Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Albicocche: 2017 anno zero? Per qualcuno i nodi sono venuti al pettine

"Quest'anno stiamo assistendo alla concomitanza di tanti fattori. Entrata in produzione di migliaia di ettari di albicocco, allegagione abbondante, sovrapposizione fra diverse aree di produzione, qualità organolettica non sempre ottimale. E' l'anno zero dell'albicocco, e lo si vede dai prezzi".



Così un operatore romagnolo, che commercializza ogni anno migliaia di tonnellate di frutta, giudica le prime settimane di commercializzazione, che hanno mostrato prezzi ben al di sotto delle aspettative. E si concentra sull'albicocco, una coltura fino all'anno scorso giudicata miracolosa sul fronte della redditività.

"Sono stati piantati migliaia di ettari - dice l'operatore - e quest'anno ne è entrato in produzione almeno il 70%. Non siamo ancora alla produzione piena, ma già ci sono segnali di saturazione... e conseguente preoccupazione. Credo che la maggior parte delle varietà non sia all'altezza delle aspettative dei consumatori. Spesso anche quelle rosse, che all'occhio appaiono migliori, al gusto sono acidule. Così non si va da nessuna parte. In Italia abbiamo il vizio di sperimentare poco in campo le nuove varietà. Vengono immesse sul mercato troppo in fretta, spesso senza panel test con i consumatori".



Di tale ragionamento dell'operatore abbiamo avuto riprova pochi giorni fa. Parlando con un responsabile di un'azienda che partecipa al progetto Frutta nelle Scuole (che, per inciso, non concordava con quanto da noi scritto, cfr. FreshPlaza del 26/05/2017), con molta tranquillità questi ci ha riferito che "la frutta fornita rispettava tutti i capitolati e le condizioni minime di qualità del bando". Secondo noi, c'è il rischio, reale, di una distanza sempre più difficilmente colmabile fra la qualità fornita dagli operatori e quella desiderata dai consumatori.



Ma torniamo all'operatore. "Non si deve fare l'errore di intasare i mercati generali e, allo stesso modo, i supermercati devono praticare prezzi equi quando c'è molto prodotto. L'unica soluzione, in annate come queste, è aumentare le vendite, i consumi. Non è che se i prezzi restano invariati, i consumatori aumentano gli acquisti. I produttori stanno ricevendo al di sotto dei costi di produzione: la Gdo potrebbe metterci un po' di buona volontà e sostenere la base".

Anche per pesche e nettarine le cose non sono partite bene. In alcune zone, come in Romagna, al momento la qualità organolettica non è elevata, con calibri piccoli e poco prodotto extra. La massima qualità viene ben liquidata, ma si tratta solo di un 10% rispetto al totale.

Data di pubblicazione: 08/06/2017
Autore: Cristiano Riciputi
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

31/07/2017 Situazione critica per i prezzi delle pesche: le denunce di Alleanza Cooperative, Cia e Coldiretti Cuneo
31/07/2017 Previsioni WAPA-Prognosfruit: volumi in calo per mele e pere europee
31/07/2017 Performance dell'uva da tavola senza semi BRS Isis, resistente al mal bianco
31/07/2017 Spagna: attesi kaki con calibri maggiori
31/07/2017 Cina: produzione a contratto per i meloni cantalupo
31/07/2017 Jaguar Fruit: come evolve la domanda cinese di frutta importata
31/07/2017 Cina: il mango di Panzhihua
31/07/2017 Veneto: la cimice asiatica devasta i frutteti della Marca, danni fino al 50%
31/07/2017 Agriz coltiva l'Emblema dell'estate grazie alla selezione di anguria della Cora Seeds
31/07/2017 Via libera dall'Unione europea alle albicocche DOP della Turchia
31/07/2017 Analisi sensoriale utile per capire cosa vuole il consumatore. Guarda tutte le foto!
31/07/2017 OP La Deliziosa: prezzi in crescita e strategia di green marketing per il ficodindia Sicilio
31/07/2017 La produzione di pesche percoche presso la lucana Di Stasi
31/07/2017 Spagna: Kiwi Atlantico produrra' anche actinidia gialla e rossa
28/07/2017 La produzione di mele tradizionali e club in Canada
28/07/2017 Un'azienda agricola cilena di Dole ottiene la certificazione Rainforest Alliance
28/07/2017 Nuove acquisizioni per Orsero Spa
28/07/2017 L'impronta ecologica dell'avocado in confronto con quella delle banane
28/07/2017 Cina: produzione di pitaya in serra
28/07/2017 Galilee Export prevede di raddoppiare i volumi di datteri Barhi

 

Commenti:


Perché non pensare anche alla trasformazione industriale con particolare attenzione alla essiccazione viste le importazioni!!!! Non sempre è questione di prezzo?
Bruno Marangoni, Bologna , Italia (email) - 08/06/2017 07:09:01


La prima settimana di maggio ho perso 250 q.li di albicocche pronte per essere raccolte per aver rifiutato 12 cent al chilo. Il prezzo medio al dettaglio era di oltre 3,5 euro. E voi parlate di saturazione. Io parlerei di distorsione del mercato, di assenza di concorrenza. Quando il mercato è saturo i prezzi scendono.
Nicola Trisolini, Taranto, Italia - 08/06/2017 07:05:11


noo pure su freshplaza gli errori di ortografia.... siamo alla frutta
"Così un operatore romagnolo, che commercializza ogni HANNO migliaia di tonnellate di frutta, giudica le prime settimane di.."
giuseppe, ravenna, italia - 08/06/2017 06:53:31


Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*