Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



La tedesca Behr racconta 40 anni di coltivazione

Dalla lattuga Iceberg alla mini-Pak Choi

In questi giorni, non ci sono scaffali di supermercati che non abbiano lattuga Iceberg. Quasi 40 anni fa, Behr, produttore di ortaggi della Germania del nord, introdusse questi cespi di lattuga nel suo Paese. In Spagna, a Cadiz, Guido van den Eynde iniziò a coltivare la Iceberg quasi contemporaneamente. A causa del clima inadatto, la coltivazione si spostò nella Murcia e fu conosciuta in tutta Europa con il marchio Pasqual Later. Poi è stata la volta della mini-Romana e della mini-Pak Choi. Insieme all'ampliamento nella gamma di prodotti, è aumentata la superficie dell'azienda, da 12 ad oltre 4.000 ettari di pieno campo.

L'amministratore delegato Rudolf Behr parla volentieri del prodotto che ha portato la sua azienda ai massimi livelli. Negli anni '70, la gastronomia tedesca ha inglobato le steakhouse americane con i loro banchi di insalata e quindi la domanda di lattuga Iceberg è cresciuta. La Iceberg è stata poi importata dagli Stati Uniti per circa 80 marchi tedeschi. "Allora la gente diceva che non potevamo coltivare le varietà americane. In molti ci provarono, ma la lattuga Iceberg non poteva essere raccolta insieme alla Bataviaköpfe. La Iceberg ha un ciclo di sviluppo più lungo. Lasciammo la lattuga per altri 14 giorni. Il risultato fu sorprendente: si ottennero dei bei cespi".


Il CEO Rudolf Behr (in alto a destra) e i suoi prodotti di maggior successo: la mini-Romana (in alto a sinistra), la lattuga iceberg (in basso a sinistra) e la mini-Pak Choi (in basso a destra).

La crescita
All'inizio, la ditta Behr era una modesta azienda agricola di 12 ettari con una superficie mista di mele, verdure e 6.000 metri quadrati di serre. Quando Rudolf Behr rilevò da suo padre l'azienda di famiglia, nel 1983, la coltivazione di frutta era finita e la società era completamente concentrata sulle verdure in campo aperto. Dopo un tentativo fallito negli anni '80, dal 2000 venne introdotta, con grande successo, la varietà mini-Romana. "In Spagna in quel periodo avevamo la Little Gem, che era più piccola della mini-Romana di oggi. Ma questo nuovo calibro andò bene anche in Germania".

Nel primo anno, la BEHR AG ha coltivato 1,5 milioni di cespi e la metà venne distrutta. Nel secondo anno 3 milioni e ancora una volta la metà venne scartata. "Il terzo anno siamo rimasti a 3 milioni e abbiamo dovuto reimpiantare nel bel mezzo dell'estate, per poterne vendere 4,5 milioni. Nei due anni successivi siamo passati da 10 a 80 milioni in coltivazioni, una vera esplosione". Secondo lo specialista di verdure, questo successo ha a che fare con la porzionatura. "Da 2 a 3 pezzi in un pacco corrispondevano ai desideri delle famiglie meno numerose. La lattuga Iceberg ha sempre il problema che se ne consuma la metà e il resto viene lasciato in frigo. "


La lattuga Iceberg in campo aperto, fa parte dell'offerta standard di Behr AG da molti anni

Condizioni meteo
Il successo di BEHR AG è anche strettamente legato al clima ottimale a sud di Amburgo, come sottolinea Behr. Questa regione è poco piovosa, diversamente dalle zone orientali o ad ovest e nord del Paese. "Qui abbiamo un clima marittimo: ciò significa che è mite e ventoso, relativamente secco e non troppo caldo. Le differenze regionali sono piuttosto grandi. Le condizioni meteorologiche sono spesso sfavorevoli in molte località, motivo per cui nella zona esterna, il clima è sempre un argomento caldo. Coltivando verdure si convive con il meteo. Produciamo sempre più referenze e, se la produzione fosse eccellente ovunque, sarebbe disastroso".



