Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Due industrie in bilico, soldi che mancano, accordo ancora in alto mare

Nord Italia: 5500 ettari di pomodoro a rischio e un'intera filiera in crisi

Gravissima situazione in Emilia-Romagna per il pomodoro da industria. Ancora non vi è un accordo per l'annata 2017. E come mai? Non si tratta, solo, del solito ritardo; quest'anno ci sono anche due bombe che minacciano i produttori. Le industrie di trasformazione Copador di Collecchio (Parma) e Ferrara Food di Ferrara non hanno liquidato i produttori per le spettanze del 2016. O le hanno liquidate solo in minima parte. Si tratta di 4000 ettari circa per Copador (clicca qui per l'articolo precedente) e oltre 1500 per Ferrara (vedi news).


Foto tratta da statoquotidiano.it

Se entro breve le banche non accetteranno un piano di salvataggio, immettendo così la liquidità necessaria per pagare gli agricoltori, questi ultimi non effettueranno i trapianti. Si tratta di 5500 ettari di pomodoro in meno, con tutte le conseguenze negative per la filiera.

Da qualche mese l'OI pomodoro ha un nuovo presidente, Tiberio Rabboni (clicca qui per la precedente intervista). L'organismo sta cercando di mediare varie situazioni, ma non può, per statuto, entrare nel merito dell'accordo sui prezzi. Da non dimenticare che nel 2016 i prezzi furono concordati a metà maggio, quindi una vera vergogna, uno schiaffo agli agricoltori (leggi qui l'articolo) perché a metà maggio i trapianti sono già stati effettuati da diverse settimane.


Foto tratta da tractorum.it

Se si è giunti a fine febbraio in questa situazione, viene da pensare che non tutti si rendano conto della gravità della situazione. Abbiamo chiesto un parere a Luca Artioli, responsabile Apo Conerpo per il settore. "Venerdì 24 febbraio ci sarà un incontro fra i rappresentanti delle Op e quelli delle industrie. Personalmente penso sia difficile che si trovi una soluzione per le due industrie in crisi. Il limite massimo è il 28 febbraio. Dal primo marzo si dovrà discutere l'accordo, anche senza le due aziende in crisi e quindi senza i loro ettari".



Secondo Artioli, Ferrara Food è un malato sì grave, ma non terminale. Con una cura di antibiotici potrebbe riprendersi. E gli antibiotici dovrebbero corrispondere al nome di "prestiti" da parte delle banche. Ma le banche, specie ora, prima di prestare qualcosa vogliono delle garanzie e dei piani di recupero che siano ben ponderati. I "pagherò" di una volta non bastano più.

Strano a dirsi, ancora una volta sarà la parte agricola a pagare lo scotto. Già lo sta pagando perché non ha ancora ricevuto la gran parte dei soldi della campagna scorsa. Gli agricoltori hanno coperto tutte le spese e non hanno ricevuto il frutto del proprio lavoro. Ma se le industrie saltano, le ripercussioni saranno gravi per tutti i territori limitrofi.

Data di pubblicazione: 23/02/2017
Autore: Cristiano Riciputi
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

16/01/2018 L'alga spirulina e' molto popolare in Francia
16/01/2018 Casa Morana: dove il trasformato di pomodoro e' una prima scelta
15/01/2018 QB Crock, la rivoluzione nel mondo degli snack
15/01/2018 La Grecia sfida l'Argentina con le sue pesche sciroppate
15/01/2018 Il peperoncino del Piemonte nei trasformati a marchio Mongetto
12/01/2018 Frutta e verdura secondo Natura Nuova: non solo a marchio proprio ma anche per Private Label
11/01/2018 Eurofood Srl: trasformati di agrumi siciliani esportati in 65 Paesi del mondo
11/01/2018 Polonia: il succo di Haskap sara' disponibile nel 2018
10/01/2018 Fresssco: spremute di benessere ideali per colazioni e brunch a base di frutta
09/01/2018 Dal 2012, il marchio Segreti di Sicilia e' sinonimo di conserve di qualita'
09/01/2018 Le persone consumano circa il 40 per cento di frutta in piu', se sbucciata e tagliata
08/01/2018 Nuova collezione per I Triangolini Valfrutta
08/01/2018 Nasce Syramusa: Stock sceglie il Limone di Siracusa IGP per Limonce' Premium Selection
08/01/2018 Il Filo Rosso: trasformati di frutta da agricoltori di nuova generazione
05/01/2018 I mirtilli IQF e le sfide comuni per i trasformatori
05/01/2018 Ortaggi, frutti e peperoncino di montagna nell'assortimento dei trasformati di Ca' d'Alfieri
04/01/2018 Nuovo video Dole Snack Circle: Biscotti del buonumore
04/01/2018 Clementine da agricoltura sostenibile presso la calabrese BioSmurra
03/01/2018 Specialita' tipiche della Valle d'Aosta a marchio Alpenzu
22/12/2017 Agrumigel punta su una linea salutistica di succhi di melagrano

 

Commenti:


per forza vanno in cina e poi li passano per italiani.
alla faccia del km zero e dei conumatori
antonio cimitile, cimitile, italia - 25/02/2017 16:05:26


Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*