Avvisi

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Cascina San Cassiano, prodotti bio e vegani. Goloserie dolcificate con la Stevia

Tra le colline delle Langhe in Piemonte, più precisamente ad Alba (CN) dove sorgeva un antico monastero benedettino ora nasce Cascina San Cassiano.



L'azienda, nei 100 ettari di proprietà della famiglia Rossetto adiacenti l'abbazia, coltivava una varietà di frutta e verdura, nonché numerose produzioni tipiche del territorio di altissimo valore.



Negli anni '90, Elio Rossetto inizia l'avventura della trasformazione con l'intento di offrire i prodotti agricoli dell'azienda oltre la stagionalità e valorizzare le tipicità di un territorio che fa parte dei 50 siti italiani riconosciuti Patrimonio dell'Umanità.

Peraltro è la prima volta che l'Unesco riconosce un paesaggio agricolo- vitivinicolo italiano quale bene unico al mondo, per la sua eccezionalità rurale e culturale e di conseguenza gli agricoltori, in qualche modo, sono insigniti quali osservatori e sentinelle nella conservazione del paesaggio rurale.


Elio Rossetto, titolare dell'azienda Cascina San Cassiano che produce verdure sottolio, antipasti, sughi, salse, e golose confetture di frutta.

Nel corso del tempo, la notevole crescita aziendale ha reso necessaria la costruzione di due modernissimi capannoni.



"Lo stabilimento, di 6000 mq, è dotato di moderne apparecchiature tecniche e studiato in ogni dettaglio al fine di garantire prodotti salubri, trasformati nel rispetto delle norme di sicurezza in materia alimentare", racconta il titolare Elio Rossetto.

"A partire dalla coltivazione - controllata in ogni passaggio della filiera – siamo particolarmente sensibili ai temi della sostenibilità, in modo che ogni produzione non pesi sull'ambiente, e alla tracciabilità dei prodotti, due aspetti che costituiscono davvero gli aspetti fondanti del marchio".



Cascina San Cassiano produce alimenti di alta qualità attraverso una rigida selezione di materie prime di origine italiana, con una produzione che spazia dalle verdure sottolio, agli antipasti, a ragù, salse e prodotti golosi come frutta sciroppata, confetture e creme dolci.



"Produciamo circa 360 referenze in una varietà di gusti – dichiara Monica Camera direttore marketing dell'azienda - con ricette molto ricercate, peraltro l'azienda possiede le certificazioni di qualità  BRC, IFS, BIO, iVegan".

La nuova linea Bio Gourmet è composta da ingredienti naturali al 100% senza Ogm, conservanti, coloranti; inoltre tutti i prodotti sono senza glutine.

"La nostra vocazione è la ricerca del gusto anche nel caso di prodotti naturali come quelli bio. L'attuale gamma include salse e confetture, ma la produzione è in costante evoluzione".

I prodotti di punta sono i sughi e le confetture (molte delle quali a base di bacche superfood) nei gusti di mirtilli, more, uva spina e açai preparate con sola frutta, polpa e zucchero di canna, senza aggiunta di coloranti o conservanti.



"Trasformiamo tutti i prodotti a basse temperature - sottolinea Monica - per mantenerne inalterate le caratteristiche nutraceutiche. Siamo stati i primi a lanciare una linea di confetture dolcificate con la Stevia, una pianta officinale con caratteristiche dolcificanti fino a 300 volte superiori al saccarosio. Tanto per fare un esempio, in Giappone la Cola Cola utilizza la Stevia nella produzione di Coca Cola Light".



I prodotti biologici e vegani consentono a Cascina San Cassiano di essere in linea con le nuove tendenze del consumatore finale. "L'utilizzo di materie prime biologiche consente di far sì che si riduca l'impatto sull'ambiente nella produzione della frutta e verdura da noi utilizzata e al tempo stesso contribuisce a generare la domanda di prodotti provenienti da agricoltura biologica, favorendone la richiesta e la diffusione".



