Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale






Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Il parere di Maurizio Ventura (Sun World)

Perche' il mancato rispetto dei brevetti vegetali danneggia tutti quanti

"Accade solo in Italia. Concediamo in licenza e commercializziamo le nostre uve brevettate in tutto il mondo, senza alcun problema. L'unico Paese nel quale abbiamo ancora dei grattacapi è l'Italia", così commenta Maurizio Ventura, licensing manager Europa per la Sun World, nel constatare l'esistenza - ancora oggi! - di pratiche scorrette per quanto riguarda il commercio di uve da tavola protette da brevetto.

"E' come se un'azienda agricola, che magari ha messo tutto il proprio impegno nella creazione di un marchio, di un packaging, di uno slogan destinati a far conoscere sul mercato la sua produzione di eccellenza, si vedesse improvvisamente copiata per filo e per segno da qualcun altro. Non penso che ne rimarrebbe contenta".


Presso lo stand della Sun World troviamo: Michele Melillo, Maurizio Ventura e Marzia Zani.

L'idea che la furbizia e il sotterfugio paghino, è dura a morire, in Italia. Oggi, però, in un contesto in cui l'opinione pubblica, esasperata da scandali e corruzione, è sempre più sensibile al tema dell'onestà e della trasparenza, bisognerebbe tenersi accuratamente alla larga da ogni possibile disapprovazione generale.

Come osserva Ventura: "La violazione di un brevetto vegetale comporta anche la perdita di opportunità competitive per tante imprese oneste: non è un caso isolato, ad esempio, che alcuni costitutori si guardino bene dal condividere con i produttori italiani i loro cavalli di battaglia, nel timore di non poterne tutelare l'originalità".

E se parliamo sempre di innovazione varietale come strumento per qualificare e distinguere l'offerta sul mercato, l'idea di non essere nemmeno presi in considerazione da primarie aziende di breeding fa un certo effetto.

Normalmente, le nuove varietà offrono un vantaggio in termini di produttività e/o di minori spese di coltivazione: non sempre viene dato atto di questo. Il vantaggio economico conseguito, tra l'altro, va ovviamente in primis ai produttori.

Il costitutore di nuove varietà è di fatto un fornitore di servizi all'azienda agricola e ai commercianti, in quanto è colui che mette a disposizione una "genetica" superiore al passato. L'innovazione è il motore della crescita in tutte le attività, non solo agricole.

Ventura: "Produttori e commercianti pagano tutti i loro altri fornitori, per cui non si capisce perché il fornitore di innovazione non dovrebbe essere pagato (mediante le royalties), così come viene pagato il consulente tecnico, il fornitore di concimi ed antiparassitari, ecc".

FreshPlaza si unisce all'appello alla legalità e al rispetto della proprietà intellettuale sui brevetti vegetali: di problemi ce ne sono già tanti, almeno evitiamo di crearcene altri da soli.

Per maggiori informazioni:
Maurizio Ventura
Sun World european licensing manager
Sun World International
Email: mventura@sun-world.com
Web: www.sun-world.com

Data di pubblicazione: 18/05/2017
Autore: Rossella Gigli
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

23/05/2017 Fruitgrowing interviene nel dibattito sui brevetti vegetali
22/05/2017 Rosso ciliegia sul web: se ne parla tanto, non sempre bene e la tipicita' e' vincente
22/05/2017 Diritto di prelazione: ecco quando l'agricoltore ha la precedenza
19/05/2017 Un ricercatore di UniUdine interviene nel dibattito sui brevetti vegetali
18/05/2017 Progetto del CEFA per coltivare verdura e frutta in Tanzania
16/05/2017 Tempo di melone sul web: il Mantovano spopola in Italia
15/05/2017 Imprenditori agricoli e legge salva-suicidi. Ecco a chi serve e come funziona
12/05/2017 OP Terre della Luce si presenta al Macfrut: un nuovo passo da protagonista per la Basilicata
10/05/2017 La rivoluzione vegetale e' realta'
09/05/2017 Belgio: metamorfosi totale per Lizzy's Nieuwe Oogst
08/05/2017 Agroalimentare: oltre il 70% delle Pmi non investe nelle tecnologie
08/05/2017 Echi dal web: tutti pazzi per i microgreen
05/05/2017 Quali sfide per il commercio ortofrutticolo nell'era dell'online e del direct sourcing?
04/05/2017 Prevenire e' meglio che curare: la sicurezza sul lavoro e' fondamentale anche in agricoltura
03/05/2017 Il settore non dovrebbe scoraggiarsi di fronte alle sfide
02/05/2017 Sorveglianza sanitaria dei lavoratori stagionali, costi a carico del datore
28/04/2017 All'estero non si va con un solo prodotto, ma con l'intera filiera
27/04/2017 Trieste: Gli Orti di Venezia, Coop Alleanza 3.0 e Vittorio Sgarbi insieme per una pinacoteca d'eccezione
27/04/2017 I risultati della missione in West Africa: collaborare con il fornitore o investire come ha fatto Francescon
21/04/2017 Assemblea Fruitimprese 2017: piu' che la Brexit o il neo protezionismo, i veri problemi dell'ortofrutta italiana sono tutti nazionali

 

Commenti:


Grazie a Maurizio Ventura per la difesa dei breeders e per avere sottolineato l'importanza del loro lavoro, ricordando che anche questo è un servizio al produttore. Grazie a Rossella Gigli per avere spezzato una lancia a favore della legalità
Raffaele Testolin, Udine, Italia (email) - 19/05/2017 09:05:35


Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*