Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



A cura di Vito Vitelli - COVIL

Nulexport (Spagna): nuovi impianti di agrumi saranno prodotti con materiale vivaistico proveniente dalla Basilicata

Nulexport SA, di Nules (Castellón - Spagna), con 3.000 ettari di superficie produttiva, 900 associati e 60.000 tonnellate di produzione all’anno è la più grande associazione di produttori agrumicoli dell’area compresa tra Castellón e Valencia.


Stabilimento della Nulexport, esteso su una superficie di 30 mila metri quadrati. Nel periodo di punta (novembre-dicembre) sono organizzati durante le 24 ore due cicli di lavorazione con oltre 200 addetti che provvedono alla preparazione e al confezionamento del prodotto.

Il grosso della produzione (circa l’80%) dell’associazione spagnola è costituita da clementine della varietà "Clemenules", il cui periodo di raccolta si concentra nei mesi di novembre e dicembre, mentre piuttosto modesta è la produzione di varietà precoci (satsuma Iwasaki®, clementine Oronules e Clemenrubi®) e tardive (Hernandina®). Il più importante acquirente delle clementine di Nulexport è la società statunitense LGS srl, conosciuta negli USA per il brand di vendita "Darling Clementines".


LGS srl fornisce le clementine, ai circuiti della GDO e alle grosse catene di supermercati americani, con il marchio "Darling Clementines". Da novembre a febbraio vengono commercializzate le clementine provenienti da Spagna (Nulexport SA) e Marocco, mentre da maggio ad agosto quelle provenienti dalla Repubblica Sudafricana, Perù e Cile. Il frutto di clementine è molto apprezzato dai consumatori americani, soprattutto di giovane età, per il gusto amabile, per l’assenza di semi, per i contenuti in Vitamina C ma soprattutto perché è facile da sbucciare con le mani (easy-peeling).


La cura del packaging rappresenta un altro punto di forza della LGS. Le confezioni sono dotate di tecnologia RFID, attraverso cui è possibile ricostruire (rintracciabilità) la storia del prodotto dal banco di distribuzione all’agrumeto e seguire, in tempo reale, il percorso per mezzo del GPS. Al consumatore è offerto, inoltre, un servizio telefonico gratuito 24/24, attraverso il quale, fornendo il codice della confezione, è possibile ricevere informazioni sul prodotto acquistato (origine, data di raccolta, trasporto, lavorazione, confezionamento, data di arrivo sul banco, etc.)

Negli ultimi anni, l’elevata concentrazione dell’offerta delle produzioni agrumicole dell’emisfero Nord nel periodo compreso tra novembre e gennaio ha determinato una flessione dei prezzi alla produzione, mentre l’indebolimento del dollaro ha causato un calo dei consumi. Per fronteggiare questa nuova crisi la Nulexport ha avviato, a partire dal 2008, un programma di rilancio quinquennale basato principalmente sulla riconversione varietale, diversificazione del calendario di offerta e ricerca di nuovi mercati.


Dal porto di Castellón (PortCastelló), tra i più efficienti e organizzati del Mediterraneo, vengono spedite negli Stati Uniti oltre 80.000 tonnellate di agrumi all’anno, metà dei quali provenienti dalle aziende associate della Nulexport.

I vuoti di produzione dei periodi compresi tra ottobre e novembre e tra febbraio e aprile possono essere colmati attraverso la costituzione di nuovi impianti con varietà precoci e tardive. I responsabili commerciali della Nulexport considerano promettenti gli ibridi triploidi "Mandalate", "Mandared", e "Alkantara", le varietà precoci di clementine "Spinoso VCR" e "Corsica 2" e il limone "Lemox". L’interesse per gli ibridi triploidi nasce dalle loro principali peculiarità ovvero il periodo di maturazione tardivo, qualità organolettiche simili alle clementine, pigmentazione antocianica nella polpa (Mandared e Alkantara), assenza di semi, gusto gradevole, easy-peeling e alta produttività.


