Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Commenti recenti continua

Per il consigliere Fruiimprese Veneto l'esperienza degli esportatori puo' aiutare gli agricoltori

"Leonardo Odorizzi: "Subito un Tavolo di filiera anti-crisi"

"Come consigliere Fruitimprese vorrei proporre l'apertura immediata di un tavolo di crisi per prendere posizione e decisioni sul da farsi, anche in collaborazione con le altre rappresentanze. La capacità, l'intelligenza manageriale dei membri di Fruitimprese può essere messa a disposizione del settore per portare avanti iniziative a difesa degli interessi degli agricoltori nostri fornitori, ma anche delle nostre stesse aziende che, diversamente, rischiano di diventare scatole piene di macchinari e imballaggi e dalle quali escono prodotti senza identità e valore riconosciuto".

Questo l'appello che Leonardo Odorizzi (in foto), produttore esportatore, consigliere di Fruitimprese Veneto, fa pubblicamente alla Associazione di importatori ed esportatori: farsi capofila della riorganizzazione e valorizzazione del settore ortofrutticolo istituendo un Tavolo cui invitare tutti gli operatori con i quali è indispensabile aprire un dialogo a tutto tondo.
 
"Considerato che nemmeno le Organizzazioni di produttori sono riuscite a risolvere certe problematiche, solo un'azione comune di tutti gli attori potrà ribaltare il sistema. Tra le difficoltà che affronto quasi ogni giorno, vanno segnalate le pratiche commerciali sbilanciate che rischiano di violare l'Art. 62 del 2012, comma 2, che punisce chiunque adotti condotte commerciali sleali che risultino tali anche tenendo conto del complesso delle relazioni commerciali che caratterizzano le condizioni di approvvigionamento. Oltretutto, di recente, il Governo ha anche inasprito le sanzioni relative all'Art. 62".
 
"Un altro ostacolo incontrato nel lavoro quotidiano riguarda il controllo della etichettatura dei prodotti sui banchi (es. segnalazione calibri AAA per pesche A) e, soprattutto, la qualità/conformità dei frutti in esposizione. Dopo alcune ore, infatti, si presentano spesso ammaccati, raggrinziti o, addirittura, sovramaturi, a causa dell'eccessiva manipolazione nel punto vendita".
 
"Andrebbe poi valutata l'ipotesi di escludere dal mercato i calibri inferiori, in modo da calmierare l'offerta garantendo almeno un calibro A per pesche e nettarine. Tra l'altro, l'industria di trasformazione sta proponendo prezzi molto interessanti, tra i più alti degli ultimi dieci anni: oltre gli 0,10 euro/kg".
 
"Questione imballaggi: non si potrebbe evitare di usare il cestino in plastica a vantaggio di confezioni meno costose, quali la cassettina a uno strato che incide per 10 centesimi contro i 28 del cestino? Insomma, 0,50 euro/kg (il prezzo del cestino di questa settimana, n. 30/2015, nda) non permette a nessun attore della filiera di guardare al futuro".

"Il momento a mio giudizio è storico in quanto, per la prima volta negli ultimi 50 anni, sia i produttori che le cooperative e le ditte private si sono visti privare di quel reddito minimo che garantisce la sopravvivenza della filiera. Non dobbiamo aver paura dei nostri clienti, che pensano ai propri interessi anche con ricarichi del 300%, ma aiutarli a commercializzare meglio per vendere di più".

Data di pubblicazione :
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:

Commenti recenti:


Vorrei semplicemente rammentare al Sig. Odorizzi che il pensiero di creare un ulteriore tavolo è fuorviante, esiste già l''organismo interprofessionale Ortofrutta Italia nel quale siamo presenti tutti, facciamolo funzionare bene.
Francesco Donati, Faenza - 2015/07/23 08:09:47.000



© FreshPlaza.it 2018