Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Commenti recenti continua

La clessidra

Calibri maggiori grazie a irrigazioni supplementari

California: la produzione di limoni passa alle aree desertiche

In California, i limoni vengono coltivati praticamente tutto l'anno. Proprio ora che la stagione autunnale prende il sopravvento e il caldo estivo svanisce, le aree confinanti con il deserto stanno cominciando la loro produzione di limoni.

"In questo momento ci stiamo spostando dalla fine dell'area di produzione D2 alle aree D3 - ha affermato Russell Takahashi della Allied Avocados and Citrus - L'area D2 comprende le zone costiere di produzione, come le contee di San Luis Obispo, Santa Barbara e Ventura. L'area D3 si trova al confine con il deserto e comprende le contee di Riverside e Imperial. Qui la stagione comincerà a metà ottobre. A questo punto dell'anno gran parte dei produttori stanno producendo i limoni Eureka e Lisbon".



Rendimento fisso, ma costi maggiori
In termini di resa produttiva, l'estate ha visto una produzione vicina alla media, ma Takahashi ha spiegato che il caldo ha comportato un incremento dei costi per i produttori. "L'estate è stata calda, ma la resa simile ai valori medi - ha dichiarato Takahashi - Il problema è stato che i produttori hanno dovuto effettuare irrigazioni supplementari che hanno avuto un duplice effetto sulla crescita del frutto e dei costi di produzione".

"La maggiore quantità di acqua nel frutto ha determinato la formazione di calibri maggiori. Questa cosa potrebbe essere positiva e negativa allo stesso tempo: sebbene i frutti più grandi siano preferiti da parte dei clienti, al contrario se diventano troppo grandi sarà impossibile venderli".

I produttori statunitensi incolpano le importazioni del crollo dei prezzi di mercato
I produttori di limoni della California devono affrontare forti oscillazioni dei prezzi per tutta la durata dell'anno. Ciò è dovuto, soprattutto, al fatto che la stagione è annuale e che le importazioni influiscono sui prezzi in diversi momenti dell'anno. Secondo Takahashi, i produttori statunitensi devono competere con le importazioni in termini di prezzi, e hanno osservato un crollo delle quotazioni nelle ultime 4 settimane.

"La domanda dei clienti è molto forte, così come durante gran parte dell'anno. Ma i produttori locali stanno faticando di più ora che cominciano le importazioni. Il prezzo attuale di un cartone è calato fino a 20 dollari circa - ha spiegato Takahashi - meno della metà rispetto a un mese fa. C'è una forte concorrenza da parte delle importazioni, che hanno un impatto negativo sui produttori americani di limoni. Gli agricoltori locali attendono ancora di vedere una qualche novità sulla rinegoziazione delle procedure NAFTA promessa a inizio d'anno".

Per maggiori informazioni:
Russell Takahashi
Allied Avocados and Citrus
Tel: +1 805 625 7155
Email: russ@alliedfruits.com
Web: www.alliedfruits.com

Testo e traduzione FreshPlaza. Tutti i diritti riservati.

Data di pubblicazione :



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2018