent al chilo
21/07/2017 Mappa interattiva del commercio globale di banane, avocado, ananas e angurie
21/07/2017 Messico: problemi climatici compromettono la produzione di avocado bio
21/07/2017 Spagna: mango biologici con una finestra commerciale migliore
21/07/2017 Guido Fruit (Belgio): maggio e giugno, mesi ottimi per le drupacee. Cominciata la stagione dell'uva italiana
21/07/2017 Confagricoltura Toscana: angurie non piantate a causa della siccita', persi 5 milioni di euro
21/07/2017 Azienda Coniglio: 30% in meno per le uve in generale, ma qualita' e sapore ottimi
21/07/2017 Nuove varieta' di pesche piatte con fondo chiuso e piu' colorate
21/07/2017 Futurpera 2017: il punto sul consumo globale e sui mercati esteri piu' promettenti per le pere
21/07/2017 Esportare drupacee in tutto il mondo e' possibile. Il Cile insegna
21/07/2017 Nuova Zelanda: la batteriosi dell'actinidia finisce in tribunale
20/07/2017 Francia: aumento della produzione di ciliegie e calo dei prezzi
20/07/2017 Reti e hydrocooler permettono profitti enormi nei ciliegieti
20/07/2017 Ci sono prospettive per le varieta' di mele Elstar e Jonagold?
20/07/2017 Coldiretti Viterbo: a terra fino al 30% di nocciole per il vento
20/07/2017 Melinda, dato previsionale mele: in media solo 35% di produzione
20/07/2017 Pere Coscia del comprensorio di Ribera (AG): ci sarebbero gli estremi per un marchio di tutela?
20/07/2017 Mercato pesante per pesche e nettarine, in rialzo le quotazioni per albicocche e ciliegie
20/07/2017 Polonia: previsto calo considerevole nel raccolto 2017 di pomacee
20/07/2017 La campagna dei piccoli frutti piemontesi procede secondo le aspettative

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*