Avvisi

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Alcune idee per risollevare il comparto peschicolo

Quando un kg di pesche costava piu' di un'ora di manodopera

In questi giorni si è parlato molto dei prezzi (bassi) delle pesche e delle nettarine. Visitando alcuni mercati all'ingrosso, parlando con alcuni agricoltori e direttore di cooperative, abbiamo avuto conferma di quanto si dice da tempo, vale a dire che c'è una fascia di prodotto che viene remunerato bene, e un'altra che è in crisi.

I grossi calibri, specie di varietà buone da mangiare, confezionati, spuntano prezzi che danno un minimo di soddisfazione agli agricoltori. Il prodotto indifferenziato, quello che molti raccolgono magari in una sola passata nei bins, coltivato in modo da ottenere la massima resa, spesso viene liquidato a un prezzo che non copre neppure i costi di produzione.



Fa riflettere quanto un decano dell'ortofrutta romagnola, Luciano Zani, fondatore di GranFrutta Zani di Granarolo Faentino (Ravenna) racconta circa gli esordi della sua attività. Nei primi anni '60 la frutta prodotta in maniera professionale era merce rara. Erano poche le zone al mondo che potevano vantare la professionalità dell'Emilia-Romagna. Lo dimostra un fatto. "Anche allora c'erano le crisi - scrive Luciano Zani sul sito aziendale - ma ad esempio un chilo di Cardinal (varietà di pesche gialle) costava 125 lire e un operaio si pagava 118 lire all'ora”.

Al netto del fatto che le rese a ettaro di allora erano inferiori a quelle odierne, oggi, per essere al livello di allora, le pesche dovrebbero costare attorno ai 10 euro il kg.



Al di là di queste memorie, cosa si potrebbe fare per evitare il ripetersi di queste crisi? Non può esserci una risposta univoca. Di certo gli scenari sono cambiati in maniera radicale. Oggi in tantissime nazioni si produce frutta estiva, quasi sempre di buona qualità e quasi ovunque a costi inferiori di quelli italiani.

Una prima carta da giocare, con i consumatori, potrebbe essere quella dei residui. Il prodotto italiano è molto più controllato rispetto a quello estero. Non sempre, ma spesso è così. Non c'è uniformità con i principi attivi: in alcune nazioni alcuni si usano, in altre no. In Italia è sempre no.


Nettarine spagnole a metà luglio in un mercato all'ingrosso italiano

Seconda carta: ci vorrebbe più spirito nazionale. Francia e Germania danno la precedenza ai prodotti nazionali e solo dopo lasciano il via libera alle importazioni. In Italia succede il contrario: il nostro è un mercato aperto a tutti, chiunque può importare e da qualsiasi Paese. Invece tanti prodotti italiani all'estero non possono andare.

Terza carta: produrre di meno per guadagnare di più. Non a tutti può andare a genio questo ragionamento, ma è un passo da fare. Se il mercato paga i grossi calibri e di varietà valide dal punto di vista organolettico, si deve produrre un prodotto grosso e buono. Non ci sono alternative. E ciò è possibile farlo, ma occorre cambiare mentalità, varietà, potatura, diradamento.

Quarta carta: selezionare in base alla qualità organolettica. Sembra difficile, ma aziende come Unitec hanno tecnologie già collaudate in questa direzione (cfr. FreshPlaza del 13/02/2017). "Sulla pianta ci sono 35 tipologie di qualità differenti - ha affermato poco tempo fa Angelo Benedetti di Unitec (cfr. FreshPlaza del 3/03/2017), quindi possiamo avere 35 tipi di consumatori differenti. Pezzatura, calibro, colore e difetti esterni: al momento in Italia ci sono solo 4 parametri principali di differenziazione e nessuno legato al gusto voluto dal consumatore".

Quinta carta: perché non fare una ultra-specializzazione, vale a dire frutteti coltivati e gestiti solo per l'alta qualità dei mercati che pagano (con tutte le pratiche agronomiche che ne conseguono) e altri più per un prodotto di massa con raccolte a una sola staccata?

Sono proposte concrete, che potrebbero avere un futuro. Considerato che negli ultimi 20 anni di cambiamenti non ce ne sono stati, se non l'aumento degli anni di crisi, forse vale la pena cambiare. A volte, anche qualche testa.

Data di pubblicazione: 17/07/2017
Autore: Cristiano Riciputi
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

17/01/2018 Opportunita' di export per i mango del Kenya
17/01/2018 Georgia: le esportazioni di kiwi si concentrano su Europa e Giappone
17/01/2018 Mancano le mele e i prezzi salgono. I pugliesi optano per la seconda scelta o il prodotto estero
17/01/2018 Mela Ambrosia: programmazione dell'ultima parte della stagione, vendite dinamiche
16/01/2018 IPS: anche l'Emisfero Sud produce le Carmingo
16/01/2018 Cina: il marchio e' l’unica strada da intraprendere per le pere di Hebei
16/01/2018 Germania: meno colpiti dalla perdita di mele i produttori del nord
16/01/2018 I mirtilli vanno forte in Europa dell'Est
16/01/2018 Trovato gene per la resistenza alla ticchiolatura in Malus floribunda
16/01/2018 I lamponi della Basilicata a marchio Happy Berry in vendita sui mercati italiani
15/01/2018 Cina: problemi nelle vendite delle ciliegie importate nel 2018
15/01/2018 Mele RubyFrost: produzione piu' che raddoppiata rispetto all'anno scorso
15/01/2018 Il destoccaggio di mele Modì e' al 60 per cento delle scorte
15/01/2018 Le scorte di mele diminuiscono rapidamente
12/01/2018 Le castagne cinesi si preparano a prendere d'assalto il mercato europeo
12/01/2018 Tunisia: le esportazioni di frutta sono aumentate del 38 per cento nel 2017
12/01/2018 Giacenze di mele nella regione Trentino-Alto Adige al 1 gennaio 2018
12/01/2018 Polonia: il clima mite frena la richiesta di mele
11/01/2018 Sempre piu' produttori coinvolti nelle decisioni sul confezionamento della frutta
11/01/2018 Punto di svolta per la tecnologia a laser applicata all'ortofrutta

 

Commenti:


Il Signor Scata ha perfettamente ragione, aggiungo che non solo livella ma chiede sempre e sempre di più senza riconoscere nulla. Quanto allo spirito nazionale è ormai "evaporato" da tempo. La politica scriteriata nel concedere licenze a gogò per la GDO ha fatto il resto. Ma questo sistema imploderá prima o poi.
Giovanni, Catania, Italia - 22/07/2017 13:28:49


Sono considerazionin che si fanno da trenta anni.Quindi è solo inutile fantasticare........! La GDO usa nel trade " la livella " quindi i sugerrimenti non servono a nulla.Oggi ad esempio dalla Regione piemonte si vendono pesche in cestini a € 0,50 partenza.
Non posso condividere la relazione.
cirino Scata, carlentini, ITALIA - 18/07/2017 20:41:01


Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*