Avvisi

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Il biologico di Canova investe sul futuro: in un anno assunti 12 giovani tecnologi alimentari e agronomi di talento

In un contesto come quello attuale, dove la disoccupazione giovanile è stabilmente e drammaticamente intorno al 31,7% in Italia (Fonte Istat), spicca per lungimiranza la scelta di Canova, la Società del Gruppo Apofruit leader italiana per l'ortofrutta biologica.

Canova, negli ultimi anni e sempre più in futuro, deve il suo successo anche sulla scelta di investire sui giovani.

Sono ben dodici i giovani di talento, laureati in scienze e tecnologie alimentari e in Scienze agrarie all'Università di Bologna che sono entrati a far parte del team di vertice dell'azienda romagnola, con sede a Longiano in provincia di Forlì/Cesena.

Del resto, il biologico è un settore in grande ascesa che per sua natura occupa figure professionali molto specializzate e di recente formazione.

Canova rappresenta un network di produttori distribuiti su tutto il territorio nazionale con una rete anche in Spagna e in Francia.

Produce oltre 100 referenze di ortofrutta fresca  declinata su una gamma di offerta che va dal prodotto tal quale alla verdura di prima gamma evoluta, al prodotto pronto di IV gamma sia di verdura che di frutta, alla V gamma di verdura ricettata, alla frutta tagliata e pronta da mangiare, alle macedonie ed estratti di frutta e verdura.

Una straordinaria offerta di prodotti biologici, venduti sul canale retail ed horeca a marchio Almaverde Bio e con l'esigenza di una altissima professionalità da parte di tutti gli addetti.

"Investire sui giovani- dichiara il Direttore di Canova Ernesto Fornari - è un dovere delle imprese che guardano al futuro. Noi di Canova pensiamo che la qualità della nostra straordinaria gamma di prodotti, unica in Europa, dipenda molto dalle persone che lavorano con noi, quotidianamente a tutti i livelli, dal campo al laboratorio di analisi".

"La qualità – prosegue Fornari - è determinata a mio parere da tre ingredienti fondamentali che vanno di pari passo: la cultura di prodotto, il rigore tecnologico del processo e la passione delle persone. I nostri valori e le nostre scelte etiche danno ai prodotti un plus impareggiabile."

E il professor Dalla Rosa, Ordinario di Scienze e Tecnologie Alimentari dell'Università di Bologna e Direttore del Centro Interdipartimentale di Ricerca Industriale Agroalimentare (www.agroalimentare.unibo.it) con sede a Cesena, conferma con soddisfazione l'ottima relazione che si è instaurata tra Canova e UniBo: "Abbiamo stretto un collegamento importante tra Università e Imprese sul territorio della Romagna, ma anche a livello nazionale".

"Queste relazioni - conferma Dalla Rosa - da una parte sono codificate dall'Università che attiva la realizzazione di tirocini formativi e stage ma sono soprattutto rapporti che nascono da interazioni personali e rapporti di fiducia che abbiamo costruito nel tempo. Abbiamo creato – prosegue il Professor Dalla Rosa - un percorso formativo molto finalizzato e applicativo e le sinergie positive con le imprese ci stanno dando grandi soddisfazioni. Il biologico poi si conferma un settore di grande interesse per gli studenti considerando le sue potenzialità ancora inesplorate. Noi cerchiamo di suscitare interesse e consapevolezza negli studenti e penso che questo sia un compito molto importante dell'Università in generale e della nostra Scuola in particolare. Il Corso di Scienze e Tecnologie Alimentari dell'Università di Bologna con sede a Cesena è attivo dal 1992 ed è una vera fabbrica del futuro per il cibo Made in Italy".

Data di pubblicazione: 11/07/2018



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

18/07/2018 Reminder sulla protezione dei dati personali: quello che le imprese devono sapere
18/07/2018 Premiate le aziende innovative condotte da giovani in Calabria
18/07/2018 Prima i pomodori locali? Come lo sciovinismo influenza il nostro comportamento d'acquisto
16/07/2018 Un registro informatico inalterabile contro le truffe utile anche in ortofrutta
16/07/2018 Le analisi del terreno nella moderna agricoltura
13/07/2018 Uvitaly esalta le peculiarita' delle uve da tavola del Sud Italia in un mercato altamente globalizzato
12/07/2018 Video sulle buone pratiche di rotazione delle colture pubblicato da IFOAM
11/07/2018 L'AgriAcademy di Ismea fa tappa a Bologna
11/07/2018 La siciliana Ecofaber celebra 20 anni
10/07/2018 Le Op siano di medie dimensioni e non troppo grandi
09/07/2018 L'azienda ispicese Agriblea indossa la maglietta rossa per il dramma dei migranti
05/07/2018 Il modello ortofrutticolo da seguire e' quello olandese
04/07/2018 Quali elementi per l’innovazione nel settore dei pomodori?
04/07/2018 Piu' legalita' per le arance di Sicilia
03/07/2018 Associazione Le Donne dell'Ortofrutta: un bilancio a sei mesi dalla costituzione
02/07/2018 Agrumi: COA dice no ai fenomeni degenerativi del mercato del lavoro
02/07/2018 Negli Stati Uniti possono verificarsi problemi con il recupero dei crediti
29/06/2018 Le imprese italiane sono sempre piu' sostenibili, ma non lo comunicano
29/06/2018 Vivai Cecere: il mondo agricolo guarda all'avanzamento tecnologico
29/06/2018 Perche' abbandonare l'azienda, quando basta rivolgersi a un professionista?

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*