Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Basilicata: alla riscoperta del Fungo Cardoncello grazie al CO.RI.MI-Consorzio Ricerche Micologiche

In Basilicata sono numerosissime le specie di funghi eduli che crescono spontaneamente nelle diverse nicchie ecologiche del territorio, e che rappresentano una risorsa economica oltre a un ineguagliabile patrimonio socio-culturale.


Sopra, il presidente del CO.RI.MI. Donato Aicale

Questo territorio è costituito prevalentemente da montagne (46,8%) e colline (45,13%), e ingloba una grande e preziosa biodiversità. Strettamente legato alle tradizioni gastronomiche locali vi è, indiscutibilmente, il mondo dei funghi.


Qui un esempio di modalità di coltivazione.

Infatti la ricchissima presenza di funghi nella cucina locale, che da sempre si è approvvigionata nei boschi, in tempi più recenti ha stimolato la volontà di sfruttare economicamente la coltivazione di alcune specie, come il pregiato Cardoncello (Pleurotus Eryngii).


Fungo Cardoncello, una prelibatezza della cucina lucana.

A tal fine si è reso indispensabile coniugare le tradizioni locali con l'introduzione di nuovi e organizzati processi produttivi, tant'è che nel 2004 si è costituito il Consorzio Ricerche Micologiche (CO.RI.MI.), proprio allo scopo di avviare la divulgazione, l'assistenza tecnica, la ricerca e la formazione nel settore della micologia applicata.



Oggi il Consorzio raggruppa alcune tra le principali aziende operanti nel settore della produzione del Cardoncello in Basilicata e Puglia (sette in tutto), allo scopo di preservare le specie fungicole autoctone. Tra le varietà più a rischio vi è, appunto, il Pleurotus Eryngii. La principale causa è da attribuire alla pratica della monocoltura e all'uso frequente dei diserbanti, che rende difficile la crescita del Cardo e della Ferula su cui il fungo stesso si sviluppa.

La possibilità di selezionare e produrre in Regione ceppi di Pleurotus Eryngii indigeni costituisce l'elemento essenziale per arrivare alla certificazione di origine del Cardoncello Lucano, che costituirà senza alcun dubbio l'obiettivo più importante del percorso intrapreso dal CO.RI.MI.



"Il Consorzio non è semplicemente un'aggregazione di fungicoltori - dice il presidente, Donato Aicale - ma la condivisione di un percorso di crescita attraverso la realizzazione e la diffusione di supporti formativi, studi di fattibilità, indagini di mercato e campagne pubblicitarie. Registriamo una scarsa conoscenza generale sugli aspetti nutrizionali e nutraceutici del fungo Cardoncello che vogliamo colmare, informando correttamente il consumatore finale".

Il Consorzio, in questo modo, vuol favorire la crescita di una moderna imprenditoria agricola che, da una parte, possa diventare elemento di presidio del territorio, ai fini della sua difesa e conservazione e, dall'altra, protagonista di iniziative produttive in grado di creare valore aggiunto e di assicurare adeguati livelli di reddito.



Le tecniche per la coltivazione dei funghi
"Le cellule del fungo, prelevate direttamente dai cardoncelli spontanei raccolti nel loro ambiente naturale - spiega Aicale - vengono portate in laboratorio e moltiplicate in barattoli di vetro su farina di riso e vermiculite in ambiente sterile. Dopo che il substrato è stato completamente colonizzato dalle spore, il micelio prodotto viene moltiplicato in sacchi di plastica che contengono grano o miglio sterilizzato, fettuccine di barbabietola, melasso ecc".

"Dopo circa sessanta giorni di incubazione, il substrato ottenuto (panetto) può essere avviato alla coltivazione del fungo. L'interramento dei pani, in serre aperte, può avvenire tutto l'anno, in relazione all'andamento stagionale e alle zone di coltivazione. La coltivazione all'aperto, invece, viene fatta su terreno opportunamente protetto dal sole con rete ombreggiante al 90%, sorretta da normali archi per serre".

Contatti:
CO.RI.MI. (Consorzio Ricerche Micologiche)

Via Anzio,36
85100 Potenza - Italy
Tel.: 339 4900089
Email: corimi@virgilio.it

Data di pubblicazione: 30/01/2017
Autore: Gaetano Piccione
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

25/05/2018 Competizione accesa per gli asparagi francesi
25/05/2018 HM.CLAUSE, una presenza costante in Sicilia
25/05/2018 Sicilia: le varieta' Semillas Fito' rispondono alle esigenze dei coltivatori di peperoni
25/05/2018 ISI 82315 F1: una new entry nella gamma dei miniplum di ISI Sementi
25/05/2018 Vivai Cecere: un bilancio delle campagne pomodoro e asparago
24/05/2018 Combinare coltivazione in serra e all'aperto per garantire una produzione tutto l'anno
24/05/2018 Lattughe da pieno campo, tutte le novita' di Gautier
23/05/2018 Svizzera: orticoltura, serve un rafforzamento dell'orientamento strategico
22/05/2018 Ottimo prodotto e prezzi molto interessanti per il finocchio
22/05/2018 Venere Nera F1: focus sull'affermata varieta' Southern Seed
22/05/2018 Cetrioli Blueleaf Rijk Zwaan: ciclo produttivo ancora piu' lungo grazie ai portinnesti
21/05/2018 Azienda agricola Orto e Novita' punta sui microgreens
21/05/2018 Pomodori per ogni gusto: Cora Seeds propone un percorso di scoperta... nel piatto
21/05/2018 Enza Zaden Italia presenta la nuova brochure finocchio
21/05/2018 Sapore significa di piu', non solo mera dolcezza
18/05/2018 Trattamenti post-raccolta per preservare la qualita' dei calcots
18/05/2018 Germania: la grande distribuzione sta per passare al cavolfiore locale
18/05/2018 Lattuga iceberg a marchio ILFRES: avvio ufficiale della campagna
18/05/2018 Preferiscimi: un brand per il commercio ortofrutticolo siciliano
18/05/2018 Il mercato europeo delle erbe aromatiche e' in forte crescita

 

Commenti:


ho un seminterrato di c.a. 200 mq hl 2,70 con 2 finestre lato nord, 1 finestra lato est di 1,5o per 8o,porta d'entrata 3mx2,70.Dal sud piccole prese d'aria e luce potete consigliarmi se e' possibile coltivare funghi e quali accorgimenti avere.
De Palma Domenico, Terlizzi (BA), Italia (email) - 28/01/2018 18:02:00


Vorrei commercializzare i vostri funghi all'ingrosso in Sicilia se è possibile datemi una quotazione Saluti tel.3315254987
Borrometi , Ragusa, Ragusa (email) - 12/01/2018 19:02:57


ho voglia di intraprendere un'attivita' di fungicoltura , ma non so da dove iniziare e come fare, poiche' posseggo dei terreni e vorrei renderli redditizi. Mi potete dare una mano da dove cominciare? Grazie Rossana.
rossana, Foggia, S. Marco in Lamis - 16/05/2017 17:06:20


Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*