Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale






Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Arrivano anche in Sicilia le coltivazioni superintensive di mandorla

"Abbiamo scelto di coltivare questa pianta per il desiderio di ripristinare i vecchi mandorleti che negli ultimi anni, in Sicilia, sono quasi del tutto scomparsi, in specie nelle province di Catania e Enna. L'intenzione è quella di dare alla coltivazione un aspetto innovativo". Così Lorena Giusto, contitolare dell'omonima azienda agricola, che conduce assieme alla sorella Enrica.


Sopra: mandorleto superintensivo in Sicilia

L'Azienda agricola Giusto sita a Mirabella Imbaccari (CT), sorge in un'area in cui i mandorleti sono parte integrante di un'antica tradizione colturale. Si tratta di un'azienda giovane, sia perché è stata costituita solo da qualche anno, sia perché a gestirla sono giovani che hanno tanta voglia di mettersi in gioco. Nel 2015, parte del fondo aziendale viene destinata alla coltivazione di mandorla, con 3 ettari e mezzo sui 40 totali.

L'idea nasce dalle due sorelle, Lorena ed Enrica Giusto, rispettivamente un ingegnere gestionale e una futura agronoma, che decidono di far conciliare le due professioni creando un'azienda che le accomuni.


Enrica e Lorena Giusto

"L'innovazione apportata dall'azienda è quella di investire sul mandorleto mediante sistema superintensivo - spiega Lorena, l'ingegnere, - che si estende su una superficie di 3 ettari e mezzo, per un totale di 6000 alberi. Un investimento non indifferente e in cui i rischi certamente sono molto alti, poiché si tratta di uno dei primi mandorleti ad alta densità presenti in Sicilia, con tutte le possibili avversità e gli eventuali svantaggi della fase iniziale".

A snocciolare dati e statistiche, che hanno condizionato le scelte aziendali è ancora Lorena Giusto: "Nel quinquennio 2008-2012, l'Italia si è piazzata al terzo posto come produttore mondiale di mandorle, mentre si è verificato un boom della produzione statunitense, passata da 631mila tonnellate a 1 milione di ton. Questo perché gli Stati Uniti, per merito delle coltivazioni intensive californiane, sono arrivati a controllare sia il 47% della produzione mondiale per quantità sia il 60% dell'export complessivo di mandorle sgusciate e non".

"Storicamente, fino agli anni Sessanta l'Italia deteneva il primato mondiale per la produzione di mandorle. Negli ultimi 50 anni, invece, si è verificato un crollo - in picchiata! - del 70%."



Analizzando l'attuale situazione della mandorla a livello nazionale, i maggiori produttori sono Sicilia e Puglia, che insieme riescono a coprire il 95% della produzione italiana. "La nostra isola - prosegue Lorena - con il suo clima e i suoi vasti terreni, riesce a dar luogo a prodotti di ottima qualità. Nonostante tutto, l'Italia rimane purtroppo uno tra i maggiori importatori di mandorle, giacché le produzioni locali non riescono a coprire la domanda del mercato. Pertanto è un vero peccato non sfruttare queste possibilità".

La prospettiva è il passaggio dai sistemi tradizionali ai sistemi di impianto ad alta densità, che si caratterizzano per la gestione non di singole piante, bensì di una parete con elevatissimo grado di meccanizzazione. Questo nuovo modello punta a conseguire la riduzione della mole degli alberi, con il ricorso a portainnesti nanizzanti adatti per impianti fitti.

Il modello superintensivo garantisce una serie di vantaggi, come la rapida entrata in produzione già a partire dal secondo/terzo anno, con una resa di oltre 6/7 ton a ettaro, cioè all'incirca 3,5 kg a pianta; la riduzione dei costi colturali grazie alla meccanizzazione integrale sia per la raccolta sia per la potatura con specifici macchinari di ultima generazione; aumenta l'efficacia dei fitosanitari; inoltre c'è da considerare l'aumento della redditività, grazie alla riduzione del lavoro manuale.



Il sistema superintensivo è caratterizzato da un particolare sesto di impianto: gli alberi si distanziano l'un l'altro lungo il filare di solo 1,20 metri, con un'altezza massima di 1,50 metri, mentre la distanza tra i vari filari è di 4 metri. Questa particolare statura nanizzata e la disposizione in filari, agevola la raccolta meccanica utilizzando la macchina scavallatrice, che è in grado di raccogliere il 98% dei frutti. Permette un raccolto rapido e selettivo, al giusto grado di maturazione, senza provocare danni rilevanti né al frutto né alla pianta. La velocità di raccolta si colloca sulle 3 ore a ettaro.

