Avvisi

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



La crisi di Ferrara Food puo' mandare in default il distretto del pomodoro

Secondo quanto riferito da Cia – Agricoltori Italiani Ferrara e Confagricoltura Ferrara, ammonta a quasi 11 milioni di euro il debito di Ferrara Food nei confronti delle aziende agricole che hanno conferito pomodoro da industria nel corso della campagna 2016.

Attualmente l'azienda di trasformazione, che assorbe quasi il 40% del pomodoro del distretto produttivo ferrarese, ha pagato agli agricoltori solo il prodotto consegnato a luglio; mancano però all'appello i conferimenti, ben più "pesanti", di agosto e settembre. Una situazione di forte crisi per il comparto che, secondo le organizzazioni agricole, occorre risolvere al più presto, attraverso un tavolo di concertazione istituzionale che riesca a salvare l'azienda, il reddito delle aziende e un intero distretto produttivo.

Timori per una possibile chiusura

"Per i produttori, il fallimento e la chiusura dello stabilimento di Argenta significherebbe non avere un'alternativa sul territorio per conferire il pomodoro, con un conseguente abbandono della coltura e la perdita di una importante possibilità di reddito. Le aziende agricole, infatti, hanno effettuato investimenti, scegliendo il pomodoro da industria per differenziare la produzione e migliorare la redditività agricola. Non dimentichiamo, inoltre, – continuano Cia e Confagricoltura – che lo stabilimento di Ferrara Food dà lavoro a molte persone, dal personale fisso a quello stagionale, e la sua chiusura porterebbe a una perdita consistente di posti di lavoro sul territorio".

Le associazioni sono disponibili a un tavolo di confronto istituzionale per la risoluzione della crisi, al quale pensiamo debbano sedersi anche le banche che in questa situazione, secondo loro "hanno ovviamente un ruolo determinante perché, di fatto, il pomodoro di Ferrara Food è di loro proprietà. Gli istituiti bancari potrebbero - a determinate condizioni e garanzie - dare liquidità all'azienda che riuscirebbe a pagare i produttori, ma anche dare continuità produttiva per la prossima campagna, così da consentire alle aziende agricole di pianificare la produzione nel 2017".

I tempi per agire sono comunque ristretti.

Data di pubblicazione: 14/02/2017



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

26/07/2017 SATA: resoconto dell'Open Day prove varietali pomodoro da industria
26/07/2017 Neri Industria Alimentare celebra i 70 anni di pura tradizione italiana
24/07/2017 La Linea Verde continua a investire nel segmento delle insalatone
24/07/2017 Il Consorzio Casalasco da' il via alla raccolta del pomodoro
24/07/2017 La Torrente: stabile il mercato del pomodoro, in crescita il canale specializzato
21/07/2017 Piacenza: al via la campagna di trasformazione del pomodoro
20/07/2017 Succhi di agrumi, Schiavelli (Unaproa): "Necessario avviare lo stesso iter di valorizzazione della materia prima come per il pomodoro da industria"
20/07/2017 Gias Spa: 50 anni di storia nel segmento degli ortaggi surgelati
19/07/2017 Il pomodoro fiaschetto bio a marchio Calemone della Riserva Naturale di Torre Guaceto
17/07/2017 Belgio: frutta gia' sbucciata per tutti gli usi presso la ditta Frupeco
14/07/2017 Pomodoro pelato verso l'Indicazione Geografica Protetta
14/07/2017 La tradizione del Pomodoro Riccio conservata da La Sbecciatrice
14/07/2017 La Rosina promuove la linea Gold e le conserve biologiche
13/07/2017 La Rete Filiera Sicilia premiata con la Stella Bellavita Awards London 2017
12/07/2017 Il pomodoro trasformato puo' essere un prodotto artigianale: la storia dell'Azienda Paglione
11/07/2017 iContadini: sapori autentici del Salento
11/07/2017 Russia: nuova fabbrica di conserve vegetali
10/07/2017 Nuovo video Dole Snack Circle: Gelato stecco alla frutta
10/07/2017 Cascina San Cassiano, prodotti bio e vegani. Goloserie dolcificate con la Stevia
10/07/2017 La Rinascita del pomodoro siccagno bio segna l'evoluzione di un comparto molto tradizionale

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*