Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



I frutticoltori di Washington temono le conseguenze della guerra commerciale di Trump con la Cina

I frutticoltori di Yakima (Stati Uniti) sono in attesa di vedere se le mele e le ciliegie dello stato di Washington diventeranno pedine in una guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina. Con la minaccia del Presidente Trump di imporre tariffe sulle importazioni dalla Cina, i produttori di Washington temono che la loro frutta possa essere sottoposta a tassazione per ritorsione.

La Cina, la seconda economia più grande al mondo, ha infatti risposto alle controverse tariffe commerciali imposte dal Presidente Trump. Il Ministro del Commercio cinese ha proposto una lista di 128 prodotti USA come potenziali obiettivi di ritorsione, secondo un comunicato sul sito web del ministero.

L'anno scorso il 13% circa del raccolto di ciliegie dello stato è andato alla Cina; Hong Kong e Cina rappresentano il quinto principale mercato d'esportazione dello stato per quanto riguarda le mele. Secondo il sito web yakimaherald.com, la Cina era il primo mercato d'oltremare per le ciliegie dello stato; a seguire Messico, Canada, Medio Oriente e India come principali importatori.

L'Associazione per le mele degli USA è delusa dalla situazione
Secondo Jim Bair di US Apple, "l'Associazione è estremamente delusa dal fatto che i melicoltori siano finiti nel mirino di quella che sembra una guerra commerciale tra la Casa Bianca e il governo cinese". Con l'aggiunta delle mele nella lista di tariffe di ritorsione della Cina, i coltivatori statunitensi dovranno affrontare la perdita di un mercato d'esportazione importante e in espansione, l'accesso al quale è stata una battaglia molto difficile.

"Il settore melicolo USA ha lavorato molto duramente nel corso degli anni e nel 2015 era riuscito finalmente a ottenere l'accesso completo al mercato cinese, così come la Cina lo ha ottenuto al nostro. Stiamo competendo, e vincendo, con una crescita delle nostre esportazioni in Cina che è passata da zero a circa 2,5 milioni di cartoni all'anno. La risposta di ritorsione della Cina alle tariffe USA è solo l'ultimo capitolo di una lunga e triste storia dove i melicoltori USA pagano le conseguenze di una lotta che non hanno cominciato e a cui non sono interessati".

"Nell'arco di tre anni, la Cina è diventata il nostro decimo mercato principale e ha un enorme potenziale di crescita. Persino l'Ente dei rappresentanti commerciali degli USA colloca le esportazioni di mele statunitensi in Cina come una delle migliori storie di successo in termini di export. Siccome la Cina non coltiva molte varietà diverse di mele, sul mercato è presente una domanda elevata da parte dei consumatori per le tante e uniche varietà offerte dagli Stati Uniti.

"Il commercio è estremamente importante per il settore melicolo degli Stati Uniti. Chiediamo all'amministrazione e alla Cina di risolvere rapidamente la disputa commerciale in modo che le nostre esportazioni di mele non vengano interrotte". 

Le autorità cinesi potrebbero imporre tariffe di ritorsione su prodotti simili a quelli tassati dagli USA. E' già successo in passato, cioè quando nel 2010 gli USA hanno limitato l'ingresso dei camion messicani nel paese e il Messico ha imposto una tassa del 20% sulle mele di Washington.

La Cina risponde alle tariffe di Trump
I prodotti USA, che hanno registrato un valore d'importazione di 3 miliardi di dollari nel 2017, comprendono vino, frutta fresca, frutta essiccata e noci, tubi di acciaio, zenzero. Questi prodotti potrebbero andare incontro a un dazio del 15%, mentre una tariffa del 25% potrebbe essere imposta sui prodotti a base di suini e sull'alluminio riciclato degli USA.

Il sito web Cnbc.com ha riportato che prodotti agricoli USA, come la soia, sono stati bollati come la maggiore area di potenziale ritorsione dall'amministrazione del Presidente cinese Xi Jinping.

Pechino adotterà delle misure contro i 128 prodotti USA in due fasi se non riuscirà a raggiungere un accordo con Washington, ha riferito il ministero, aggiungendo che potrebbe intraprendere azioni legali secondo le norme dell'Organizzazione mondiale del commercio.

Data di pubblicazione: 30/03/2018



 


 

Altre notizie relative a questo settore:


Disastro Xylella: quando in agricoltura prevale il disprezzo per il metodo scientifico

"La metodologia scientifica, specie se applicata all'agricoltura, viene spesso snobbata se non posta sotto attacco da parte di vasti settori dell'opinione pubblica e della politica"... con risultati devastanti, aggiungiamo noi. Così Marco Sassi osserva in un articolo dal calzante titolo "Il sonno del.....

