Avvisi

Ricerca di personale






Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Gravagna, azienda leader nella produzione e commercializzazione di ortofrutta bio, e' anche una Smart Farm all'avanguardia

La Gravagna è una delle maggiori aziende biologiche della Sicilia (tra le più grandi a marchio Demeter in Italia), specializzata nella produzione di ortaggi biologici e biodinamici.

L'azienda nasce nel 1975, quando Vincenzo Gravagna eredita i terreni e l'amore per la propria terra dal padre Salvatore. 


Nella foto: Vincenzo Gravagna

"Dai 18 ettari iniziali, grazie a numerosi investimenti nella produzione e nel confezionamento - racconta Vincenzo Gravagna -, l'azienda oggi si estende su oltre 500 ettari coltivabili, di cui ben 200 sono di nostra proprietà esclusiva". 



Oltre al modernissimo capannone di 5000 mq per la lavorazione, che alloggia sofisticati macchinari, l'azienda include vari edifici di servizio e un invidiabile parco mezzi. "Ma queste strutture risultano ormai insufficienti - continua Gravagna - e, pertanto, abbiamo presentato un nuovo progetto di ampliamento. Per la stagione 2017/2018, infatti, all'attuale struttura per la lavorazione verrà collegato un altro magazzino di 4000 mq". 



In base alla stagione, l'azienda produce con opportune rotazioni diverse colture sia in pieno campo che in tunnel: patate (1650 ton), zucchine (1380 ton), carciofi (200 ton), carote (3300 ton), finocchio (250 ton), fagiolino (100 ton), fagiolo (50 ton), anguria (180 ton), limoni (500 ton), arance (150 ton), peperoni (50 ton), cipolla (50 ton), carrube (50 ton). A questi si aggiungono i prodotti movimentati su richiesta dei clienti di fiducia. La merce, controllata e confezionata presso lo stabilimento di lavorazione, viene commercializzata in buona parte dell'Europa, principalmente in Francia, Germania, Svizzera, Regno Unito e Italia.



"La nostra azienda ha avuto un'evoluzione graduale, mantenendo costante la filosofia del produrre al meglio e con il minor impatto ambientale - spiega ancora Gravagna -. Abbiamo sempre lavorato nel pieno rispetto della natura, considerando la fertilità del suolo, la biodiversità e l'ambiente come beni comuni in prestito, da restituire con valore aggiunto alle generazioni future".



L'azienda Gravagna dispone di 2 impianti Hidrocooling, 2 celle frigo, 1 cella frigo di precarico, 1 linea di lavorazione patate, 4 linee di lavorazione carote, 1 linea di lavorazione finocchio, 4 linee di lavorazione prodotti delicati, 1 linea di lavorazione per agrumi (introduzione nella campagna 2015/2016), 2 confezionatrici Girsac per agrumi (introduzione nella campagna 2015/2016), 3 flowpaccatrici (flowpack vaschette e flowpack prodotto nudo), 4 filmatrici per vaschette con film estensibile, 5 linee controllo qualità codice a barre per operatore confezionatore.



Nel 2011, in linea con i propri principi a tutela dell'ambiente, l'azienda Gravagna ha investito nelle energie rinnovabili con la costruzione di ben due impianti fotovoltaici, rispettivamente di 200 kw e 35 kw. Ogni due anni si provvede al rinnovo del parco macchine, sostituendo i mezzi obsoleti e spesso acquistandone di nuovi che vanno ad aggiungersi ai precedenti.



L'azienda è in grado di lavorare una cospicua quantità di prodotto in modo ottimale e di offrire al mercato prodotti di qualità. E infatti, anche il numero dei clienti che richiedono i prodotti a marchio Gravagna sono notevolmente aumentati, rendendo necessario l'acquisto di ulteriori terreni e strutture, al fine di produrre le quantità di referenze richieste. 

L'Azienda Agricola Gravagna è un punto di riferimento sul territorio, riuscendo a intessere accordi con varie aziende biologiche della Sicilia sud orientale per la fornitura di merce grezza, successivamente lavorata presso il magazzino di proprietà. 



Interessanti anche gli investimenti nella formazione tramite convenzioni stipulate con società specializzate, in grado di realizzare piani formativi stabiliti. In pieno periodo lavorativo l'azienda Gravagna offre lavoro a più di 250 operai.

Collaborano in azienda la figlia Mariachiara, avvocato, il figlio Marco, laureato in agraria a cui è affidata principalmente la gestione della lavorazione del prodotto e la logistica in generale, Laura Guastella, laureata in lingue addetta alle vendite e il dott. Fabio Sudano, agronomo, il quale cura la produzione. 

L'apporto delle nuove leve ha determinato, un po' in tutti gli ambiti dell'azienda, una serie di importanti migliorie. Tra queste vi è il progetto di trasformare parte dell'azienda in una smart farm. Si tratta di soluzioni tecnologiche che non appartengono al futuro ma a una realtà attuale che, certamente all'avanguardia, permette la gestione di un'azienda così grande da uno smartphone. 

Al momento è funzionante un impianto, progettato in collaborazione con l'Università degli Studi di Catania, su una porzione di terreno di 8 ettari, che è possibile monitorare e irrigare attraverso uno smartphone, con notevole risparmio idrico e, dunque, un complessivo minor impatto ambientale. 

Contatti:
Azienda Agricola Vincenzo Gravagna
C/da Giarrentini
97018 Scicli (RG)
Tel.: (+39) 0932 836483 
Fax: (+39) 0932 836492
Email: info@gravagna.it
Web: www.azgravagna.com

Data di pubblicazione: 17/03/2017
Autore: Gaetano Piccione
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

19/02/2018 L'ascesa della cucina mediterranea ha un ruolo importante nelle vendite di melanzane
19/02/2018 Southern Seed: le novita' presentate a Berlino
19/02/2018 SAIS Sementi ha presentato il nuovo pomodoro ciliegino Mygliorito F1
19/02/2018 Carciofi siciliani: una stagione da dimenticare
19/02/2018 Radici amare: un po' piu' 'amabili' per via dell'inverno mite
16/02/2018 Nuovo packaging per l'Aglio bianco Piacentino
16/02/2018 Germania: rutabaga, eletto ortaggio dell'anno 2017 e 2018
16/02/2018 Comincia la stagione dell'aglio orsino lungo il Danubio
16/02/2018 Annata buona per l'indivia, ma i prezzi restano difficili
16/02/2018 La bufala dell'invasione di pomodori Pachino dal Camerun
16/02/2018 Spagna: il primo asparago verde che puo' essere consumato crudo
15/02/2018 Difficile competere con il prodotto francese
15/02/2018 La Carota di Polignano biofortificata in iodio
15/02/2018 I pomodori da mensa della linea Pomo Rosa di ISI Sementi: Rosamunda e Rosalinda
15/02/2018 Carciofo per via meristematica: rese produttive migliori del 20 per cento
15/02/2018 Finocchio di IV gamma: soluzione anti-imbrunimento con etanolo
14/02/2018 Romania: quasi 60mila tonnellate di pomodori importati
14/02/2018 Il 60% delle verdure albanesi e' destinato ai mercati europei
14/02/2018 Seminis: resa e rusticita' con il pomodoro SV8840TM
14/02/2018 Ministro Martina: duplice azione contro la crisi del pomodoro di Pachino

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*