Per favorire la salvaguardia ambientale, Cascina San Cassiano ha scelto il fotovoltaico come energia per la propria attività. Come sottolinea Rossetto: "L'azienda è infatti interamente autonoma in termini di produzione del proprio fabbisogno energetico. Anche la vicinanza dei fornitori al nostro stabilimento consente di ridurre il livello di inquinamento determinato dal trasporto su gomma della materia prima".



"La valorizzazione dei prodotti agroalimentari del territorio ha numerose ripercussioni su diversi fronti, tra cui il sostegno dell'agricoltura locale: molta della materia prima utilizzata da Cascina San Cassiano viene recuperata entro un raggio di 60 km di distanza dallo stabilimento produttivo. Nasciamo con l'obiettivo di diffondere la cultura del gusto per il buon cibo italiano e la valorizzazione dei prodotti tipici italiani Igp e Dop e biologici. Siamo presenti in Usa e Canada, India, Cina e Giappone - conclude Monica Camera - Si stanno aprendo spazi commerciali importanti con la Francia che, a breve, potrebbe diventare il nostro miglior cliente".



"I clienti degli Emirati Arabi a cui forniamo le creme al pistacchio e le creme spalmabili di cioccolata e nocciola del Piemonte Igp, sono grandi estimatori di un prodotto che è riconosciuto nel suo genere come il migliore al mondo".

Tra i progetti futuri, c'è quello di consolidare ancor di più l'export - che al momento si attesta intorno al 50% del fatturato aziendale: "Non solo perché il made in Italy nel mondo è molto apprezzato, ma soprattutto per la presenza di consumatori sempre più esigenti e attenti alle caratteristiche nutraceutiche e salutistiche di prodotti cui Cascina San Cassiano risponde pienamente".

Contatti:
Cascina San Cassiano Srl

Corso Piave, 182
12051 Alba (CN)
Tel.: (+39) 0173 282638
Cell.: (+39) 335 208590 - (+39) 338 3779014
Email: info@cascinasancassiano.com
Web: www.cascinasancassiano.com

Data di pubblicazione: 10/07/2017
Autore: Concetta Di Lunardo
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

26/09/2017 ISI Sementi: brillanti prestazioni del pomodoro da industria ISI 15767
25/09/2017 Tutelare il Fico bianco del Cilento Dop dalle contraffazioni
25/09/2017 Presto si potra' acquistare rucola 'fresca' nel bancone dei surgelati
22/09/2017 Kale Insal'Arte: l'alleato contro l'autunno
21/09/2017 Savini Tartufi: un'esperienza sensoriale dal gusto toscano
20/09/2017 Doppia trasferta internazionale per Natura Nuova
20/09/2017 Sapori di Puglia dell'azienda Spina: 300 referenze garantite dalla tracciabilita' di filiera
18/09/2017 Batteriosi del pomodoro: OI Pomodoro Industria Nord Italia istituisce fondo di emergenza per anticipare parte dell'indennizzo della Regione Emilia-Romagna
18/09/2017 A Tavola con... l'evento romano dedicato alle ricercatezze gourmet
18/09/2017 I prodotti surgelati sono buoni quanto i freschi, ma i consumatori ne sono consapevoli?
15/09/2017 Agrumi-Gel: Salvatore Imbesi parla degli accordi di filiera con Ortogel
15/09/2017 Svezia: sempre piu' popolari gli spuntini di frutta gia' tagliata
14/09/2017 I trasformati siciliani a marchio Mama tra gli espositori al World Food Moscow 2017
14/09/2017 Passata di pomodoro fortificata con antociani
14/09/2017 Etnadolce punta ai trasformati Gluten Free e senza olio di palma
13/09/2017 Sa Marigosa premiata al Bellavita Awards London 2017 per i suoi trasformati di Carciofo Spinoso di Sardegna DOP
12/09/2017 Finalmente distribuiti in farmacia i preparati AppleMets a base di polifenoli della Melannurca
11/09/2017 Bio Awards 2017: Zerbinati premiato al Sana per il secondo anno consecutivo
11/09/2017 Foggia: pomodori in anticipo, raggiunto il tetto dei 24 milioni di quintali
08/09/2017 Cia Ferrara: per il pomodoro da industria una campagna positiva solo a meta'

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*