Anche le lavorazioni sono fatte meccanicamente come la cimatura e la potatura laterale
Fondamentale è la scelta varietale. Per un impianto ad alta intensità si richiedono alcune caratteristiche, prima tra tutte l'autofertilità, ossia la messa a frutto e quindi l'elevata produttività. Ma contano anche elementi quali una fioritura tardiva (prima decade di marzo), che permette così di evitare il classico periodo di fioritura invernale, durante il quale è sempre alle porte il pericolo di gelate e la possibilità di avere una raccolta anticipata, che permette di entrare per primi sui mercati quando i prezzi sono ancora elevati.

Tutte queste proprietà sono riscontrabili nella varietà autoctona Tuono; quella scelta per realizzare l'impianto aziendale. Si tratta di una mandorla dolce e gustosa, di buone dimensioni (4,5 g) e appuntita, con guscio semiduro.

"Quest'anno abbiamo ottenuto il primo raccolto - dice dal canto suo Enrica - con una resa pari al 35%. Sono state raccolte 4 tonnellate di mandorle; più di mezzo chilo a pianta. C' è stato un buon riscontro tra quanto stimato e quanto effettivamente prodotto. La raccolta è avvenuta manualmente durante la seconda settimana d'agosto, poiché l'impianto non è ancora a pieno regime e dunque non è possibile ammortizzare ancora l'acquisto del macchinario per la raccolta, ma si pensa di acquistarla per il prossimo anno".

Della mandorla non si butta via niente: infatti anche il mallo viene venduto come ingrediente per i mangimi dei bovini. Attualmente l'azienda è in trattative con alcune aziende che si occupano di mangimi. I gusci sono stati distribuiti anche a pizzerie e fornai locali, per alimentare i forni.

Parte del raccolto aziendale (circa il 30%) è stato venduto all'ingrosso (con guscio) ai prezzi rilevati dalla rete ISMEA, mentre il restante 70% è stato impiegato nella trasformazione del prodotto in pesto e crema spalmabile dolce di mandorla.

Altro consistente capitolo che riguarda l'Azienda Giusto è la coltivazione, su una superficie di un ettaro, di asparagi.

Come spiegano le titolari: "Si tratta di un prodotto di nicchia, per questo rispettiamo le caratteristiche richieste dal disciplinare: colore verde, gambo dritto con apice ben serrato e con diametro di almeno 11 millimetri. Il rispetto delle regole prescritte nel disciplinare di produzione garantisce un ortaggio unico, fresco, da consumare in stagione, che presenta un tipico gusto dolce-amaro. La stagionalità va da gennaio a giugno".



La coltivazione viene effettuata sia in coltura protetta, attraverso una semplice protezione con tunnel coperti da film plastico, sia in pieno campo. Le tecniche colturali a basso impatto ambientale secondo i principi della lotta integrata e delle buone pratiche agricole, il rispetto scrupoloso del disciplinare di produzione e delle pratiche di buona prassi igienica ne assicurano ottime caratteristiche igienico-sanitarie per la tutela della salute del consumatore.

Qui si distinguono 5 diverse categorie destinate alla commercializzazione:
  1. asparagi "Extra" in mazzi da ½ Kg - lunghezza massima 27 cm, colorazione verde per oltre i 3/4 della lunghezza, apice ben serrato, assenza di alterazioni e difetti, diametro dei turioni misurati a 1/2 altezza > 12 mm, calibro medio 16-18 mm;
  2. asparagi "Prima" in mazzi da ½ Kg - lunghezza massima 27 cm, colorazione verde per oltre i 3/4 della lunghezza, apice ben serrato, assenza di alterazioni e difetti, diametro dei turioni misurati a 1/2 altezza compresa tra 8 mm e 12 mm, calibro medio 10 mm;
  3. asparagi "seconda" in mazzi da ½ Kg - lunghezza massima 27 cm, colorazione verde per oltre i 3/4 della lunghezza, apice aperto, possibile presenza di alterazioni e difetti, diametro dei turioni misurati a 1/2 altezza > 8 mm;
  4. asparagi "asparagina" in mazzi da ½ Kg - lunghezza massima 27 cm, colorazione verde per oltre i 3/4 della lunghezza, apice aperto, presenza di alterazioni e difetti, diametro dei turioni misurati a 1/2 altezza compresa < 8 mm;
  5. asparagi "punte" sfusi in cassetta da 6 Kg – lunghezza massima 12 cm, colorazione verde.
Per quanto riguarda la commercializzazione, attualmente è rivolta solo al consumatore finale tramite la partecipazione a fiere di settore e la vendita diretta in azienda. E' in corso di costruzione il sito aziendale al quale sarà abbinata la sezione di e-commerce.

