Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Il parere di Maurizio Ventura (Sun World)

Perche' il mancato rispetto dei brevetti vegetali danneggia tutti quanti

"Accade solo in Italia. Concediamo in licenza e commercializziamo le nostre uve brevettate in tutto il mondo, senza alcun problema. L'unico Paese nel quale abbiamo ancora dei grattacapi è l'Italia", così commenta Maurizio Ventura, licensing manager Europa per la Sun World, nel constatare l'esistenza - ancora oggi! - di pratiche scorrette per quanto riguarda il commercio di uve da tavola protette da brevetto.

"E' come se un'azienda agricola, che magari ha messo tutto il proprio impegno nella creazione di un marchio, di un packaging, di uno slogan destinati a far conoscere sul mercato la sua produzione di eccellenza, si vedesse improvvisamente copiata per filo e per segno da qualcun altro. Non penso che ne rimarrebbe contenta".


Presso lo stand della Sun World troviamo: Michele Melillo, Maurizio Ventura e Marzia Zani.

L'idea che la furbizia e il sotterfugio paghino, è dura a morire, in Italia. Oggi, però, in un contesto in cui l'opinione pubblica, esasperata da scandali e corruzione, è sempre più sensibile al tema dell'onestà e della trasparenza, bisognerebbe tenersi accuratamente alla larga da ogni possibile disapprovazione generale.

Come osserva Ventura: "La violazione di un brevetto vegetale comporta anche la perdita di opportunità competitive per tante imprese oneste: non è un caso isolato, ad esempio, che alcuni costitutori si guardino bene dal condividere con i produttori italiani i loro cavalli di battaglia, nel timore di non poterne tutelare l'originalità".

E se parliamo sempre di innovazione varietale come strumento per qualificare e distinguere l'offerta sul mercato, l'idea di non essere nemmeno presi in considerazione da primarie aziende di breeding fa un certo effetto.

Normalmente, le nuove varietà offrono un vantaggio in termini di produttività e/o di minori spese di coltivazione: non sempre viene dato atto di questo. Il vantaggio economico conseguito, tra l'altro, va ovviamente in primis ai produttori.

Il costitutore di nuove varietà è di fatto un fornitore di servizi all'azienda agricola e ai commercianti, in quanto è colui che mette a disposizione una "genetica" superiore al passato. L'innovazione è il motore della crescita in tutte le attività, non solo agricole.

Ventura: "Produttori e commercianti pagano tutti i loro altri fornitori, per cui non si capisce perché il fornitore di innovazione non dovrebbe essere pagato (mediante le royalties), così come viene pagato il consulente tecnico, il fornitore di concimi ed antiparassitari, ecc".

FreshPlaza si unisce all'appello alla legalità e al rispetto della proprietà intellettuale sui brevetti vegetali: di problemi ce ne sono già tanti, almeno evitiamo di crearcene altri da soli.

Per maggiori informazioni:
Maurizio Ventura
Sun World european licensing manager
Sun World International
Email: mventura@sun-world.com
Web: www.sun-world.com

Data di pubblicazione: 18/05/2017
Autore: Rossella Gigli
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

31/07/2017 Marketing moments: i brand piu' vivaci dell'estate
31/07/2017 Contraffazione marchio IGP: sanzioni fino a 750mila euro e il carcere
28/07/2017 Strategie aziendali: non esistono piu' scelte giuste, esistono scelte coerenti
27/07/2017 Dare identita' al prodotto ortofrutticolo: i nuovi video per il melone Majores e l'anguria Gavina
26/07/2017 Agricoltori, siete diventati i moderni schiavi. La legge della domanda e dell'offerta non esiste piu'
25/07/2017 Bonus pubblicita' per partita IVA e imprese: come ottenerlo e mettere annunci quasi gratis
25/07/2017 Integra spiega come il lavoro in agricoltura puo' prosperare sul benessere dei dipendenti
24/07/2017 A chi darei l'Oscar della comunicazione nel settore ortofrutta? Alla frutta secca
24/07/2017 Licenziare un dipendente disonesto: e' sempre possibile?
21/07/2017 Melone: quando il prezzo puo' moltiplicarsi per 16
20/07/2017 Incontro Cia sulla (imperfetta) Legge contro il caporalato: le perplessita' del mondo agricolo
17/07/2017 Commenti di operatori e aziende nei confronti del nostro articolo su caporalato e prodotto etico
17/07/2017 Controlli in azienda: quando gli Ispettori possono farvi 'chiudere'
13/07/2017 Cosa un imprenditore dovrebbe imparare dal Barcelona Futbol Club - seconda parte
12/07/2017 Orogel premiata da Carrefour
12/07/2017 Resto al Sud: nuovi incentivi per under 35 del Mezzogiorno
11/07/2017 La frutta va promossa, non svenduta
11/07/2017 Caporalato: ma il prodotto etico ha un mercato oppure no?
11/07/2017 Migrazioni e Africa: per la FAO occorre affrontare il nodo della disoccupazione giovanile
10/07/2017 Intervista di FreshPlaza a Massimiliano Giansanti nel suo centesimo giorno da presidente Confagricoltura

 

Commenti:


Grazie a Maurizio Ventura per la difesa dei breeders e per avere sottolineato l'importanza del loro lavoro, ricordando che anche questo è un servizio al produttore. Grazie a Rossella Gigli per avere spezzato una lancia a favore della legalità
Raffaele Testolin, Udine, Italia (email) - 19/05/2017 09:05:35


Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*