Avvisi

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Albicocche: 2017 anno zero? Per qualcuno i nodi sono venuti al pettine

"Quest'anno stiamo assistendo alla concomitanza di tanti fattori. Entrata in produzione di migliaia di ettari di albicocco, allegagione abbondante, sovrapposizione fra diverse aree di produzione, qualità organolettica non sempre ottimale. E' l'anno zero dell'albicocco, e lo si vede dai prezzi".



Così un operatore romagnolo, che commercializza ogni anno migliaia di tonnellate di frutta, giudica le prime settimane di commercializzazione, che hanno mostrato prezzi ben al di sotto delle aspettative. E si concentra sull'albicocco, una coltura fino all'anno scorso giudicata miracolosa sul fronte della redditività.

"Sono stati piantati migliaia di ettari - dice l'operatore - e quest'anno ne è entrato in produzione almeno il 70%. Non siamo ancora alla produzione piena, ma già ci sono segnali di saturazione... e conseguente preoccupazione. Credo che la maggior parte delle varietà non sia all'altezza delle aspettative dei consumatori. Spesso anche quelle rosse, che all'occhio appaiono migliori, al gusto sono acidule. Così non si va da nessuna parte. In Italia abbiamo il vizio di sperimentare poco in campo le nuove varietà. Vengono immesse sul mercato troppo in fretta, spesso senza panel test con i consumatori".



Di tale ragionamento dell'operatore abbiamo avuto riprova pochi giorni fa. Parlando con un responsabile di un'azienda che partecipa al progetto Frutta nelle Scuole (che, per inciso, non concordava con quanto da noi scritto, cfr. FreshPlaza del 26/05/2017), con molta tranquillità questi ci ha riferito che "la frutta fornita rispettava tutti i capitolati e le condizioni minime di qualità del bando". Secondo noi, c'è il rischio, reale, di una distanza sempre più difficilmente colmabile fra la qualità fornita dagli operatori e quella desiderata dai consumatori.



Ma torniamo all'operatore. "Non si deve fare l'errore di intasare i mercati generali e, allo stesso modo, i supermercati devono praticare prezzi equi quando c'è molto prodotto. L'unica soluzione, in annate come queste, è aumentare le vendite, i consumi. Non è che se i prezzi restano invariati, i consumatori aumentano gli acquisti. I produttori stanno ricevendo al di sotto dei costi di produzione: la Gdo potrebbe metterci un po' di buona volontà e sostenere la base".

Anche per pesche e nettarine le cose non sono partite bene. In alcune zone, come in Romagna, al momento la qualità organolettica non è elevata, con calibri piccoli e poco prodotto extra. La massima qualità viene ben liquidata, ma si tratta solo di un 10% rispetto al totale.

Data di pubblicazione: 08/06/2017
Autore: Cristiano Riciputi
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

20/10/2017 Granrossa: la melagrana 'ionica' nata dall'impegno di Peviani SpA e OP Agricor
20/10/2017 Rilancio della castanicoltura da frutto piemontese
20/10/2017 Tunisia: prezzo delle melagrane Gasbi inferiore all'anno scorso
20/10/2017 Cina: il mercato delle melagrane tunisine ad arilli morbidi e' in flessione
19/10/2017 'Sono Marlene', la figlia delle Alpi
19/10/2017 Germania: perdite significative per i produttori frutticoli, nonostante l'aumento dei prezzi delle mele
19/10/2017 Cina: le mele di Qingyang puntano ai mercati esteri
19/10/2017 Mele Smitten™: la piu' grande produzione mai registrata
19/10/2017 Polonia: nuove varieta' offrono alternative alle mele club
18/10/2017 Cina: le mele Huaniu guardano al mercato europeo
18/10/2017 Coldiretti Liguria: il cinipide del castagno e' stato debellato
18/10/2017 Piemonte: la Regione valuta un piano di risarcimento per la moria dei kiwi
18/10/2017 Spagna: la produzione di cachi sara' inferiore del 20%
18/10/2017 Gli esportatori greci di pesche sono stati i piu' colpiti dall'embargo russo
18/10/2017 Costa Rica: ananas, la nuova sfida e' la Cina
18/10/2017 Spagna: spedizioni di cachi raddoppiate, consumo in continua crescita
18/10/2017 Belgio: aumentano le esportazioni di pere in Estonia e Lituania
17/10/2017 La quota di mercato di UVASYS e' cresciuta insieme alla produzione di uva da tavola
17/10/2017 Brasile: la produzione di angurie aumenta rapidamente
17/10/2017 Una buona stagione per i mirtilli

 

Commenti:


Perché non pensare anche alla trasformazione industriale con particolare attenzione alla essiccazione viste le importazioni!!!! Non sempre è questione di prezzo?
Bruno Marangoni, Bologna , Italia (email) - 08/06/2017 07:09:01


La prima settimana di maggio ho perso 250 q.li di albicocche pronte per essere raccolte per aver rifiutato 12 cent al chilo. Il prezzo medio al dettaglio era di oltre 3,5 euro. E voi parlate di saturazione. Io parlerei di distorsione del mercato, di assenza di concorrenza. Quando il mercato è saturo i prezzi scendono.
Nicola Trisolini, Taranto, Italia - 08/06/2017 07:05:11


noo pure su freshplaza gli errori di ortografia.... siamo alla frutta
"Così un operatore romagnolo, che commercializza ogni HANNO migliaia di tonnellate di frutta, giudica le prime settimane di.."
giuseppe, ravenna, italia - 08/06/2017 06:53:31


Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*