Avvisi

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Risorse idriche nel crotonese: gli agricoltori possono programmare la coltivazione dei finocchi

Il problema della mancanza di acqua per l'irrigazione dei campi è sempre una spada di Damocle per gli agricoltori. Alcune colture hanno, poi, bisogno di un maggiore apporto idrico e alcune delle zone a esse vocate soffrono, più di altre, la siccità.

E' il caso del crotonese e della coltivazione di finocchi, con piantumazione nel mese di settembre. Nei giorni scorsi, Coldiretti Calabria aveva sollevato il problema della mancanza di acqua per quest'area, chiedendo al presidente della Regione, Mario Oliverio, di esercitare la sovranità regionale con un pronto intervento.

La richiesta è stata accolta e si è tenuto un incontro tra Coldiretti, A2A (la multi utility che gestisce i laghi silani) e il presidente del Consorzio di Bonifica Ionio Catanzarese. Due i punti affrontati: la prossima piantumazione dei finocchi e quindi la necessità di assicurare la fornitura dell'acqua e poter far partire l'essenziale pianificazione/programmazione da parte delle aziende agricole; l'esigenza di dover rivisitare le attuali convenzioni che risalgono al 1969 per un più equo utilizzo delle risorse idriche.

Da questo primo incontro, è scaturito che A2A garantirà il rilascio dei volumi d'acqua necessari per la coltivazione dei finocchi (8-10 milioni di metri cubi) procrastinando per ora la decisione sulle modalità economiche (A2A vorrebbe un rimborso, Coldiretti non è d'accordo). Inoltre, è stata convocata per il 18 luglio un'altra riunione per iniziare la revisione delle convenzioni esistenti sia dal punto di vista cronologico che dei volumi di acqua.

Quella precedente non è stata una stagione favorevole per il finocchio crotonese - come ci aveva già raccontato un produttore (cfr. FreshPlaza del 06/06/2018) - I consumi ne hanno risentito, e la domanda è diminuita. Solo sul finale di campagna c'è stata una leggera ripresa, ma non è stato un discorso legato a un incremento della domanda e quindi il settore non ne ha beneficiato granché.

Data di pubblicazione: 11/07/2018
Autore: Maria Luigia Brusco
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

19/07/2018 Francia e Germania sono unite contro i tagli ai fondi della PAC
19/07/2018 Agrinsieme: consumo di suolo, si aggrava la situazione
19/07/2018 Certificazione QS: ora e' possibile anche per le aziende certificate GlobalGAP Opzione 2
19/07/2018 Tutti dovremmo fare qualcosa per cambiare il mondo. E non solo nel settore del packaging
19/07/2018 Sicilia: progetto Med-Gold per rispondere ai cambiamenti climatici
19/07/2018 Anche in Cina cresce il ruolo della confezione nella presentazione della frutta
18/07/2018 Stati Uniti: successo per l'Organic Produce Summit, buona l'affluenza
18/07/2018 Lo sviluppo del mercato biologico francese
18/07/2018 La Cina potrebbe salvare i produttori ortofrutticoli serbi
18/07/2018 Giansanti (Confagricoltura): senza PAC l'agricoltura italiana non ha futuro
18/07/2018 La regione piu' innovativa d'Europa e' l'Emilia Romagna
18/07/2018 Vertice Ue‑Giappone: una tappa storica per gli scambi commerciali e la cooperazione
18/07/2018 Italia a due velocita': maltempo al nord, vento e siccita' in Sicilia
17/07/2018 I principali importatori mondiali del 2017
17/07/2018 Grandine sparsa in diverse zone del nord d'Italia
17/07/2018 Putin proroga l'embargo a fine 2019
17/07/2018 Bio-Siegel: il marchio di qualita' piu' famoso in Germania
16/07/2018 UE: in 26 anni diminuite del 22% le emissioni di CO2 dall'agricoltura
16/07/2018 Centro Italia: bacini pieni, estate senza rischio siccita'
16/07/2018 Le reti protettive Arrigoni per bloccare l'insetto vettore della Xylella

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*