Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale






Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Prove tecniche di collaborazione tra diversi areali frutticoli italiani

Cooperare non è una cosa semplice, specialmente in un paese come l'Italia, ricco di tradizioni storiche e di antichi retaggi non sempre sovrapponibili ma, proprio per questo, interessante per il potenziale di sinergia e complementarietà che potrebbe esprimere nel mettere insieme diversi territori geografici.

Tutti parlano dell'urgenza di fare sistema, di aggregarsi, creando una base di offerta in grado di generare la cosiddetta massa critica, quella che può cioè innescare esponenziali (e positive) reazioni a catena.

Partendo da queste premesse, forti di una lunga esperienza nel settore frutticolo e consapevoli dei vantaggi derivanti dalle nuove opportunità di collaborazione quali le Reti di Impresa, alcuni esponenti di importanti aziende ortofrutticole hanno deciso di varare un progetto comune.

Ne abbiamo parlato, a margine di un evento sulla Pesca di Verona, con alcune figure di spicco della nuova compagine. Senza voler svelare per ora i dettagli dell'operazione, possiamo dire che è stata voluta da tre imprese: la piemontese Join Fruit e le veronesi Coofrutta e Odorizzi, in quest'ultimo caso partecipante però con la propria sede pugliese.


In foto, da sinistra a destra: Stefano Lonardi, Leonardo Odorizzi, Stefania Ponso e Antonio Cipriani.

La Rete d'Imprese è stata fondata a maggio di quest'anno con la finalità di raccogliere il meglio delle specialità frutticole italiane per proporle alla Gdo in un formato super deluxe. I prodotti per ora disponibili, in volumi significativi, sono: mirtilli, uva da tavola, pesche e nettarine, susine, mele, pere nashi e kiwi.

Il requisito per futuri soci che vorranno aderire alla Rete è quello di avere sede nel territorio di produzione. Il presidente, Antonio Cipriani, spiega infatti che l'idea non è quella di creare una nuova forma di intermediazione tra base produttiva e retailer: "Qui stiamo parlando di passare direttamente dal produttore al distributore, con uno stringente controllo qualità per offrire solo il meglio della frutticoltura italiana".

A sua volta, Stefania Ponso, responsabile commerciale, precisa: "La sinergia tra di noi intende creare una modalità di lavoro che ponga il consumatore al centro, soprattutto quello italiano. Crediamo infatti che il mercato interno vada riconquistato e che lo si possa fare soltanto attraverso la bontà del prodotto. Chi meglio di un produttore può indicare i frutti più maturi e più buoni da mangiare al consumatore che si reca nel punto vendita?"

L'intento non è quello di operare come semplici fornitori di merce, bensì di proporre un intero format o se vogliamo un concept commerciale con il quale la stessa Gdo possa distinguersi e riconquistare la fiducia dei consumatori, uscendo dal circolo vizioso dell'inseguimento al prezzo più basso.

Per ora pare che il progetto, secondo quanto riferito a FreshPlaza dagli ideatori e promotori, piaccia molto e abbia trovato consensi e interesse. La presentazione ufficiale avverrà in autunno, epoca nella quale contiamo di fornirvi ogni ulteriore dettaglio.

Data di pubblicazione: 31/07/2018
Autore: Rossella Gigli
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

31/07/2018 Nel cambio generazionale si trasferisce un vero patrimonio di conoscenze e competenze
30/07/2018 Caporalato: quando l'imprenditore rischia la galera e la multa
30/07/2018 L'eredita' di Marchionne: spunti e riflessioni anche per il settore ortofrutticolo
27/07/2018 Il nome di una regione non e' ad uso esclusivo di qualcuno
26/07/2018 Contratti a termine: ecco cosa devono aspettarsi le imprese ortofrutticole
25/07/2018 Agrion e Facolt insieme per la valorizzazione del territorio piemontese
24/07/2018 Donne dell'Ortofrutta: arriva il sostegno di Anna Casini, assessore all'Agricoltura delle Marche
23/07/2018 A Berlino senza stand: una tendenza o un semplice caso?
18/07/2018 Reminder sulla protezione dei dati personali: quello che le imprese devono sapere
18/07/2018 Premiate le aziende innovative condotte da giovani in Calabria
18/07/2018 Prima i pomodori locali? Come lo sciovinismo influenza il nostro comportamento d'acquisto
16/07/2018 Un registro informatico inalterabile contro le truffe utile anche in ortofrutta
16/07/2018 Le analisi del terreno nella moderna agricoltura
13/07/2018 Uvitaly esalta le peculiarita' delle uve da tavola del Sud Italia in un mercato altamente globalizzato
12/07/2018 Video sulle buone pratiche di rotazione delle colture pubblicato da IFOAM
11/07/2018 Il biologico di Canova investe sul futuro: in un anno assunti 12 giovani tecnologi alimentari e agronomi di talento
11/07/2018 L'AgriAcademy di Ismea fa tappa a Bologna
11/07/2018 La siciliana Ecofaber celebra 20 anni
10/07/2018 Le Op siano di medie dimensioni e non troppo grandi
09/07/2018 L'azienda ispicese Agriblea indossa la maglietta rossa per il dramma dei migranti

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*