Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Cimice asiatica: solo le reti e una strategia integrata possono limitarne i danni

E' onnivora, ghiotta di frutta e semi, sverna al caldo infestando abitazioni e macchinari ed è pure cannibale. La cimice asiatica è un vero e proprio flagello per le colture e le coltivazioni di tutti i tipi dato che schiude le uova ad aprile, si accoppia a maggio e colpisce fino all'arrivo del freddo.

"Ha invaso Asia, Stati Uniti, Canada e ora è arrivata in Europa – spiega Lara Maistrello, docente del dipartimento scienze e vita dell'Università di Modena e Reggio Emilia – l'unico sistema per fermarla è la prevenzione".



Una grave minaccia, per questo "la Camera di Commercio di Verona – spiega Claudio Valente, componente di Giunta dell'ente – ha organizzato l'incontro 'La cimice asiatica: una nuova minaccia per le produzioni agricole. Biologia, ecologia ed esperienze di difesa' con l'obiettivo di informare i coltivatori in modo che siano pronti ad affrontare il temibile insetto dalla prossima campagna. Perché il sistema per difendersi pare ci sia, anche se non definitivo, grazie al lavoro di singoli centri di ricerca e dalle Università. Mai come ora è necessario un centro regionale di studi e sperimentazione per l'ortofrutta. Verona rappresenta oltre il 60% della produzione ortofrutticola regionale ed è la 7% provincia per numero di imprese. Esporta 570 milioni degli 865 regionali. Non si può aspettare oltre".

Come difendersi? La stratega di intervento deve agire su più fronti, preparando difese attive, lotta integrata, e passive, reti anti insetto, prima che la cimice schiuda le uova ma dopo l'impollinazione.



Come spiega Massimiliano Pasini del Centro Studi Agrea di Verona: "E' necessario continuare con le tecniche alternative della confusione sessuale e virus della granulosi, ad esempio. Tecniche già utilizzate per le principali avversità. Occorre usare gli fitofarmaci in modo selettivo, altrimenti si rischia di sviluppare psilla o la nascita di acari. Già isolando il frutteto con le reti antigrandine con protezioni laterali, la presenza di frutti deformi cala drasticamente".

Tanti spunti utili per una sala gremita di oltre 400 operatori, fin dall'inizio dei lavori aperti dal direttore di Veneto agricoltura, Alberto Negro. Sono intervenuti anche Mauro Boselli del Servizio Fitosanitario della Regione Emilia-Romagna sulle strategie di difesa per la lotta alla H. halys e Stefano Caruso del Consorzio Fitosanitario di Modena che ha presentato i metodi alternativi di lotta come l'utilizzo delle reti. Alberto Pozzebon dell'Università di Padova ha invece presentato la distribuzione, la dinamica della popolazione e l'impatto sulle colture.

Data di pubblicazione: 07/12/2017



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

22/02/2018 Scoperte nel Sahara le prime forme di coltivazione di piante selvatiche
22/02/2018 Coldiretti: il gelo arriva dopo il quinto gennaio piu' caldo di sempre
22/02/2018 Giacomo Suglia commenta i dati sull'import-export ortofrutticolo 2017
22/02/2018 Bonduelle ha acquisito i diritti per usare il marchio Del Monte
22/02/2018 Serroplast: reti, teli e coperture per vigneti e piccoli frutti
21/02/2018 Le arance rosse di Sicilia Igp si danno al tennis
21/02/2018 Bonduelle ha acquisito i diritti per usare il marchio Del Monte
21/02/2018 Giansanti (Confagricoltura): 'Spesa agricola fondamentale. Le forze politiche s'impegnino per difesa della PAC'
21/02/2018 Coldiretti: rischio freddo per gli alberi gia' in fiore
21/02/2018 La qualita' di frutta e verdura puo' essere classificata in modo piu' efficace, rapido e uniforme
21/02/2018 Comunicare il messaggio direttamente al consumatore
21/02/2018 Alvarpack Group: proposte di packaging per la IV gamma
21/02/2018 Un nuovo sistema di imballaggio ecologico e versatile per gli ortofrutticoli
20/02/2018 Edipeel: spedizioni di prova di avocado mostrano un miglioramento della qualita' alla consegna
20/02/2018 Tecnologia e imballaggio unico significano una maggiore durata di conservazione
20/02/2018 Come raggruppare ed etichettare ortaggi sfusi
20/02/2018 PAC post 2020, Ministro Martina: meno regolamenti e piu' tutela del reddito degli agricoltori
20/02/2018 Fruitimprese: i dati sul commercio estero ortofrutticolo italiano nei primi 11 mesi del 2017
20/02/2018 Oggi le esequie di Antonio Giuliano, fondatore della omonima azienda pugliese Giuliano
20/02/2018 PSR Sicilia: a che punto siamo

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*