Contatti:
Az. Agr. Giusto

Via Marconi, 131
95040 - Mirabella Imbaccari (CT)
Tel.: +39 0933992695
Email: az.giusto@hotmail.com

Data di pubblicazione: 11/10/2017
Autore: Gaetano Piccione
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:


Sudafrica: l'export di mele e pere in costante aumento

L'export sudafricano di mele e pere sta aumentando. Nel 2017 sono state esportate 560mila ton di mele e oltre 260mila ton di pere. Rispetto all'anno scorso, si tratta del 10% in più per le mele e qualche punto percentuale in più per le pere. Questi dati sono stati riportati dal South African Revenue Service.....

Il cartone e' uno strumento di marketing piu' versatile della plastica

Cosa hanno in comune i vassoi delle mense, i cartoni di birra della Heineken e le confezioni di piccoli frutti della Nature's Pride? Sono stati inventati tutti dalla Remmert Dekker Packaging. Oggi quest'azienda personalizza una vasta gamma di soluzioni di imballaggio in cartone, per frutta e verdura. Il.....

Le conseguenze del clima sulle uve da tavola dell'emisfero meridionale

Durante la seconda metà di quest'anno, nell'Europa meridionale, la produzione di uva da tavola è terminata prima rispetto agli altri anni. I Paesi dell'emisfero meridionale hanno poi preso il controllo, tra le altre, dell'uva spagnola, italiana e greca. In alcuni casi, l'uva è stata colpita da siccità, piogge.....

La Sicilia si conferma tra le regioni piu' produttive d'Italia, ma solo 25 aziende su 100 sono aggregate

"Con una superficie di circa 8000 ettari coltivati a orticole in pieno campo o in ambiente protetto, senza trascurare la zootecnia e la floricoltura, la provincia di Ragusa si attesta come uno dei territori a vocazione agricola più produttivi d'Italia". Con questo incipit il presidente dell'Ordine dei.....

Rapporto Rabobank

Carenze di frutta su un mercato mondiale in crescita

Come esportatori di frutta fresca, i Paesi Bassi svolgono un ruolo limitato sul mercato globale. Anche se il paese è il quarto esportatore più grande al mondo di frutta fresca, si occupa principalmente della distribuzione e importa più frutta fresca e noci di quante ne esporti. La maggior parte di queste.....

L'Europa meridionale e' impegnata in un inizio precoce della stagione dei piccoli frutti

I piccoli frutti della penisola iberica e del Marocco stanno diventando sempre più importanti. Grazie agli investimenti nella produzione, i volumi sono aumentati e, soprattutto, le stagioni si sono allungate. Una stagione europea, che dura tutto l'anno, è possibile per molti prodotti. Ben Maes della Special.....

La coltivazione del pomodoro su lana di roccia: una scienza esatta dove nulla puo' essere lasciato al caso

La coltivazione di ortaggi (in specie pomodoro) in fuorisuolo è una tecnica che dispone oggi di notevoli mezzi tecnici, ma senza l'adeguato know how si può incorrere in confusione, con il rischio di effettuare scelte non adeguate che potrebbero compromettere l'esito della coltivazione impedendo il.....

Gelate notturne: il terrore di ogni coltivatore

La stagione scorsa, il gelo nelle ore notturne ha causato come noto un pesante calo nel raccolto europeo di mele. Ma come ci si può preparare al meglio per queste eventualità? Jan Peeters (Fruitconsult) eJef Vercammen (Pcfruit) hanno esposto entrambi una presentazione a riguardo durante il "Kennisdag.....

Freon: prezzi in salita a causa dell'eliminazione dei liquidi refrigeranti

A causa dei regolamenti europei che limitano sempre più l'uso dei refrigeranti sintetici, il loro prezzo è in forte aumento. I refrigeranti naturali sono un'alternativa, ma non sono nuovi. Frank Boeijen della Van Kempen Koudetechniek ha riferito che la società costruiva già impianti di raffreddamento con.....