La scelta oculata del materiale vivaistico è il primo e determinante passo per una produzione di qualità. Il COVIL applica nei propri vivai disciplinari tecnici che prevedono l’impiego di materiale di propagazione (semi e marze) provenienti da piante madri allevate in condizioni di totale isolamento (screen-house) e periodicamente sottoposte a controlli fitosanitari (laboratorio di diagnostica Metapontum Agrobios) e di rispondenza varietale.

La Nulexport guarda con interesse anche ai mercati emergenti dei paesi dell’Est Europa, della Russia e dell’Oriente (Cina e Corea). Per cogliere queste nuove opportunità occorre, tuttavia, proporre produzioni alternative e di particolare pregio, soprattutto per quanto riguarda l’aspetto della sicurezza alimentare.

In questa nuova stagione di rilancio, il fattore strategico per la Nulexport è ancora una volta la "qualità", che dovrà essere controllata lungo tutte le fasi della filiera produttiva - a partire dall’impianto - attraverso la scelta oculata della varietà, del portinnesto e del materiale di moltiplicazione.


Giovane impianto di agrumi in Spagna

I dirigenti della Nulexport, dopo aver visitato le aziende del Consorzio Vivaisti Lucani (COVIL), hanno apprezzato il lavoro di qualificazione delle produzioni svolto dai vivaisti della Basilicata, attraverso l’introduzione di nuove varietà e portinnesti e l’applicazione di processi di certificazione genetico-sanitaria delle piante previsti dalle normative comunitarie e nazionali e assimilati dai disciplinari di produzione redatti e approvati dalla Regione Basilicata (Ufficio Fitosanitario). Pertanto Nulexport ha espresso parere favorevole a intraprendere con il COVIL rapporti di collaborazione per il prossimo triennio.

Per maggiori informazioni:
CO.VI.L. - Consorzio Vivaisti Lucani
Via Enrico Mattei, 28
75020 Scanzano Jonico (Matera)
Italy
Tel. +39 0835 954775
Fax +39 0835 950140
Cell.: +39 339 2511629
E-mail
Sito web


Data di pubblicazione: 03/09/2008



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

19/06/2018 Arancia Rossa IGP 2018: campagna lunga e di successo
19/06/2018 Momento di svolta per gli agrumi sudafricani: accesso completo al mercato Usa
18/06/2018 CREA di Acireale (CT): convegno sulla tracciabilita' delle produzioni agrumicole siciliane
18/06/2018 Colombia: soluzione per prevenire danneggiamenti durante la raccolta del lime
15/06/2018 Germania: limoni di Amalfi in vendita quasi ogni anno
14/06/2018 I limoni performano bene sul mercato agrumicolo d'oltremare. Alti e bassi per i mandarini
13/06/2018 Spagna: prima condanna per sfruttamento illegale del mandarino Orri
13/06/2018 Cina: l'import di arance australiane sta per cominciare
12/06/2018 Marigliano (NA): agrumi attaccati dal virus della Tristeza, avviati gli abbattimenti
12/06/2018 Spagna: in fase di raccolta l'arancia pigmentata Ruby Valencia
11/06/2018 Oltre 150mila ton di agrumi esportate dal Sudafrica
11/06/2018 Le vendite di lime biologici sono in aumento
08/06/2018 L'export di mandarini Kinnow dal Pakistan tocca livelli record con 370mila ton
08/06/2018 Spagna: il primo contratto tipo che regola il commercio di limoni bio
08/06/2018 Piana di Catania: in forte aumento la quantita' di agrumeti in stato di abbandono
07/06/2018 Quasi 70 anni e non sentirli: ecco l'antico Tarocco siciliano
07/06/2018 Sostanziale stabilita' per il limone Bianchetto, terminata la campagna di commercializzazione delle arance
07/06/2018 Limone di Rocca Imperiale Igp, alto contenuto di limonene e buccia edibile
06/06/2018 I primi limoni argentini sono arrivati a Rotterdam, incontrando vantaggi logistici e gestionali
05/06/2018 Spagna: procedimento di indagine penale per la piantagione illegale di mandarini Sigal

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*