Avvisi

Ricerca di personale






Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



La crisi di Ferrara Food puo' mandare in default il distretto del pomodoro

Secondo quanto riferito da Cia – Agricoltori Italiani Ferrara e Confagricoltura Ferrara, ammonta a quasi 11 milioni di euro il debito di Ferrara Food nei confronti delle aziende agricole che hanno conferito pomodoro da industria nel corso della campagna 2016.

Attualmente l'azienda di trasformazione, che assorbe quasi il 40% del pomodoro del distretto produttivo ferrarese, ha pagato agli agricoltori solo il prodotto consegnato a luglio; mancano però all'appello i conferimenti, ben più "pesanti", di agosto e settembre. Una situazione di forte crisi per il comparto che, secondo le organizzazioni agricole, occorre risolvere al più presto, attraverso un tavolo di concertazione istituzionale che riesca a salvare l'azienda, il reddito delle aziende e un intero distretto produttivo.

Timori per una possibile chiusura

"Per i produttori, il fallimento e la chiusura dello stabilimento di Argenta significherebbe non avere un'alternativa sul territorio per conferire il pomodoro, con un conseguente abbandono della coltura e la perdita di una importante possibilità di reddito. Le aziende agricole, infatti, hanno effettuato investimenti, scegliendo il pomodoro da industria per differenziare la produzione e migliorare la redditività agricola. Non dimentichiamo, inoltre, – continuano Cia e Confagricoltura – che lo stabilimento di Ferrara Food dà lavoro a molte persone, dal personale fisso a quello stagionale, e la sua chiusura porterebbe a una perdita consistente di posti di lavoro sul territorio".

Le associazioni sono disponibili a un tavolo di confronto istituzionale per la risoluzione della crisi, al quale pensiamo debbano sedersi anche le banche che in questa situazione, secondo loro "hanno ovviamente un ruolo determinante perché, di fatto, il pomodoro di Ferrara Food è di loro proprietà. Gli istituiti bancari potrebbero - a determinate condizioni e garanzie - dare liquidità all'azienda che riuscirebbe a pagare i produttori, ma anche dare continuità produttiva per la prossima campagna, così da consentire alle aziende agricole di pianificare la produzione nel 2017".

I tempi per agire sono comunque ristretti.

Data di pubblicazione: 14/02/2017



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

18/06/2018 Come ti trasformo l'avocado in uno snack croccante: arrivano le chip AvoLov
18/06/2018 Naturalys: frutti di bosco e trasformati di nicchia dalla Valle del Lys (AO)
15/06/2018 Curiosita': patatine fritte...ma di mele!
15/06/2018 Il settore della IV gamma e' fiorente in Germania e in Europa occidentale
14/06/2018 Il Peru' guadagna la scena europea con i suoi frutti tropicali surgelati
14/06/2018 Surgelati vegetali stabili, balzo in avanti per i piatti pronti
14/06/2018 Antico Casale Franzese presenta nuova linea di pomodoro campano per i mercati Usa e Canada
13/06/2018 Euroverde: si arricchisce la linea premium con le nuove vellutate a marchio Bonta' di Stagione
12/06/2018 Di Sano Group lancia la nuova linea dei trasformati a marchio Le Amelie
11/06/2018 Da un appassionato di sport, la bibita ai superingredienti: Leopard Natural
08/06/2018 Se i ragazzi non mangiano la frutta, noi proviamo a fargliela bere: la storia delle spremute in bottiglia Quick
07/06/2018 Australia: arriva il caffe' a base di broccoli
07/06/2018 Campisi Citrus lancia la linea dei trasformati a base di Limone di Siracusa IGP
06/06/2018 Polara, il mondo dei soft drink d'eccellenza a base di agrumi siciliani certificati DOP e IGP
04/06/2018 Trasformati in sottovuoto: la proposta dell'azienda Borgo Felice
04/06/2018 Aglio tritato e in spicchi, pronto all'uso e senza conservanti
04/06/2018 Microsperimentazione per ottenere aceto dagli agrumi
01/06/2018 Amandino e Nocciola, le creme Damiano da provare al Rimini Wellness, per un'estate fit senza rinunciare al gusto
01/06/2018 Svizzera: SPAR lancia il nuovo marchio 'Fresh to go'
01/06/2018 Arnone lancia una nuova linea di bevande senza zuccheri aggiunti

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*