L'ispirazione porta innovazione sul mercato greco

Seppure quello greco è un mercato tradizionale che attraversa una crisi finanziaria, Vasilis Bogdanis di Bogdanis Import Export è stato ispirato da tutte le grandi innovazioni viste a Fruit Logistica e ha voluto portarle in Grecia. "Abbiamo cominciato cinque anni fa importando mix di insalate italiane per il.....

Quali soluzioni per la crisi da sovraindebitamento dell'impresa agricola?

Le aziende agricole, per loro natura giuridica, non possono essere dichiarate fallite. E' partito da questo presupposto il convegno dal tema: "Strumenti di risoluzione della crisi da sovraindebitamento dell'impresa agricola" tenutosi lo scorso 18 maggio 2018 nella sede dell'Ordine dei commercialisti di.....

Urs Luder: 'La varieta' si adatta bene al profilo di gusto del consumatore europeo attuale'

Transizione fluida verso le mele Kanzi dell'emisfero sud

Le prime mele Kanzi dell'emisfero sud sono arrivate sul mercato europeo. L'amministratore delegato Urs Luder, direttore della varietà Kanzi per GKE, sembra soddisfatto della campagna europea. "Nonostante non sia stata una stagione facile per il settore delle mele, possiamo concludere che la Kanzi ha saputo.....

La testimonianza di Greg Vicherat (Halls)

'Evitiamo che l'avocado diventi un prodotto di lusso'

La storia dell'avocado è una storia di successo. A livello globale, il consumo continua a crescere a doppia cifra. I coltivatori stanno incrementando la produzione, ma nonostante le attuali percentuali di semina, non riescono a tenere il passo con la velocità di crescita dei consumi. "C'è ancora spazio sul.....

Meta' della produzione olandese di ortaggi in serra va in Germania e Regno Unito

Le verdure prodotte in serra rappresentano quasi la metà delle esportazioni complessive di frutta e verdura coltivate nei Paesi Bassi. Le cipolle sono il prodotto più importante in termini di quantità, ma subito dopo ci sono orticole da serra come pomodori, peperoni e cetrioli.Per quanto riguarda la.....

L'imballaggio EPS per estendere la shelf life dell'uva da tavola

Per quanto riguarda le uve, la difficoltà è che cominciano a deteriorarsi non appena vengono raccolte. Pertanto estendere la shelf life del prodotto è fondamentale per aiutare i punti vendita a risparmiare denaro e ridurre lo spreco alimentare.Imballare e spedire le uve in contenitori in polistirolo espanso.....

Sistema di Supporto Decisionale OPI

Smart Agriculture: Evja propone sensori e algoritmi predittivi

Evja è una startup con sede a Napoli, attiva nella Smart Agricolture e partner di RWA e BayWa (tra le maggiori aziende del mercato agricolo austriaco e tedesco). Il suo prodotto, OPI, è un Sistema di Supporto Decisionale per aziende agricole basato su sensori e algoritmi previsionali. OPI è.....

Regio'Com: la guida alle migliori pratiche per la promozione di frutta e verdura in Europa

Per contrastare la stagnazione del consumo di frutta e verdura in Europa, che rappresenta una sfida importante per il nostro settore, AREFLH ha voluto evidenziare un certo numero di azioni di promozione e di educazione alimentare attuate nelle sue regioni, sottolineandone la ricchezza e la diversità.La guida.....

Il commento del perito agrario Leonardo Fornario

Provincia BAT: un territorio in forte evoluzione ortofrutticola

La provincia BAT (Barletta Andria Trani), il cosiddetto nord-barese ofantino (dal fiume Ofanto), a cavallo tra la provincia di Bari e la vasta provincia di Foggia (la Capitanata, il cosiddetto Tavoliere delle Puglie), è un territorio dove il settore del fresco ha avuto un notevole sviluppo negli ultimi anni......

Europa o Cina: mercati in crescita per i piccoli frutti cercasi

Dove c'è ancora spazio di crescita nella categoria dei piccoli frutti? In Europa, o dobbiamo spostare l'attenzione alla Cina? Durante il Global Berry Congress Sergio Sainz di Cuna de Platero e Oliver Huesmann di Fruit Consulting hanno parlato del potenziale che scorgono in Europa e Cina. Fernando Zaforas di.....

La Tuta Absoluta inficia l'export del Pachino Igp in Nord America

Altro colpo ai danni del pomodoro siciliano. Questa volta a cadere in fallo è il famoso pomodoro di Pachino Igp esportato in Canada, che secondo le Autorità fitosanitarie di oltreoceano arrecherebbe danni all'ecosistema locale a causa della presenza nelle parti verdi (rachide) della Tuta Absoluta.La Regione.....

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*