Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Libia, Egitto e Giordania, i nuovi mercati dell'azienda Bissolo Gabriele

"La Russia ha chiuso le frontiere a causa dell'embargo? Allora noi ci siamo concentrati sul Nord Africa". E' quanto ci ha raccontato Patrizio Destro, manager della Bissolo Gabriele, azienda di import-export e produzione con sede a Verona. Abbiamo incontrato Destro a Berlino, durante il Fruit Logistica.



"Per qualcuno può sembrare un azzardo - afferma il manager - ma in realtà gli affari con Paesi come Libia, Egitto e Giordania stanno andando bene, fermo restando che noi commercializziamo verso una miriade di Paesi. Abbiamo anche aperto un ufficio in Tunisia. Sono passati quasi 5 anni da quando abbiamo iniziato a lavorare con continuità in Nord Africa. Gli articoli che vendiamo di più sono mele, pere, kiwi e uva da tavola".

Quando si parla di Nord Africa, in tanti storcono il naso; mentre alla Bissolo guardano a quest'area geografica con grande fiducia. "Certo, serve accortezza e attenzione - dice Destro - perché ci si deve muovere con i piedi di piombo. Noi, per esempio, ci facciamo sempre anticipare un acconto. Abbiamo dei referenti consolidati, ma ciò non vuol dire che non ci facciamo pagare, almeno in parte, in anticipo. Se non ci sono tutte le garanzie, rinunciamo a spedire qualche container".


Patrizio Destro e Maria Crestani (responsabile finanziario)

Altro luogo comune che va sfatato, riguarda la qualità. "Non si pensi che in Libia o in Egitto si mandi un prodotto scadente. Tutt'altro. Richiedono frutta di alta qualità; ad esempio le mele devono essere sempre di bell'aspetto e buone al gusto. Nell'ultimo anno, in Egitto, a causa della svalutazione del 50% della moneta, i consumatori hanno problemi a fare acquisti".

La maggior parte delle mele commercializzate in Nord Africa, viene prodotta in Repubblica Ceca, paese dove la Bissolo possiede anche 25 ettari di ciliege.

Data di pubblicazione: 14/02/2017
Autore: Cristiano Riciputi
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

20/07/2017 Francia: aumento della produzione di ciliegie e calo dei prezzi
20/07/2017 Reti e hydrocooler permettono profitti enormi nei ciliegieti
20/07/2017 Ci sono prospettive per le varieta' di mele Elstar e Jonagold?
20/07/2017 Coldiretti Viterbo: a terra fino al 30% di nocciole per il vento
20/07/2017 Melinda, dato previsionale mele: in media solo 35% di produzione
20/07/2017 Pere Coscia del comprensorio di Ribera (AG): ci sarebbero gli estremi per un marchio di tutela?
20/07/2017 Mercato pesante per pesche e nettarine, in rialzo le quotazioni per albicocche e ciliegie
20/07/2017 Polonia: previsto calo considerevole nel raccolto 2017 di pomacee
20/07/2017 La campagna dei piccoli frutti piemontesi procede secondo le aspettative
20/07/2017 Gruppo Lo Sardo: uva da tavola e albicocche rosse dalla Sicilia
19/07/2017 Pesca e Nettarina di Romagna IGP, a breve la tutela
19/07/2017 Papaya F.lli Orsero, frutto perfetto per la colazione
19/07/2017 Nuove varieta' di uva raggiungono il 6,7% delle esportazioni totali cilene
19/07/2017 L'uva egiziana cerca di difendersi dalla competizione internazionale
19/07/2017 Special Fruit: il mercato del mirtillo biologico cresce piu' di quello convenzionale
19/07/2017 Serbia: un paese con le condizioni perfette per coltivare lamponi
19/07/2017 Prosciutto di Parma e melone del Giappone: accoppiata vincente
19/07/2017 Il bel tempo non puo' compensare la concorrenza sul mercato delle angurie
19/07/2017 Pere estive, si inizia con Carmen
19/07/2017 Anche un agosto con pochi meloni? Il commento di un'azienda toscana

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*