Avvisi

Ricerca di personale






Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



L'UE estende il periodo di libera importazione delle arance sudafricane

Come riporta l'associazione dei produttori agrumicoli sudafricani, il paese sta approfittando al momento di un periodo esente da dazio per le esportazioni verso l'Unione Europea. Tale periodo di tariffazione agevolata dura ogni anno fino al 16 ottobre, data in cui i dazi doganali sono reintrodotti al tasso del 16%. Questa situazione potrebbe però cambiare a breve, in quanto l'Unione Doganale sudafricana ha firmato un accordo di partnernariato economico con l'Unione Europea che consentirà gradualmente di estendere il periodo senza tassazione durante i prossimi dieci anni.

"L'accordo non è ancora entrato in vigore", spiega Justin Chadwick, CEO della Citrus Grower's Association. "Stiamo ancora aspettando che venga fissata una data. Una volta in vigore, la tassazione sarà ridotta fino a fine novembre. Inizialmente ci sarà un decremento dell'1,8% l'anno, che scenderà pian piano fino a scomparire del tutto. Se l'accordo sarà firmato prima del 16 ottobre, le tariffe saranno ridotte dell'1,8% fino alla fine di novembre 2016, altrimenti si partirà l'anno prossimo".

Un mese e mezzo in più senza tassazione porterà a un incremento delle arance sudafricane disponibili sul mercato UE. Nel 2015, i volumi da questo paese, il maggior esportatore di agrumi dopo la Spagna, raggiunsero le 427.987 tonnellate.

L'accordo entrerà in vigore già a partire dal 2016, fatto che preoccupa non poco i produttori spagnoli, che temono la competizione con la varietà precoce Navelina, il cui raccolto inizia tra la fine di ottobre e l'inizio di novembre.

L'accordo prevede anche una riduzione progressiva della tassazione fino all'abolizione totale nel 2025. "E' vero che la riduzione sarà lenta, ma renderà i nostri agrumi progressivamente più competitivi in Europa. L'anno scorso gli esportatori hanno spedito quantitativi leggermente più alti, giusto prima della scadenza delle agevolazioni tariffarie. L'accordo permetterà invece di distribuire meglio le spedizioni".

Brexit: non tutto viene per nuocere
Secondo Justin, la Brexit potrebbe presentare un vantaggio per le esportazioni sudafricane, ma dipenderà tutto dalle norme che il paese andrà a implementare. "Ovviamente speriamo in un cambiamento: dato che il Regno Unito non produce agrumi, tutta la problematica collegata al Citrus Black Spot (CBS) non dovrebbe più costituire un ostacolo alle nostre spedizioni".

D'altra parte, però, il Regno Unito potrebbe anche semplicemente adottare il regolamento unico già in vigore nell'Unione Europea. "Noi comunque speriamo di poter rinegoziare le tariffe, proprio perché il paese non ha necessità di salvaguardare i produttori locali".

Citrus Black Spot: nessun rilevamento finora
Per la prima volta in 8 anni non sono stati rilevati casi di CBS nelle spedizioni di agrumi dal Sudafrica. Secondo Justin "al momento non c'è pericolo, in quanto la varietà maggiormente a rischio è la Valencia e siamo appena a metà stagione".

Il meteo nella parte settentrionale del paese è stato molto caldo e secco, tanto che non c'erano spore durante il periodo di inoculazione. Tuttavia, nella provincia del Capo Orientale (dove si produce il 30% degli agrumi sudafricani), la pioggia caduta avrebbe potuto favorire lo sviluppo del CBS. Il fatto che non si sia presentato è stato dovuto alla combinazione del clima favorevole e delle buone pratiche adottate dal Dipartimento di Agricoltura.

Data di pubblicazione: 01/09/2016



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

24/01/2017 Campagna commerciale lenta e faticosa per le arance di Palagonia
24/01/2017 Cina, contea di Zigui: agrumi in calo, prezzo in crescita
23/01/2017 Gli esportatori turchi affrontano una bassa domanda sul mercato russo
23/01/2017 Agritalia: nessun competitor internazionale per l'arancia pigmentata siciliana
20/01/2017 Dopo l'ondata di maltempo, ripresa lenta della raccolta degli agrumi
19/01/2017 People of Sicily: nasce la Rete d'Impresa per l'export di agrumi siciliani a cominciare dalla Polonia
19/01/2017 Accelerare la decomposizione delle foglie nell'agrumeto contro gli agenti patogeni
19/01/2017 Le Rosse dell'Etna: la shelf life degli agrumi come elemento chiave per lavorare sui mercati esteri
19/01/2017 Pomelo, un agrume in crescita
18/01/2017 Lumia: agrume dimenticato, un po' cedro e un po' limone
18/01/2017 Agrumi italiani in Cina: evaporano le speranze di effettuare una prima spedizione di prova
18/01/2017 Sa pompia: l'agrume sardo buono da mangiare ma utilizzabile anche come medicina alternativa
17/01/2017 Cambiamento climatico nel Mediterraneo: migliorare l'efficienza idrica in agrumicoltura
17/01/2017 Tunisia: produzione record di agrumi, oltre 500 mila tonnellate
17/01/2017 BioInvio: arance siciliane certificate biologiche, a casa degli Italiani in un click
16/01/2017 Messico: visita a un produttore di limoni
16/01/2017 L'azienda agrumicola Altieri Giacomo & Figlio punta a rilanciare l'export su lunghe distanze
16/01/2017 Stagione impegnativa per gli agrumi egiziani
16/01/2017 Pirracchio: associazionismo e organizzazione mai decollati nel comparto dell'arancia rossa
13/01/2017 Programma per promuovere gli agrumi tunisini in Francia e altri paesi

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*