Avvisi

Ricerca di personale






Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



La cipolla dell'Amiata si fa strada: arriva il finanziamento della Regione Toscana

Prosegue con successo il percorso di valorizzazione della cipolla della Selva: il progetto a fine dicembre ha ottenuto un finanziamento di quattromila euro dalla Regione Toscana, sul Piano regionale agricolo forestale 2016, misura A.2.9, per il sostegno ai prodotti agroalimentari di qualità delle zone rurali e di montagna. A queste risorse si aggiunge un contributo di 1000 euro del Comune di Santa Fiora (provincia di Grosseto) come quota obbligatoria di compartecipazione al progetto.

L'associazione culturale per la Selva con l'aiuto e il supporto del Comune di Santa Fiora e di Genomamiata, la più importante associazione amiatina dedita alla salvaguardia dei genomi animali e vegetali, sta lavorando alla caratterizzazione genetica e nutraceutica delle antiche varietà di cipolle dell'Amiata.

La coltivazione è iniziata circa due anni fa negli orti dell'antico Convento della Santissima Trinità di Selva. Il progetto è coordinato da Giovanni Alessandri dello Studio Agricis ed ha come partner scientifici il Cnr – Ivalsa di Follonica guidato da Claudio Cantini; l'Università di Siena, Dipartimento Scienze della Vita con Marco Romi e Patrizia Salusti.

I lavori scientifici sono partiti da un'indagine genetica per discriminare le varietà di cipolla ritrovate sull'Amiata da altre varietà autoctone toscane e dalle cultivar commerciali; successivamente viene messa a punto la caratterizzazione dei principali profili nutraceutici e la comparazione con quelli provenienti dalle varietà commerciali; poi si procede allo sviluppo di un prodotto salutistico-funzionale con caratteristiche nutrizionali migliorate attraverso l'utilizzo di tecniche agronomiche mirate a ridotto impatto ambientale e infine sarà redatto un disciplinare di produzione per la tutela e valorizzazione della Cipolla dell'Amiata. L'ambizioso progetto si muove in linea con la legge regionale 64/2004 sulla tutela e valorizzazione del patrimonio di razze e varietà locali di interesse agrario, zootecnico e forestale.

"La riscoperta e la valorizzazione economica dei prodotti autoctoni– spiega il consigliere comunale Alberto Balocchi – sta ottenendo attenzione non solo da parte del mondo scientifico ma anche dei piccoli produttori e dei consumatori, che sono sempre più consapevoli di quanto sia importante la provenienza e l'origine delle produzioni, per avere garanzie sulla qualità e la sicurezza agroalimentare. Ecco perché il progetto sulla cipolla di Selva, ha tutte le caratteristiche per portare valore aggiunto al nostro territorio. Grazie al finanziamento di 4mila euro della Regione Toscana, a cui si aggiunge la quota obbligatoria di compartecipazione al progetto di 1000 euro del Comune di Santa Fiora, la sperimentazione potrà andare avanti. L'obiettivo per i prossimi anni sarà quello di mettere in produzione e in commercio le vecchie cultivar amiatine di cipolla, diventando una risorsa di sviluppo".

Fonte: www.ilgiunco.net

Data di pubblicazione: 11/01/2017



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

20/11/2017 Focus sul mercato mondiale della patata dolce
17/11/2017 Buona la richiesta per le patate dolci della Carolina del Nord
16/11/2017 Batate: molto prodotto spagnolo sul mercato internazionale
16/11/2017 Per le patate buona richiesta ma i prezzi restano bassi
15/11/2017 Cipolle surgelate di alta qualita': una missione impossibile?
10/11/2017 Spagna: in continua crescita il prezzo delle cipolle di grande calibro
09/11/2017 Svizzera: prezzi bassi per le cipolle nel commercio all'ingrosso e al dettaglio
09/11/2017 Patati': il marchio italiano della linea extra top di gamma per le patate
08/11/2017 Europa nord-occidentale: stima rivista al rialzo per la raccolta di patate
07/11/2017 Egitto: aumenta l'export di cipollotti nonostante il caldo
07/11/2017 Studiate le caratteristiche microstrutturali e termiche di 21 varieta' di patate
06/11/2017 On-air il nuovo spot Selenella
06/11/2017 Frittura sottovuoto riduce l'acrilammide nelle patatine fritte
31/10/2017 Ucraina: ottime possibilita' di export per zucca gialla e patate dolci
30/10/2017 Piemonte: un nuovo consorzio per tutelare la Patata di Entracque
27/10/2017 Restyling per le Patate del Fucino IGP, ma attenzione alle confezioni non autorizzate
27/10/2017 Nuovo sito web per la Patata di Bologna DOP
27/10/2017 Leggero rialzo per le quotazioni delle patate di origine abruzzese
27/10/2017 Nasce Agripat: pataticoltori sempre piu' organizzati
26/10/2017 Belgio: le patatine da friggere pre-tagliate Agria acquistano popolarita'

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*