Questione glifosate: a colloquio con Fausto Faggioli, pioniere del biologico

I consumatori chiedono sempre più prodotti biologici o, comunque, coltivati con metodi rispettosi per l'ambiente. Nei prossimi anni, tale tendenza aumenterà sempre di più. Già oggi, a Londra, le catene della Gdo con maggiori profitti sono quelle che hanno spinto di più sul bio.Lo sostiene Fausto Faggioli di.....

La testimonianza di Dirk Schulz (SFI Rotterdam)

Il cambiamento maggiore nell'import di frutta degli ultimi 40 anni e' la scomparsa delle navi refeer

Durante l'Amsterdam Produce Show, il team di SFI Rotterdam ha spento quaranta candeline. La società d'importazione di frutta d'oltremare fu fondata nel 1977 da Dirk Schulz, che ha imparato il mestiere negli anni '60 ad Amburgo quando le aste frutticole erano al loro apice. Come conseguenza del declino.....

Risponde la ricerca di mercato di SINUS e YouGov

Qual e' il frutto piu' popolare in Germania?

Secondo un sondaggio rappresentativo condotto da SINUS Institute e YouGov, il frutto più consumato in Germania è la mela. L'indagine prende in considerazione anche il sapore preferito e l'importanza che i consumatori danno alle mele biologiche.In Germania nessun altro frutto viene consumato quanto la mela......

Il PSR che divide l'agricoltura siciliana

"Dopo 14 mesi dall'avvio del Psr Sicilia 2014/2020, lo stato della spesa è del 13% e ad oggi risultano messe a bando risorse per 1.059.459.999 Euro, circa la metà dei fondi previsti per l'intero programma siciliano." A dirlo, a giugno, era stato l'assessore all'agricoltura dell'Amministrazione precedente. In.....

Dovrebbe subentrare l'ex vicepresidente Mnangagwa, che aveva sostenuto la militarizzazione dell'agricoltura

E' ufficiale: l'era Mugabe e' finita

La tanto attesa fine dell'era Mugabe sembra finalmente arrivata: sembra che il presidente Robert Mugabe e sua moglie Grace siano agli arresti domiciliari a Harare, insieme ad una serie di altri ministri del governo, e, a quanto si dice, al commissario di polizia, grazie ad un rastrellamento della scorsa.....

La Spagna consuma piu' prodotti biologici, soprattutto ortofrutticoli

Il consumo di prodotti biologici sta crescendo notevolmente in Spagna. Ecco perché, a metà del 2015, Sonia López e David Porras hanno deciso di fondare Sonbio, una ditta di commercializzazione di prodotti ortofrutticoli con sede ad Alicante, e specializzata in frutta, in particolare banane, mango e papaya,.....

Varieta' piu' resistenti per il futuro

La società Better3fruit continua a sviluppare nuove varietà. Una di queste è stata commercializzata a partire dall'anno scorso sotto brevetto della ABCz, ed è ora piantata a larga scala in tutta Europa."La Kizuri è una varietà di mela rossa, molto dolce con un aroma particolare e un sapore intenso. Abbiamo.....

Report USDA

Ciliegie: produzione mondiale prevista in calo del 3%

Secondo un rapporto del Foreign Agricultural Service (FAS) del Dipartimento statunitense all'Agricoltura (USDA), la produzione mondiale di ciliegie dovrebbe diminuire del 3%, fino a 3,1 milioni di tonnellate, poiché le coltivazioni che in Europa e Turchia sono state danneggiate da condizioni climatiche.....

Le principali tendenze statunitensi per il 2018

L'innovazione alimentare sta precorrendo tutti i tempi e il TrendsPotter Panel dell'Associazione di specialità alimentari (SFA) ha nominato le tendenze principali del 2018. Vediamole nel dettaglio:Alimenti a base vegetale. Le opzioni basate sulle piante stanno proliferando in molte categorie, al di là dei.....

La forza della Polonia sta nell'essere in grado di produrre a buon mercato

Quest'anno, la produzione globale di pomacee nell'UE sarà di gran lunga inferiore rispetto agli anni precedenti. Le più colpite dal gelo della scorsa primavera, sono state le mele. In Polonia, circa il 60% delle pomacee raccolte quest'anno sarà frutta di qualità, a differenza della precedente stagione. A.....

Nei prossimi 4 anni la frutta belga verra' esportata in India, a seguire le verdure

BelOrta e IG International hanno firmato la collaborazione per esportare la frutta e verdura belga sul mercato indiano. Nei prossimi 4 anni le mele e le pere belghe continueranno ad andare in India. Sebbene per il Belgio, il mercato indiano fosse già aperto, il direttore di BelOrta, Filip Fontaine, ha.....

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*