Avvisi

Ricerca di personale






Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



L'offerta di lampone italiano nei mesi invernali diventa realta' con Happy Berry ®

Il mercato ha accolto con molto favore l'offerta di lamponi lucani. A partire da novembre 2016, sono stati commercializzati, con il marchio Happy Berry®, il nuovo brand di Compagnia delle Primizie, circa 5 tonnellate di lamponi sui principali mercati italiani.



Carmela Suriano, CEO di Compagnia delle Primizie, dichiara a FreshPlaza: "Il nostro obiettivo è quello di introdurre il lampone nei mesi invernali. L'offerta nazionale di lamponi in questo periodo, infatti, è estremamente ridotta rispetto alle importazioni dai Paesi del Sud America, Spagna e Marocco. Il mercato apprezza moltissimo l'alternativa che noi proponiamo, perché si tratta dell'unica offerta italiana presente in questo periodo".

La Produzione di lamponi in Basilicata è tutt'ora in atto, seppure in quantitativi limitati (qualche quintale al giorno), nonostante le temperature rigide registrate nell'ultima settimana.



"L'ondata di gelo, del tutto eccezionale - spiega Carmela Suriano - sta provocando un rallentamento nella produzione e danni alla fioritura. Grazie all'ausilio di impianti in serra, l'impatto dello sbalzo termico è stato contenuto e speriamo che la pianta riesca, nelle prossime settimane, a riprendere lo sviluppo vegetativo".

Il lampone ha bisogno di luce, pertanto la Basilicata e in particolare la fascia jonica-metapontina si presta molto bene; qui, grazie alle condizioni pedoclimatiche tipicamente mediterranee anche altri frutti rossi come la fragola hanno notoriamente ben attecchito.



"La Basilicata - sottolinea Carmela - è tra le regioni che stanno incrementando di anno in anno questa categoria di pregio. Le coltivazioni avvengono in tunnel serra, con tecniche colturali specializzate e a basso impatto ambientale".

"Il plus della nostra produzione è costituito dalla scelta di varietà eccellenti in termini di salubrità, sapore, shelf life e soprattutto freschezza. Infatti riusciamo a portare i nostri frutti sulle tavole dei consumatori entro 12/24 ore dalla raccolta, a differenza dei lunghi tempi necessari impiegati dai competitor esteri per raggiungere i nostri mercati di riferimento. Di solito infatti i berries vengono importati a costi elevati per via aerea. Oggi noi possiamo fornire un'alternativa a una domanda in crescita, determinata da un consumatore alla ricerca di novità e di nuovi stimoli".




Oltre al progetto di espandere le superfici dedicate a lampone, la Compagnia delle Primizie ha lanciato un nuovo marchio: Happy Berry®.

Carmela Suriano spiega: "Il prodotto da solo, oggi, non basta: per renderlo appetibile ci devi lavorare sopra. Con Happy Berry® abbiamo voluto conferire personalità e valore aggiunto alla nostra offerta di bacche e renderla facilmente riconoscibile per il consumatore finale. Questo brand esprime gioiosità, freschezza e voglia di condivisone, valori che contraddistinguono i consumatori del Terzo Millennio e affonda le radici nella cultura degli antichi Greci, che hanno popolato e coltivato per primi queste terre generose".



"Abbiamo conferito particolare cura alla progettazione di packaging e labelling, consapevoli dell'importanza che rivestono a livello inconscio nel momento dell'acquisto. Ci rivolgiamo a consumatori attenti a uno stile alimentare sano che apprezzano il prodotto italiano e consapevoli che a un packaging curato, corrisponde altrettanta cura nella qualità del prodotto. Inoltre, la nostra confezione trasmette informazioni facili ed efficaci, in grado di orientare la scelta d'acquisto".

Per maggiori informazioni:
Compagnia delle Primizie
Tel.: (+39) 0835 902017

Data di pubblicazione: 10/01/2017
Autore: Rossella Gigli
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

21/11/2017 Cina: i prezzi bassi di fine 2016 hanno avuto ripercussioni sul raccolto di quest'anno
21/11/2017 I mirtilli del Portogallo sono ancora poco conosciuti in Europa
21/11/2017 Molti mercati preferiscono gli avocado spagnoli Fuerte agli Ettinger israeliani
21/11/2017 Coldiretti Piemonte: oltre il 50% della produzione di kiwi e mele della regione va nei Paesi Arabi
21/11/2017 L'epoca d'oro dei mirtilli e' gia' al tramonto? Attenti a piantare senza mercato
21/11/2017 Az. Agricola Patri': il segreto sta nell'adattarsi alle richieste del mercato
21/11/2017 Pere a buccia rossa in aumento
20/11/2017 Top Delicacy, i migliori kiwi cinesi a disposizione dei clienti
20/11/2017 La Germania esaurira' le scorte di mele locali a marzo
20/11/2017 Spagna: 15 nuove varieta' di mele presentate al Mollerussa Fruit Seminar
20/11/2017 Le uve peruviane alla sfida del cambiamento climatico e della nuova stagione
20/11/2017 L'export di ciliegie dal Cile potrebbe raddoppiare
20/11/2017 Si ridimensiona il ruolo europeo nel commercio globale delle mele, mentre cresce l'Italia
20/11/2017 L'Europa offre ancora molte opportunita' per le pomacee belghe
17/11/2017 Cina: aumentano del 15-20% i flussi di frutta in importazione
17/11/2017 Sudafrica: le stime per l'uva da tavola sono superiori alla media dei cinque anni
17/11/2017 Zespri sceglie EMS per il controllo dell'etilene nelle spedizioni di kiwi
17/11/2017 Mercato solido per i kiwi californiani
17/11/2017 I commercianti polacchi sperano che l'inverno porti prezzi migliori
16/11/2017 Ucraina: le importazioni di angurie crescono di 13 volte

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*