Oltre alla vasta superficie nella Germania settentrionale (Bassa Sassonia e Meclemburgo-Pomerania Anteriore) e all'azienda agricola a sud di Francoforte, Behr possiede anche circa 800 ettari di ortaggi in campo aperto in Spagna. Per questo motivo è in grado di offrire molti prodotti tutto l'anno; oltre alle varietà già citate vende insalate colorate, cavoli rapa e mini-Pak-Choi. Quest'ultima varietà è anche indicativa della costante tendenza verso le mini verdure.

"Per cinque anni abbiamo avuto in offerta la mini-Pak-Choi. Questa varietà è molto popolare nella cucina asiatica, perché è varia e decorativa. D'altra parte, quando è stata introdotta la versione standard delle Pak-Choi, è stato un disastro". I rivenditori non sono altrettanto entusiasti dei cavoli cinesi. "E' ancora limitata come cultura: contro 1,2 milioni di cespi di lattuga Iceberg alla settimana, verranno commercializzati circa 100.000 cavoli cinesi, che è più o meno la situazione attuale".



Opportunità
Le opportunità nel nord della Germania e la costante clientela delle catene di supermercati e distributori di catering fanno di Behr AG un'azienda prospera e sostenibile. Oltre a questo, l'azienda ha circa 500 impiegati fissi e oltre 2000 lavoratori stagionali. Tuttavia il proprietario pensa anche a nuove possibilità nella gamma dei prodotti. "Al momento abbiamo 45 coltivazioni. Abbiamo anche prodotti biologici su circa 200 ettari; solo il 7%, ma in continua espansione. Quando la coltivazione è abbastanza grande e la meccanizzazione è un'opzione, ci proviamo. Per i singoli articoli, non c'è quasi più spazio nel settore biologico, ma questo cresce con l'afflusso di nuovi articoli".

Per maggiori informazioni:
Rudolf Behr
BEHR AG - Gemüsebau
Ohlendorfer Str. 83
21220 Seevetal - Ohlendorf
Tel.: +49 (0) 04185 79 33 0
Email: Vorstand@behr-ag.com
Web: www.behr-ag.com

Testo e traduzione FreshPlaza. Tutti i diritti riservati.

Data di pubblicazione: 11/01/2018



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

16/01/2018 Cooperativa API: finocchi e zucchine di qualita', ma i prezzi non vanno bene
16/01/2018 Produttore polacco spera di raggiungere nuovi mercati con il pomodoro rosa
16/01/2018 Carciofi: prezzi non remunerativi sul mercato italiano, va meglio all'estero
16/01/2018 Standard di qualita' molto alti nel settore dei porri
16/01/2018 Sicilia, Open Day presso il Centro sperimentale e ricerca della Vvibes
16/01/2018 Alba Bio: il biologico siciliano certificato per i mercati nazionali ed esteri
15/01/2018 La nuova baby leaf che avvicina le distanze: Batdark di Enza Zaden
15/01/2018 Focus sul mercato mondiale dei pomodori
15/01/2018 Spagna: sta accadendo cio' che si temeva nel comparto orticole
15/01/2018 Lancio ufficiale di Momi - SVTS5096: il nuovo collettato di Seminis Monsanto resistente al TYLCV
12/01/2018 L'aglio nero croato e' un successo
12/01/2018 Aglio, da Sulmona buone notizie per mercato e semine
12/01/2018 Il clima mite genera prezzi bassi per le verdure invernali
12/01/2018 Pomodoro siciliano: buoni i prezzi per i rossi, meno bene l'inizio di campagna dei verdi
11/01/2018 Germania: molti gli ostacoli da superare per incrementare la popolarita' dell'indivia
11/01/2018 Dopo l'Epifania, mercati italiani pieni di carciofi
11/01/2018 Trifolati, tagliati, ripieni: ecco le ricette vincenti per i funghi
10/01/2018 Francia: la produzione di carote continua a diminuire
10/01/2018 Radicchi, non male ma neppure benissimo
10/01/2018 Va meglio il cavolfiore spagnolo di quello francese

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*