Avvisi

Ricerca di personale






Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



In Nuova Zelanda si vendono a scaffale pomodori locali, ma a marchio Romagna

Un nostro lettore che lavora in una grande azienda del settore frutticolo, qualche giorno fa si trovava a Mount Maunganui, città della Nuova Zelanda. Recandosi in un supermercato del posto, della catena Woolworths (tra le principali del continente australe), ha notato qualcosa di curioso: una confezione di pomodori a marchio (registrato) "Romagna".

La confezione di pomodori con il marchio registrato "Romagna".

"Sono rimasto sorpreso; non potevo credere ai miei occhi per quella confezione - ci ha scritto rispondendo in diretta alle nostre domande - L'ho notato mentre portavo i miei colleghi cinesi a fare la spesa e mi ha fatto sorridere. L'Italian sounding è molto forte qui, ma di prodotti realmente Made in Italy ce ne sono veramente pochi. Molto spesso capita che il marchio sia italiano, ma il luogo di produzione neozelandese o australiano".



Il lettore aggiunge che si trattava di una promozione con due confezioni da 750 gr a 6NZD, circa 3,90 euro. "Comunque, allo stesso tempo - aggiunge - c'erano le promozioni per i datterini a marchio Pomorosso e i ciliegini Campari. Tutto proudly grown in New Zealand (orgogliosamente coltivato in Nuova Zelanda)".

Da precisare che la confezione riporta chiaramente che i pomodori sono prodotti localmente in Nuova Zelanda; al contempo, c'è scritto che sono indicati per prepararli in insalata secondo lo stile mediterraneo. E' riportato inoltre che si tratta di pomodori tipo "Roma" e che Romagna si pronuncia Ro-man-ya.



Abbiamo visitato il sito dell'azienda produttrice ed è specializzata in pomodoro. Fra i vari marchi, ve ne è un altro che richiama l'Italia, PomoRosso e, nella descrizione, è riportato come una tipologia di San Marzano.

Abbiamo scritto loro una email chiedendo come mai abbiano scelto proprio questo nome, dato che se da un lato la Romagna non è di certo una zona fra le più famose per il pomodoro, dall'altra è altrettanto curioso capire quanti neozelandesi la conoscano come territorio. Se arriverà risposta, vi faremo un aggiornamento.

Data di pubblicazione: 13/03/2017
Autore: Cristiano Riciputi
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

19/02/2018 L'ascesa della cucina mediterranea ha un ruolo importante nelle vendite di melanzane
19/02/2018 Southern Seed: le novita' presentate a Berlino
19/02/2018 SAIS Sementi ha presentato il nuovo pomodoro ciliegino Mygliorito F1
19/02/2018 Carciofi siciliani: una stagione da dimenticare
19/02/2018 Radici amare: un po' piu' 'amabili' per via dell'inverno mite
16/02/2018 Nuovo packaging per l'Aglio bianco Piacentino
16/02/2018 Germania: rutabaga, eletto ortaggio dell'anno 2017 e 2018
16/02/2018 Comincia la stagione dell'aglio orsino lungo il Danubio
16/02/2018 Annata buona per l'indivia, ma i prezzi restano difficili
16/02/2018 La bufala dell'invasione di pomodori Pachino dal Camerun
16/02/2018 Spagna: il primo asparago verde che puo' essere consumato crudo
15/02/2018 Difficile competere con il prodotto francese
15/02/2018 La Carota di Polignano biofortificata in iodio
15/02/2018 I pomodori da mensa della linea Pomo Rosa di ISI Sementi: Rosamunda e Rosalinda
15/02/2018 Carciofo per via meristematica: rese produttive migliori del 20 per cento
15/02/2018 Finocchio di IV gamma: soluzione anti-imbrunimento con etanolo
14/02/2018 Romania: quasi 60mila tonnellate di pomodori importati
14/02/2018 Il 60% delle verdure albanesi e' destinato ai mercati europei
14/02/2018 Seminis: resa e rusticita' con il pomodoro SV8840TM
14/02/2018 Ministro Martina: duplice azione contro la crisi del pomodoro di Pachino

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*