Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale






Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



A causa del virus TYLCV

Vittoria: estirpato oltre il 70% del pomodoro in raccolta tra novembre e dicembre

Una violenta virosi sta minacciando in questi giorni le coltivazioni di pomodoro nella cosiddetta fascia trasformata (area sud-orientale della Sicilia che va da Pachino a Licata), rianimando i timori di diversi produttori che operano soprattutto nel territorio di Vittoria. La colpa potrebbe essere attribuita alle temperature anomale che colpiscono il territorio in questo periodo.

"Purtroppo il problema c'è ed è molto preoccupante - conferma a FreshPlaza un produttore di Vittoria - perché quasi tutti i trapianti di agosto e settembre, oltre a una parte di quelli di ottobre sono stati colpiti dal Tomato Yellow Leaf Curl Virus (TYLCV), comunemente chiamata virosi del pomodoro o virus dell'accartocciamento giallo delle foglie di pomodoro".

Tutto questo ha ripercussioni sulle produzioni, che si dimezzeranno. I produttori agricoli, già colpiti dalla crisi economica e da quella commerciale, dovrebbero trapiantare nuovamente il pomodoro, con spese raddoppiate e ritardi nella produzione e nella raccolta. Invece di iniziare a raccogliere il pomodoro nel mese di novembre e dicembre, si dovranno aspettare i mesi di marzo e aprile, periodo in cui anche gli altri paesi incominciano a raccogliere, il che si traduce in prezzi bassi di mercato.

Secondo quanto riferitoci, ad oggi si sta estirpando più del 70% del pomodoro che andava in raccolta tra novembre e dicembre. Il tutto si ripercuote sull'economia della città di Vittoria e della fascia trasformata che vivono grazie all'agricoltura e alle serre di pomodoro, in particolare.

Come riporta reteiblea.it, l'amministrazione vittoriese ha chiesto l'aiuto della Regione e il supporto delle istituzioni. Il sindaco Giovanni Moscato si è così espresso: "La nostra agricoltura sta vivendo un momento di grande sofferenza a causa della crisi globale e rischia di pagare un dazio ancora più alto per via della diffusione del virus. Sono al fianco dei nostri produttori e abbiamo già sollecitato le istituzioni regionali per trovare insieme delle contromisure a tutela della nostra agricoltura e delle nostre produzioni".

Data di pubblicazione: 19/10/2016
Autore: Maria Luigia Brusco
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

26/05/2017 Pronta la nuova mappa del genoma degli spinaci
26/05/2017 Migliorie negli imballaggi prevengono la condensa nelle baby leaf
26/05/2017 Wasino RZ: un pomodoro attraente, ideale per la coltivazione bio
26/05/2017 Pomodoro: in qualsiasi forma sia, al momento viene pagato troppo poco
25/05/2017 Bayer: dimostrazioni in campo sulla lattuga e ragionamenti sul futuro
25/05/2017 Il radicchio Geofur in tv su Rete4
25/05/2017 Intensificate le operazioni di raccolta degli ortaggi tipicamente estivi
25/05/2017 Azienda Agricola Modica: il biologico da' soddisfazioni
25/05/2017 Selvaggio F1: portainnesto per pomodoro della Vvibes
24/05/2017 Disponibilita' sufficiente di pomodori svizzeri
24/05/2017 Slovenia: nel 2016 produzione ortaggi in aumento del 16% rispetto al 2013
24/05/2017 Asparagi di Cantello, da 200 anni sulle tavole dei varesini
24/05/2017 Spagna: prezzi alle stelle per gli asparagi
24/05/2017 Calo nei prezzi degli ortaggi a frutto dopo un inizio di stagione insolito
24/05/2017 Alcuni dati sulle carote
23/05/2017 La Spagna si aspetta volumi di aglio simili a quelli dell'anno scorso
23/05/2017 Dragon's Breath: il peperoncino piu' piccante al mondo
23/05/2017 Florette lancia la nuova linea di spalmabili naturali
22/05/2017 I pomodori turchi torneranno in Russia questo inverno?
22/05/2017 In corso la Settimana della Biodiversita' Pugliese

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*